Amelia di Mira Nair - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 52/2009

Amelia


Regia di Mira Nair

Gli Oscar fanno spesso precipitare le carriere di dive che fino ad allora volavano ad ali spiegate. Da Halle Berry a Nicole Kidman di esempi ce ne sono, ma la pur brava Hilary Swank le batte tutte: dalla vittoria in poi è riuscita a sbagliare copioni con scientifica precisione. Amelia di Mira Nair sembrava fatto apposta per risorgere: un'eroina che ha messo le ali a un Paese intero, una diva che ha aperto un'epoca - il New Deal del trasporto e della comunicazione di massa (dal 1927 al 1937) -, una donna fragile e modernissima. In una parola, anzi due, Amelia Earhart, l'aviatrice che ha traversato da sola l'Atlantico e che per poco non riusciva a fare il giro del mondo. Eppure Mira Nair, regista che da Monsoon Wedding si è imborghesita dandosi al melodramma intellettualoide e ricattatorio, qui di materiale ne aveva. Dal dividersi della protagonista tra il marito George Putnam, scaltro magnate dell'editoria (Richard Gere) e l'amante Gene Vidal (padre di Gore, Ewan McGregor), al suo essere diventata icona pop e pubblicitaria, fino al carattere libero e inquieto. Ma arranca tra scene scontate e dialoghi da soap con una Swank in caduta libera, un montaggio scadente e una regia col pilota automatico. Si vola bassissimo.

Amelia (2009)
Titolo originale: Amelia
Regia: Mira Nair
Genere: Biografico - Produzione: USA - Durata: 111'
Cast: Hilary Swank, Ewan McGregor, Richard Gere, Virginia Madsen, Mia Wasikowska, Christopher Eccleston, Joe Anderson, Aaron Abrams, Marina Stone, William Cuddy

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy