#iCancelliDelCielo #12 Il cinema dei soldi pubblici

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Chi è senza peccato... è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 08:25.

Due anni fa, mentre aspettavamo Sils Maria a Cannes, vi parlavamo di Boarding Gate di Olivier Assayas, inedito del 2007. Lo è ancora e continuiamo ad amarlo. Ve lo proponiamo questa settimana.

In attesa di 1993, in onda su Sky Atlantic a partire dal 16 maggio, vi riproponiamo, per riepilogare, il Serial Minds di 1992.

Ricordiamo Jonathan Demme anche con questo articolo di Gianni Amelio pubblicato insieme alla locandina di Philadelphia, su FilmTv di qualche anno fa.

In regalo sul numero di Film Tv in edicola dal 3 maggio la locandina di Il federale con Ugo Tognazzi, un classico della commedia all'italiana. Per l'occasione riproponiamo un servizio sul suo autore, Luciano Salce, meno celebrato di altri maestri del filone, eppure grandissimo...

Un film assurdo con Nicolas Cage e l'immensa fiducia nel genere umano di Filippo Mazzarella. I cattivi pensieri di un numero del 2011.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
6904
cineteca
2221
servizi
1844
opinionisti
1365
locandine
589
serialminds
544
scanners
414

News


2 Aprile 2017

#iCancelliDelCielo #12 Il cinema dei soldi pubblici

In occasione dell'uscita in sala di Classe Z, il regista Guido Chiesa ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook, poi condiviso anche dal nostro account Facebook @filmtvrivista. In buona sostanza Chiesa ricorda un suo film di sette anni fa, Io sono con te, dedicato alla figura di Maria di Nazaret. Nonostante ottime recensioni («Le migliori che abbia mai avuto») lo videro meno di 15 mila spettatori per un incasso di 100 mila euro, a fronte di un costo di circa 3 milioni. Una proporzione «inaccettabile» per Chiesa, anche perché si trattava di soldi pubblici. Da qui la decisione di lavorare per Colorado occupandosi di commedie, in cerca di un pubblico più ampio, puntualmente arrivato. Per il suo penultimo film, Belli di papà (2015), con Diego Abatantuono, gli spettatori sono stati 600 mila, l'incasso di quasi 4 milioni e mezzo. Le proporzioni sono queste. Però io vorrei raccontarvi un'altra storia. Quando uscì Io sono con te organizzai una proiezione nella mia città e invitai Guido. Sala piena. Certo, una sala di cento posti. Sono tanti? Sono pochi? Comunque sono. Credo che nessuno sia uscito da quell'incontro uguale a come ci era entrato, perché, complice la presenza di un sacerdote dallo sguardo particolarmente cinefilo, e grazie a una partecipazione non solo professionale dello stesso Guido, quella non fu una proiezione come le altre. Anche chi fatica a scorgere un disegno divino dietro l'esperienza della Madonna è rimasto colpito dal mito (nel senso etimologico del termine) e dal modo in cui era stato rappresentato dal regista. Sono certo che nessuno di quei cento spettatori - io per primo - penserebbe oggi che quei 3 milioni di euro pubblici siano stati spesi male. Aggiungo che se tra altri sette, o quattordici, o ventuno anni dovessimo ripetere la medesima esperienza guardando Io sono con te avremmo lo stesso risultato, mentre non credo che ci ricorderemo di Belli di papà. Questo discorso non ha nulla a che vedere con lo spreco di soldi pubblici, con i privilegi pagati dai cittadini, con la disgrazia di una cinematografia (la nostra) che produce 200 titoli all'anno senza che abbiano (salvo 20, 30...) "mercato". E naturalmente non è in discussione la scelta di Guido Chiesa, più che legittima. Questo discorso ha a che fare con la volontà politica di investire in qualcosa che abbia come unico parametro un valore non negoziabile, non quantificabile economicamente. Potrà essere storico, linguistico, culturale in senso ampio, fate voi. Io sono con te è un film molto bello, per fortuna esiste, è stato realizzato grazie a un importante finanziamento pubblico, che nonostante non abbia avuto un ritorno adeguato è comunque stato, più che giustificabile, giusto. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Lascia un commento

Le ultime news


Cast Wars: i prossimi film delle star

29 Aprile 2017

Con Isle of Dogs Wes Anderson torna all'animazione, già praticata in Fantastic Mr. Fox, e racconta di un ragazzo giapponese che affronta un lungo viaggio per...

Stop&Go: serie che si fermano e serie che (ri)partono

29 Aprile 2017

Warner prepara una propria piattaforma digitale dedicata ai personaggi DC Comics e annuncia due titoli, l'attesa terza stagione della serie animata Young Justice...

I vincitori del Tribeca Film Festival

28 Aprile 2017

Sebbene si concluda il 30 aprile, il Tribeca Film Festival ha già annunciato i vincitori della 16esima edizione, che ha ospitato 97 lungometraggi e ha visto trionfare il...

#iCancelliDelCielo #16 Rock'n'Roll Will Never Die

28 Aprile 2017

Terrazza veneziana, notte, tarda estate del 2015, qualche vodka. Chiacchiere con Jonathan Demme, seduto accanto ad Alix Delaporte, regista francese, tra le migliori. Lui un gigante, inutile...

Le ultime novità del Festival di Cannes

28 Aprile 2017

Mentre di Roman Polanski e del suo caso giudiziario hanno ripreso a discutere le corti americane, Cannes inserisce nella sezione fuori concorso il suo nuovo film: ...

banner300x600.jpg

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l.
Credits - Contatti - Privacy