#iCancelliDelCielo #12 Il cinema dei soldi pubblici

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Velluto nero è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 03:50.

Quanto vale l’altra metà del cielo, sul grande schermo? Quanto potere hanno le registe e le maestranze al femminile a Hollywood? Uno sguardo alle cifre e ai nomi, resistenti o emergenti, del gentil sesso al cinema.

Tempi duri per i grandi della nuova Hollywood. Quando essere un autore di culto tipo Brian De Palma non basta come garanzia per partire con una nuova produzione. Un'analisi di Giulia D'Agnolo Vallan.

Film di culto, pilastro della storia del cinema, capolavoro assoluto. E... Mel Gibson si prepara a rifarlo. Con un ricco cast, come vi raccontiamo nella prossima newsletter. Rileggiamo le parole di Gianni Amelio.

Arriva il 31 maggio su Prime Video una delle nuove serie più attese dell'anno. Si chiama Good Omens, ed è tratta dal romanzo di Neil Gaiman e Terry Pratchett Buona Apocalisse a tutti! Impossibile non ripensare a American Gods , egualmente tratta da un romanzo dello scrittore inglese.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

La citazione

«Tutti i travestimenti del mondo non coprono la puzza di marcio. (Zatōichi)»

scelta da
Nicola Cupperi

cinerama
8657
servizi
3092
cineteca
2812
opinionisti
1906
locandine
1028
serialminds
820
scanners
488

News


2 Aprile 2017

#iCancelliDelCielo #12 Il cinema dei soldi pubblici

In occasione dell'uscita in sala di Classe Z, il regista Guido Chiesa ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook, poi condiviso anche dal nostro account Facebook @filmtvrivista. In buona sostanza Chiesa ricorda un suo film di sette anni fa, Io sono con te, dedicato alla figura di Maria di Nazaret. Nonostante ottime recensioni («Le migliori che abbia mai avuto») lo videro meno di 15 mila spettatori per un incasso di 100 mila euro, a fronte di un costo di circa 3 milioni. Una proporzione «inaccettabile» per Chiesa, anche perché si trattava di soldi pubblici. Da qui la decisione di lavorare per Colorado occupandosi di commedie, in cerca di un pubblico più ampio, puntualmente arrivato. Per il suo penultimo film, Belli di papà (2015), con Diego Abatantuono, gli spettatori sono stati 600 mila, l'incasso di quasi 4 milioni e mezzo. Le proporzioni sono queste. Però io vorrei raccontarvi un'altra storia. Quando uscì Io sono con te organizzai una proiezione nella mia città e invitai Guido. Sala piena. Certo, una sala di cento posti. Sono tanti? Sono pochi? Comunque sono. Credo che nessuno sia uscito da quell'incontro uguale a come ci era entrato, perché, complice la presenza di un sacerdote dallo sguardo particolarmente cinefilo, e grazie a una partecipazione non solo professionale dello stesso Guido, quella non fu una proiezione come le altre. Anche chi fatica a scorgere un disegno divino dietro l'esperienza della Madonna è rimasto colpito dal mito (nel senso etimologico del termine) e dal modo in cui era stato rappresentato dal regista. Sono certo che nessuno di quei cento spettatori - io per primo - penserebbe oggi che quei 3 milioni di euro pubblici siano stati spesi male. Aggiungo che se tra altri sette, o quattordici, o ventuno anni dovessimo ripetere la medesima esperienza guardando Io sono con te avremmo lo stesso risultato, mentre non credo che ci ricorderemo di Belli di papà. Questo discorso non ha nulla a che vedere con lo spreco di soldi pubblici, con i privilegi pagati dai cittadini, con la disgrazia di una cinematografia (la nostra) che produce 200 titoli all'anno senza che abbiano (salvo 20, 30...) "mercato". E naturalmente non è in discussione la scelta di Guido Chiesa, più che legittima. Questo discorso ha a che fare con la volontà politica di investire in qualcosa che abbia come unico parametro un valore non negoziabile, non quantificabile economicamente. Potrà essere storico, linguistico, culturale in senso ampio, fate voi. Io sono con te è un film molto bello, per fortuna esiste, è stato realizzato grazie a un importante finanziamento pubblico, che nonostante non abbia avuto un ritorno adeguato è comunque stato, più che giustificabile, giusto. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #130

23 Maggio 2019

Novità sul fronte Nolan
Difficile dire quando Christopher Nolan sia diventato ufficialmente la versione cinematografica e su scala globale delle cucine...

Addio e grazie per tutte le news #129

22 Maggio 2019

Georgia (Not) On My Mind
Per chi non lo sapesse, un breve riassunto delle puntate precedenti. Al momento gli Stati Uniti sono governati da un manipolo di anziani,...

Appello al voto di oltre 400 registi e attori

21 Maggio 2019

In previsione delle elezioni europee, che si terranno dal 23 al 26 maggio 2019, alcuni cineasti e personalità di spicco del mondo del cinema si sono incontrati durante il festival di Cannes,...

Addio e grazie per tutte le news #128

21 Maggio 2019

Il messaggio ecumenico di Tarantino
“Io amo il cinema. Voi amate il cinema. È il viaggio che ci porta a scoprire una storia per la prima volta. Sono emozionato all'idea di...

Addio e grazie per tutte le news #127

17 Maggio 2019

Il primo Batman vampiro magico
Con Ben Affleck preso da molti altri problemi, non ultimo allontanarsi il più possibile dal disastro aereo che è finora stato l'universo...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy