#iCancelliDelCielo #12 Il cinema dei soldi pubblici

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Luca Pacilio dice che Il volto di un'altra è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 23:10.

Durante l'estate 2014, storditi dall’eco degli orrori dell'ennesima recrudescenza del conflitto tra israeliani e palestinesi, abbiamo cercato di fare il punto sul cinema della zona più martoriata del medio oriente, sperando in un dialogo anche attraverso i film

In molti oggi ricordano John G. Avildsen, appena scomparso, regista del primo Rocky , che resta però soprattutto "di" Sylvester Stallone. Riproponiamo la locandina originale "ragionata" di un film che fu dal primo momento leggendario.

Possiamo dire grazie signora Thatcher ? In un editoriale del 2013 Mauro Gervasini riteneva di sì. Nel regalarvi su FilmTv n° 24 la locandina di Io, Daniel Blake ne siamo ancora convinti. Rileggetelo, se vi va.

Sieranevada di Cristi Puiu per fortuna non è più un inedito. Ma dello stesso regista ce n'è ancora uno che vi segnaliamo.

Avete letto? Breaking Bad sta per tornare con la realtà virtuale. Ma ricordate quando tutto è cominciato?

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
7245
cineteca
2266
servizi
1929
opinionisti
1394
locandine
805
serialminds
565
scanners
428

News


2 Aprile 2017

#iCancelliDelCielo #12 Il cinema dei soldi pubblici

In occasione dell'uscita in sala di Classe Z, il regista Guido Chiesa ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook, poi condiviso anche dal nostro account Facebook @filmtvrivista. In buona sostanza Chiesa ricorda un suo film di sette anni fa, Io sono con te, dedicato alla figura di Maria di Nazaret. Nonostante ottime recensioni («Le migliori che abbia mai avuto») lo videro meno di 15 mila spettatori per un incasso di 100 mila euro, a fronte di un costo di circa 3 milioni. Una proporzione «inaccettabile» per Chiesa, anche perché si trattava di soldi pubblici. Da qui la decisione di lavorare per Colorado occupandosi di commedie, in cerca di un pubblico più ampio, puntualmente arrivato. Per il suo penultimo film, Belli di papà (2015), con Diego Abatantuono, gli spettatori sono stati 600 mila, l'incasso di quasi 4 milioni e mezzo. Le proporzioni sono queste. Però io vorrei raccontarvi un'altra storia. Quando uscì Io sono con te organizzai una proiezione nella mia città e invitai Guido. Sala piena. Certo, una sala di cento posti. Sono tanti? Sono pochi? Comunque sono. Credo che nessuno sia uscito da quell'incontro uguale a come ci era entrato, perché, complice la presenza di un sacerdote dallo sguardo particolarmente cinefilo, e grazie a una partecipazione non solo professionale dello stesso Guido, quella non fu una proiezione come le altre. Anche chi fatica a scorgere un disegno divino dietro l'esperienza della Madonna è rimasto colpito dal mito (nel senso etimologico del termine) e dal modo in cui era stato rappresentato dal regista. Sono certo che nessuno di quei cento spettatori - io per primo - penserebbe oggi che quei 3 milioni di euro pubblici siano stati spesi male. Aggiungo che se tra altri sette, o quattordici, o ventuno anni dovessimo ripetere la medesima esperienza guardando Io sono con te avremmo lo stesso risultato, mentre non credo che ci ricorderemo di Belli di papà. Questo discorso non ha nulla a che vedere con lo spreco di soldi pubblici, con i privilegi pagati dai cittadini, con la disgrazia di una cinematografia (la nostra) che produce 200 titoli all'anno senza che abbiano (salvo 20, 30...) "mercato". E naturalmente non è in discussione la scelta di Guido Chiesa, più che legittima. Questo discorso ha a che fare con la volontà politica di investire in qualcosa che abbia come unico parametro un valore non negoziabile, non quantificabile economicamente. Potrà essere storico, linguistico, culturale in senso ampio, fate voi. Io sono con te è un film molto bello, per fortuna esiste, è stato realizzato grazie a un importante finanziamento pubblico, che nonostante non abbia avuto un ritorno adeguato è comunque stato, più che giustificabile, giusto. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Lascia un commento

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


La legge Mammì e i tagli ai film in tv

22 Giugno 2017

Il 10 giugno 2017 è venuto a mancare Oscar Mammì: in molti hanno ricordato la legge sulla tv che porta il suo nome, ma Alberto Pezzotta, nell'editoriale che apre...

Uma Thurman e Jeremy Renner premiati a Karlovy Vary

21 Giugno 2017

Uma Thurman parteciperà all'apertura del cinquantaduesimo festival di Karlovy Vary, inaugurato dalla proiezione di The Big Sick di...

American Tv Story: J.J. Abrams e l'arte di creare mondi

21 Giugno 2017

Prendete una scatola, disegnateci sopra un punto interrogativo, osservate accadere la magia. «Tutto quel che c’è da sapere su J.J. Abrams sta lì, ai piedi di quel punto di...

Dopo Sherlock: Dracula!

20 Giugno 2017

Mark Gatiss e Steven Moffat, la coppia di autori della serie Sherlock con Benedict Cumberbatch e Martin Freeman (e lo stesso Gatiss nei pani di Mycroft...

Da Sodoma a .../Cinema

20 Giugno 2017

Ieri, 19 giugno, nella sezione Lovers Talks del Lovers Film Festival di Torino, di cui siamo media partner, la nostra Ilaria Feole ha...

300x600.jpeg

Isola del Cinema

Scelti da FilmTv nella programmazione estiva dell'Isola del Cinema: Speciale Isola del Cinema

cannes verticale.jpg

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy