David Lynch a tutto campo

970x250_FI.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Sapore di mare è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 17:10.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2501
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463

News


19 Maggio 2017

David Lynch a tutto campo

La segretezza è stata al centro della campagna promozionale della nuova Twin Peaks, senza alcuna anteprima fornita ai critici (e nemmeno al festival di Cannes) e con solo pochissimo nuovo materiale impiegato nei trailer (sotto l'ultimo). La serie è vicinissima al debutto, con la messa in onda dei primi due episodi domenica 21 seguiti dall'immediata diffusione online degli episodi tre e quattro, ma anche ora David Lynch conferma l'attitudine "no spoiler" in una lunga intervista concessa a IndieWire (sotto il link al testo originale), dove in compenso ha parlato del suo personale rapporto con la serie, dell'evoluzione della Tv e del cinema e dei suoi animali preferiti.

«Sono invecchiato di 25 anni» dice laconicamente riguardo a com'è cambiato rispetto al debutto di Twin Peaks, ma poi aggiunge «Se si guarda al mondo in cui viviamo oggi ci sono cose diverse rispetto a 25 anni fa, ma molte cose sono ancora le stesse. Io sono sempre lo stesso».

Alla conclusione delle riprese della nuova serie si è sentito «triste perché era finita, ed è stata un tale piacere da girare, ma mi sono anche sentito bene per il raggiungimento dell'obiettivo». Confessa però di non essersene separato del tutto e di sognare ancora, a volte, i personaggi di Twin Peaks e il loro mondo. 

«La tecnologia non ha cambiato il modo di raccontare le storie. È digitale anziché analogica, ma la narrazione rimane la stessa, solo con strumenti diversi. Il digitale si suppone sia più efficiente, e in un certo senso lo è, ma ti da anche così tante possibilità che può rallentarti». Gli sembra invece molto diverso lo scenario televisivo: «La maturità delle Tv via cavo è davvero una bella cosa. Niente pubblicità. È come un piccolo teatro. È cinema sullo schermo di una Tv. Ho sempre pensato anche della serie originale che fosse un film, ma era un'eccezione il resto della produzione televisiva era diverso da quella cinematografica. Oggi invece il cinema può essere in Tv».

Confessa poi di aver rivisto la serie originale: «L'episodio pilota è quello che dà il tono a tutto, per me è molto speciale, è l'essenza di Twin Peaks. Mi fa piacere che ci siano così tante teorie sulla serie e anche se non le leggo ritengo che tutte loro siano valide. Siamo tutti detective, vogliamo capire le cose. La vita è la prima cosa che vogliamo capire e quindi è bello che la gente cerchi delle interpretazioni. Le ultime cose che ho visto che mi hanno fatto pensare sono Mad Men e Breaking Bad, mi hanno trasportato in un mondo e accompagnato nel modo giusto».

Riguardo il cinema ha poi spiegato: «Lo scenario è cambiato moltissimo. I cinema d'essai non ci sono più e nelle grandi sale vengono proiettati solo certi tipi di film, che sono molto distanti da me. Se facessi un film sarebbe nelle sale una settimana a Los Angeles e New York e poi andrebbe direttamente in Tv». 

«Lavoro seguendo le idee e se le idee arrivano come animali, allora uso gli animali. Mi piacciono i cervi, i maiali, soprattutto i maialini, e alcuni cani». Dice Lynch mentre il gatto dell'intervistatore miagola per protesta.

Della collaborazione con Angelo Badalamenti racconta: «Scrive musica che muove l'anima e il cuore. Mi piace lavorare e parlare con lui, e poi lui compone quello che gli chiedo». 

Infine, alla domanda se sente pressione per la partenza imminente della serie, dice: «No, mi sento bene, mi sento davvero bene».

L'ultimo criptico trailer della nuova Twin Peaks

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Lars Von Trier e Terry Gilliam fra le ultime aggiunte del Festival di Cannes

21 Aprile 2018

L'edizione 2018 del Festival di Cannes procede a gambero: dopo il passo indietro dell'affaire Netflix, che ha fatto perdere al Festival la...

Siglato un accordo tra DreamWorks e Guillermo del Toro

21 Aprile 2018

Guillermo del Totoro di soprannome e di fatto: il regista messicano ha firmato ieri un contratto in esclusiva con DreamWorks Animation per scrivere, produrre e...

Rimandate ulteriormente le riprese del sequel di World War Z

20 Aprile 2018

L'idea di vedere David Fincher, fra i più influenti autori contemporanei, mettere la mani su un blockbuster fracassone e ad altissimo budget come il sequel di World...

Taron Egerton sarà Elton John in Rocketman

20 Aprile 2018

C'è da chiedersi se Sir Elton John non abbia dato personalmente il benestare a Taron Egerton per farsi interpretare in Rocketman,...

BIF&ST: al via il festival del cinema di Bari

20 Aprile 2018

Il nono Bif&st - Bari International Film Festival (da sabato 21 a sabato 28 aprile), presieduto da Margarethe von Trotta e diretto da Felice Laudadio, è nel segno di Bernardo Bertolucci: il...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy