Scomparso Jóhann Jóhannsson, il compositore di Arrival e La teoria del tutto

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che La dominatrice è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


11 Febbraio 2018

Scomparso Jóhann Jóhannsson, il compositore di Arrival e La teoria del tutto

Ieri mattina è scomparso nella sua casa di Berlino il compositore islandese Jóhann Jóhannsson. Aveva solo 48 anni e le cause del suo decesso non sono ancora state rese note. Jóhannsson è stato un incredibile musicista, fuori dai canoni grazie alla sua formazione da autodidatta. Comincia a suonare a metà degli anni novanta e passa più di un decennio a esplorare i confini tra musica classica e ambient, minimalismo ed elettronica, registrando album con ensemble sperimentali - fiati, glockenspiel, organo e campane - e godendo della possibilità di condividere il suo processo artistico all'interno del think thank da lui fondato, Kitchen Motors, che funziona come collegamento interdisciplinare, etichetta discografica ed ente per la promozione di eventi culturali.

Quindi, con un ritardo più che giustificato, arriva al cinema e alla composizione di colonne sonore ed entra in punta di piedi da una porta di servizio. Il suo primo film è il dramma matrimoniale a tinte nere e gialle Mystery, diretto dal cinese non troppo amato in patria Lou Ye e presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes del 2012. E alla fine arriva Denis Villeneuve. Tra il regista quebecchese e il compositore islandese scoppia un amore artistico che porta alla collaborazione in tre film nel giro di tre anni: lo splendido Prisoners, Sicario (con cui Jóhannsson ottiene una nomination all'Oscar) e quello che probabilmente rimarrà il lavoro cinematografico più sublime di Jóhannsson, l'evocativa, malinconica ma inquietante colonna sonora di Arrival

In mezzo alla collaborazione con Villeneuve, Jóhannsson trova spazio anche per comporre le musiche di La teoria del tutto, che gli fruttano la vittoria di un Golden Globe nel 2015. Solo nell'ultimo anno, il musicista islandese aveva lavorato come consulente alla colonna sonora di Madre! e aveva realizzato quelle di Il mistero di Donald C. per James Marsh e di Maria Maddalena per Garth Davis.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Tutto quello che c'è da sapere su Cartoomics 2019

20 Febbraio 2019

Si avvicina marzo. E con esso, oltre agli improvvisi scrosci di pioggia e le prime scalmane primaverili, torna puntuale anche il Cartoomics, la convention di cultura pop...

Addio e grazie per tutte le news #078

18 Febbraio 2019

Non più di un soprammobile per l'attico di New York
Sarà incredibile vedere come la stessa notizia verrà assorbita dai due lati del muro immaginario. Anzi, dai due spalti...

Berlinale69 - Gli Orsi di FilmTv

16 Febbraio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival.

Per ogni critico trovate il film preferito e il pronostico sul...

Addio e grazie per tutte le news #077

15 Febbraio 2019

Will, le sorelle Wachowski e il bullet time
Come diamine sarebbe stata la trilogia di Matrix con Will Smith al posto di Keanu...

Addio e grazie per tutte le news #076

14 Febbraio 2019

Qualcuno faccia rilassare James Cameron
C'è un ottimo modo per verificare se l'indole di una persona tende più allo spensierato o all'intenso. Basta portarla al cinema a...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy