Quel minimalista di Pasolini

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Scemo di guerra è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 10:25.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Smettete di pensare che la scienza possa aggiustare tutto se le date 3 miliardi di dollari. (Kurt Vonnegut)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8277
cineteca
3049
servizi
2826
opinionisti
1776
locandine
1000
serialminds
755
scanners
477

News


14 Febbraio 2018

Quel minimalista di Pasolini

Mi chiedo con quanta hybris chiunque possa pensare di scrivere, da solo, una storia del cinema. Mark Cousins lo fa: la sua Storia del cinema, del 2004/2011 (quante cose sono successe da allora...), viene ora tradotta da UTET (pp. 512, € 31). Mi chiedo anche con che ardire si possa pensare di proporre al pubblico italiano una storia del cinema in cui non si parla di Argento e Bava (sono solo registi di genere? Ma allora perché c’è Hideo Nakata?); si tace di Comencini, Lattuada, Monicelli, Pietrangeli, Risi (vabbe’, il nostro cinema è drammaticamente misconosciuto all’estero); di Ferreri si cita solo El cochecito, e non c’è una sola menzione di Olmi e Rosi (e qui non c’è scusa che tenga). Verrebbe voglia di buttare via subito il tomo, vero? Non che la Francia se la passi meglio: di Epstein, Rohmer, Rivette quasi non si parla. In compenso ci sono un sacco di iraniani, indiani, africani: la foglia di fico del politically correct terzomondista compensa le voragini. Anch’io penso che Haile Gerima sia un grande, sia chiaro. Ma penso anche che Il posto, Salvatore Giuliano e La grande abbuffata in una storia del cinema non possano mancare. Vediamo allora quali sono i criteri che motivano queste esclusioni. Cousins, che anni fa ha realizzato un fluviale documentario sulla storia del cinema dove parlava per decine di minuti di un gigante come Buck Henry, esordisce così: «Sebbene gli elementi economici nel cinema siano importanti, non troverete molti dettagli sul costo di un film o sull’organizzazione dell’industria e del mercato del cinema». Bene, da tempo gli accademici si sforzano di uscire da una vetusta impostazione idealistico-autorialista, di parlare di economia, mercato, pubblico e generi, ma Cousins torna mezzo secolo indietro. Se non prima. Il criterio che lo guida è quello dell’«innovazione» e della «creatività». I registi che lo interessano sono quelli che inventano nuove forme, e la storia del cinema è quella delle reciproche influenze. Un liceale avrebbe pensato a qualcosa di meno rozzo e ingenuo. Ma vediamo come Cousins parla degli registi a lui cari. Un nome a caso: Pasolini. «Al di là dell’Atlantico troviamo un altro regista che, come Warhol, era omosessuale e tendeva al minimalismo assoluto». Minimalismo? Poi paragona Pasolini a Bresson, Maysles, Dreyer, Cassavetes e Hitchcock: parole in libertà, analogie così vaghe da essere ridicole. Infine un attimo di concretezza: parla dell’influenza della pittura e delle inquadrature frontali. C’è anche una foto: «Pasolini usò i potenti ritratti biblici del pittore pre-rinascimentale Giotto come ispirazione per il proprio lavoro». Peccato che il «potente ritratto biblico» riprodotto sia San Pietro nella Distribuzione dei beni di Masaccio. Non male, per uno che cita Gombrich come suo ispiratore. A questo punto la voglia di chiudere il libro è irresistibile. Un’ultima prova: «Kubrick era un Keaton senza allegria». Un’ultimissima: «La dolce vita è un intero film vizioso quanto le scene religiose ne Le notti di Cabiria, un’influente ma involuta denuncia della borghesia romana alla moda». Spero vivamente che nessuno studente apra mai questo libro.

[pubblicata su FilmTv n° 07/2018]

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #019

14 Novembre 2018

I bei ricordi di giovinezza di Michael Douglas
Michael Douglas
una manciata di cose le ha fatte, nella sua carriera cinematografica. Per usare un eufemismo. E le ha fatte...

Annunciato il programma del 36esimo Torino Film Festival

14 Novembre 2018

La 36esima edizione del Torino Film Festival partirà e si chiuderà in grande stile, con la collaborazione fra Jason Reitman e Hugh Jackman ...

CineTRIP #002

14 Novembre 2018

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
15-18 novembre 2018

LAMBRUSCO, POPCORN E CORTI
Piccoli film...

Addio e grazie per tutto il pesce #018

13 Novembre 2018

E Zeffirelli, per puro spirito di competizione, rilancia
Non è un caso che Franco Zeffirelli abbia da poco annunciato il coinvolgimento in una nuova regia...

Addio a Stan Lee

13 Novembre 2018

Avevamo tutti creduto fosse un po' immortale, Stan Lee. Anche le nuove generazioni, cresciute pensando fosse solo il vecchino che ricorreva con buffi cammei in tutti i film...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy