Quel minimalista di Pasolini

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che La dominatrice è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

La citazione

«Tutti i travestimenti del mondo non coprono la puzza di marcio. (Zatōichi)»

scelta da
Nicola Cupperi

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


14 Febbraio 2018

Quel minimalista di Pasolini

Mi chiedo con quanta hybris chiunque possa pensare di scrivere, da solo, una storia del cinema. Mark Cousins lo fa: la sua Storia del cinema, del 2004/2011 (quante cose sono successe da allora...), viene ora tradotta da UTET (pp. 512, € 31). Mi chiedo anche con che ardire si possa pensare di proporre al pubblico italiano una storia del cinema in cui non si parla di Argento e Bava (sono solo registi di genere? Ma allora perché c’è Hideo Nakata?); si tace di Comencini, Lattuada, Monicelli, Pietrangeli, Risi (vabbe’, il nostro cinema è drammaticamente misconosciuto all’estero); di Ferreri si cita solo El cochecito, e non c’è una sola menzione di Olmi e Rosi (e qui non c’è scusa che tenga). Verrebbe voglia di buttare via subito il tomo, vero? Non che la Francia se la passi meglio: di Epstein, Rohmer, Rivette quasi non si parla. In compenso ci sono un sacco di iraniani, indiani, africani: la foglia di fico del politically correct terzomondista compensa le voragini. Anch’io penso che Haile Gerima sia un grande, sia chiaro. Ma penso anche che Il posto, Salvatore Giuliano e La grande abbuffata in una storia del cinema non possano mancare. Vediamo allora quali sono i criteri che motivano queste esclusioni. Cousins, che anni fa ha realizzato un fluviale documentario sulla storia del cinema dove parlava per decine di minuti di un gigante come Buck Henry, esordisce così: «Sebbene gli elementi economici nel cinema siano importanti, non troverete molti dettagli sul costo di un film o sull’organizzazione dell’industria e del mercato del cinema». Bene, da tempo gli accademici si sforzano di uscire da una vetusta impostazione idealistico-autorialista, di parlare di economia, mercato, pubblico e generi, ma Cousins torna mezzo secolo indietro. Se non prima. Il criterio che lo guida è quello dell’«innovazione» e della «creatività». I registi che lo interessano sono quelli che inventano nuove forme, e la storia del cinema è quella delle reciproche influenze. Un liceale avrebbe pensato a qualcosa di meno rozzo e ingenuo. Ma vediamo come Cousins parla degli registi a lui cari. Un nome a caso: Pasolini. «Al di là dell’Atlantico troviamo un altro regista che, come Warhol, era omosessuale e tendeva al minimalismo assoluto». Minimalismo? Poi paragona Pasolini a Bresson, Maysles, Dreyer, Cassavetes e Hitchcock: parole in libertà, analogie così vaghe da essere ridicole. Infine un attimo di concretezza: parla dell’influenza della pittura e delle inquadrature frontali. C’è anche una foto: «Pasolini usò i potenti ritratti biblici del pittore pre-rinascimentale Giotto come ispirazione per il proprio lavoro». Peccato che il «potente ritratto biblico» riprodotto sia San Pietro nella Distribuzione dei beni di Masaccio. Non male, per uno che cita Gombrich come suo ispiratore. A questo punto la voglia di chiudere il libro è irresistibile. Un’ultima prova: «Kubrick era un Keaton senza allegria». Un’ultimissima: «La dolce vita è un intero film vizioso quanto le scene religiose ne Le notti di Cabiria, un’influente ma involuta denuncia della borghesia romana alla moda». Spero vivamente che nessuno studente apra mai questo libro.

[pubblicata su FilmTv n° 07/2018]

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Tutto quello che c'è da sapere su Cartoomics 2019

20 Febbraio 2019

Si avvicina marzo. E con esso, oltre agli improvvisi scrosci di pioggia e le prime scalmane primaverili, torna puntuale anche il Cartoomics, la convention di cultura pop...

Addio e grazie per tutte le news #078

18 Febbraio 2019

Non più di un soprammobile per l'attico di New York
Sarà incredibile vedere come la stessa notizia verrà assorbita dai due lati del muro immaginario. Anzi, dai due spalti...

Berlinale69 - Gli Orsi di FilmTv

16 Febbraio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival.

Per ogni critico trovate il film preferito e il pronostico sul...

Addio e grazie per tutte le news #077

15 Febbraio 2019

Will, le sorelle Wachowski e il bullet time
Come diamine sarebbe stata la trilogia di Matrix con Will Smith al posto di Keanu...

Addio e grazie per tutte le news #076

14 Febbraio 2019

Qualcuno faccia rilassare James Cameron
C'è un ottimo modo per verificare se l'indole di una persona tende più allo spensierato o all'intenso. Basta portarla al cinema a...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy