Addio a Miloš Forman

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Decameron è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 01:10.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8138
cineteca
2926
servizi
2687
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471

News


14 Aprile 2018

Addio a Miloš Forman

Miloš Forman, regista e sceneggiatore di origini ceche ma con cittadinanza americana, è scomparso poche ore fa nella sua casa del Connecticut all'età di 86 anni.

Nato nel 1932 a Čáslav, piccola città della Boemia centrale al tempo appartenente alla Cecoslovacchia, iniziò la sua carriera in patria dopo essersi trasferito a Praga per frequentare la scuola di cinema. La sua non è stata la storia di un profeta inascoltato in patria, tanto che nel 1965 il suo secondo lungometraggio, Gli amori di una bionda, rappresentò la Cecoslovacchia per l'Oscar come Miglior film straniero. Forman abbandonò il suo paese natale nel 1968 in seguito alla Primavera di Praga, colto dal timore che la libertà e la vena satirica del suo cinema mal si sarebbe adattata all'invasore sovietico. Scelta saggia, tenendo conto della reazione poco sportiva con cui le autorità cecoslovacche accolsero, nel 1967, il suo terzo film Al fuoco, pompieri!, pungente satira sulle istituzioni del paese che gli valse la seconda candidatura all'Oscar.

Di se stesso, in un'autobiografia pubblicata nel 1994, disse: «Nella mia vita ho fatto sempre di tutto per vincere». Una frase che acquisisce un peso specifico ulteriore ripensando agli inizi della sua avventura americana. Il suo primo assaggio di cinema al di là della cortina di ferro è la commedia Taking Off, distribuita nel 1971. Un bagno di sangue al botteghino di proporzioni talmente disastrose che Forman finì con il ritrovarsi in debito di 500 dollari nei confronti dei distributori.

Quattro anni dopo, nel 1975, Forman, trascinato da fortuna, talento e testardaggine, conquistò anche il pubblico occidentale dirigendo Jack Nicholson in Qualcuno volò sul nido del cuculo, che gli valse il primo dei suoi due Oscar come Miglior regista. Lui stesso ammise la buona sorte avuta nell'ottenere quel lavoro: fu contattato dai produttori del film Michael Douglas e Saul Zaentz semplicemente perché, anche a causa dell'inizio balbettante della sua carriera americana, era fra gli autori più economici a disposizione.

Da quel momento in poi, e fino alla fine degli anni '90, la carriera di Miloš Forman è stata esemplare. A cavallo degli anni '70 e '80 avvicina il suo cinema alla musica, dirigendo il musical di culto Hair, il troppo spesso dimenticato Ragtime e il mai abbastanza incensato Amadeus, per il quale viene premiato dall'Academy con la sua seconda statuetta. Nonostante tutte le fortune di critica, premi e successo di pubblico ottenute da Amadeus, Forman ha sempre ricordato con affetto il film soprattutto perché gli ha dato la possibilità di tornare a lavorare, seppur temporaneamente, in patria. Oltretutto, lo stesso autore ceco scrisse in seguito (con una certa amarezza) di essere sicuro di aver raggiunto il picco della sua arte cinematografica con Amadeus.

Le sue due successive regie, Valmont e Larry Flint. Oltre lo scandalo, per svariati motivi non ebbero la stessa fortuna. Il primo fu oscurato dalla contemporanea uscita di Le relazioni pericolose, diretto da Stephen Frears a partire dallo stesso omonimo romanzo di Pierre-Ambroise-François Choderlos de Laclos. Il secondo, invece, fu un disastro al botteghino: il pubblico americano non apprezzò l'antieroico ritratto di Larry Flint, eccentrico fondatore e direttore della rivista per adulti Hustler.

Nel 1999 arriva l'ultimo colpo di coda di un regista gigantesco, fra i pochi che siano riusciti a coniugare la profondità del cinema d'autore europeo e la spettacolarità dell'industria americana. E l'ultimo grande film di Miloš Forman, Man on the Moon, non poteva che essere un omaggio a un artista affine e immenso, quell'Andy Kaufman che nessuno ha mai conosciuto veramente e che, con un silenzio rumoroso, ha segnato la vita di moltissime persone. Compresa quella di Forman, che appena prima dell'uscita del film ha sposato la sua terza moglie, Martina, che aveva lavorato sul set come assistente di produzione. Con lei avrà due gemelli, battezzati Andrew e James in onore di Kaufman e di Jim Carrey, protagonista di Man on the Moon.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Annunciato un film sul salvataggio dei ragazzi thailandesi intrappolati nella grotta

18 Settembre 2018

Ci voleva un agente di spettacolo con molto pelo sullo stomaco per ottenere i diritti di sfruttamento su una storia così fresca, e Universal Pictures aveva l'uomo giusto. Matt...

Tutti i vincitori degli Emmy 2018

18 Settembre 2018

Ci volevano Bill Hader (anch'egli vincitore di una statuetta) e HBO per, finalmente, far salire da vincitore sul palco degli Emmy un sacerdote della Tv americana: Henry...

Il misterioso caso della scomparsa di Fan Bingbing

17 Settembre 2018

Il problema delle autorità cinesi, ora che il mercato cinematografico dell'ex Impero celeste è il secondo al mondo per incassi, è che l'esposizione mediatica delle loro personalità più in vista...

Quando Jake Gyllenhaal realizzò per caso il sogno di Barry Jenkins

17 Settembre 2018

Il primo esempio dei poteri taumaturgici di Jake Gyllenhaal era stato portato da Jamie Lee Curtis, che qualche tempo fa aveva rivelato di aver accettato di ritornare nel suo...

Steve McQueen sul cinema: «Deve essere un'esperienza condivisa»

14 Settembre 2018

L'occasione è quella della presentazione ufficiale di Widows – Eredità criminale, thriller proiettato per la prima volta pochi giorni fa nella cornice del Toronto Film...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy