Addio a Vittorio Taviani

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Gunga Din è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

La citazione

«Scrivere è anche non parlare (Marguerite Duras)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


16 Aprile 2018

Addio a Vittorio Taviani

Vittorio Taviani è morto ieri a Roma all'età di 88 anni, dopo essere stato a lungo malato. Ne danno l'annuncio il fratello Paolo, con cui ha condiviso tutta la carriera dietro la macchina da presa, e i figli.

Vittorio Taviani è nato nel 1929, due anni prima del fratello Paolo, a San Miniato, nella provincia di Pisa, da una famiglia apertamente antifascista. Il padre, avvocato, fu svariate volte vittima delle azioni delle squadracce. Nel secondo dopoguerra frequenta la facoltà di legge di Pisa, ma insieme al fratello e al comune amico Valentino Orsini scopre ben presto la passione per il cinema. Dapprima organizzando proiezioni e animando cineclub, quindi con il passaggio dietro la macchina da presa. I fratelli Taviani prendono confidenza con il mezzo firmando due documentario, che preparano il terreno per l'esordio vero e proprio, nel 1962, con la regia di Un uomo da bruciare: girato insieme a Orsini, il film ha per protagonista Gian Maria Volonté e si ispira alla vita di Salvatore Carnevale, bracciante socialista della provincia di Palermo assassinato pochi anni prima, nel 1955. Il film ha subito un grande impatto, vincendo il Premio della critica alla Mostra del Cinema di Venezia.

Nel corso degli anni '60, esaurito il sodalizio professionale con Orsini, Paolo e Vittorio proseguono nel loro percorso, in un filo rosso artistico fatto di indipendenza e idee chiare. Dopo due ulteriori collaborazioni con Volontè, nel '67 per Sovversivi e nel '69 per Sotto il segno dello scorpione, gli anni '70 si aprono con il primo di una lunga serie di riconoscimenti internazionali ottenuti dai due fratelli: San Michele aveva un gallo ottiene il Prmeio Interfilm alla Berlinale e inaugura un decennio di grandi film. Allosanfàn nel '74, Il prato nel '79, La notte di San Lorenzo nel 1982. Ma soprattutto, nel bel mezzo di questo febbrile periodo artistico, il 1977 è l'anno di Padre padrone, il film simbolo dei fratelli Taviani, che ricevono la Palma d'Oro e il Premio della critica a Cannes direttamente dalle mani del presidente di giuria Roberto Rossellini. Liberamente tratto dall'omonimo romanzo autobiografico di Gavino Ledda, il film segnò la carriera e le vite dei fratelli Taviani, così come quella dell'autore sardo che ricorda così il regista scomparso dalle pagine di Repubblica: «Ho perso un amico, una persona generosa, appassionata, affettuosa, colta. Con Vittorio era un piacere chiacchierare di qualsiasi argomento, dal cinema alla musica, lo ricordo sempre prodigo di consigli e incoraggiamenti. E ricordo che poco tempo dopo l'uscita del film, a Roma, ebbi una volta un malore: mi venne spontaneo chiamarlo. Lui, insieme a Paolo, si precipitò in albergo, portandosi dietro il suo medico e mi rimase vicino fino a quando non ripresi le forze. Ecco, in questo dettaglio apparentemente insignificante, ritrovo tutta l'umanità e l'altruismo di Vittorio».

La carriera di Vittorio prosegue costante e instancabile fino alla scoperta della malattia. Sempre a fianco del fratello Paolo, con cui litiga, certo. Ma a suo dire: «Mai sul set. Solo quando giochiamo a tennis». La carriera dei due registi viene onorata già nel 1986 con un Leone d'Oro alla carriera. Una carriera che, in realtà, proseguirà sicura e costante per i successivi 20 anni, con l'ulteriore soddisfazione dell'Orso d'Oro al Festival di Berlino ottenuto nel 2012 quando, entrambi già ultra-ottantenni, firmano Cesare deve morire, che segue la messa in scena del Giulio Cesare di Shakespeare all'interno del carcere romano di Rebibbia. Vittorio Taviani è rimasto dietro la macchina da presa fino all'ultimo momento disponibile, inaugurando la lavorazione dell'ultimo film firmato dai fratelli, l'adattamento di Una questiona privata di Fenoglio, per poi essere costretto a lasciare il set per prendersi cura di se stesso. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #079        

20 Febbraio 2019

Polemicamente, ma senza perdere l'aplomb
Lo stereotipo vuole che le genti al di là della Manica abbiano un approccio molto più posato, cinico, pessimista, sarcastico e...

CineTRIP #013

20 Febbraio 2019

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
21-24 febbraio 2019

SGUARDI SULL'ARTE (E SULL'ARCHITETTURA)
Cinema e...

Tutto quello che c'è da sapere su Cartoomics 2019

20 Febbraio 2019

Si avvicina marzo. E con esso, oltre agli improvvisi scrosci di pioggia e le prime scalmane primaverili, torna puntuale anche il Cartoomics, la convention di cultura pop...

Addio e grazie per tutte le news #078

18 Febbraio 2019

Non più di un soprammobile per l'attico di New York
Sarà incredibile vedere come la stessa notizia verrà assorbita dai due lati del muro immaginario. Anzi, dai due spalti...

Berlinale69 - Gli Orsi di FilmTv

16 Febbraio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival.

Per ogni critico trovate il film preferito e il pronostico sul...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy