Addio a Vittorio Taviani

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Decameron è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 01:10.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8138
cineteca
2926
servizi
2687
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471

News


16 Aprile 2018

Addio a Vittorio Taviani

Vittorio Taviani è morto ieri a Roma all'età di 88 anni, dopo essere stato a lungo malato. Ne danno l'annuncio il fratello Paolo, con cui ha condiviso tutta la carriera dietro la macchina da presa, e i figli.

Vittorio Taviani è nato nel 1929, due anni prima del fratello Paolo, a San Miniato, nella provincia di Pisa, da una famiglia apertamente antifascista. Il padre, avvocato, fu svariate volte vittima delle azioni delle squadracce. Nel secondo dopoguerra frequenta la facoltà di legge di Pisa, ma insieme al fratello e al comune amico Valentino Orsini scopre ben presto la passione per il cinema. Dapprima organizzando proiezioni e animando cineclub, quindi con il passaggio dietro la macchina da presa. I fratelli Taviani prendono confidenza con il mezzo firmando due documentario, che preparano il terreno per l'esordio vero e proprio, nel 1962, con la regia di Un uomo da bruciare: girato insieme a Orsini, il film ha per protagonista Gian Maria Volonté e si ispira alla vita di Salvatore Carnevale, bracciante socialista della provincia di Palermo assassinato pochi anni prima, nel 1955. Il film ha subito un grande impatto, vincendo il Premio della critica alla Mostra del Cinema di Venezia.

Nel corso degli anni '60, esaurito il sodalizio professionale con Orsini, Paolo e Vittorio proseguono nel loro percorso, in un filo rosso artistico fatto di indipendenza e idee chiare. Dopo due ulteriori collaborazioni con Volontè, nel '67 per Sovversivi e nel '69 per Sotto il segno dello scorpione, gli anni '70 si aprono con il primo di una lunga serie di riconoscimenti internazionali ottenuti dai due fratelli: San Michele aveva un gallo ottiene il Prmeio Interfilm alla Berlinale e inaugura un decennio di grandi film. Allosanfàn nel '74, Il prato nel '79, La notte di San Lorenzo nel 1982. Ma soprattutto, nel bel mezzo di questo febbrile periodo artistico, il 1977 è l'anno di Padre padrone, il film simbolo dei fratelli Taviani, che ricevono la Palma d'Oro e il Premio della critica a Cannes direttamente dalle mani del presidente di giuria Roberto Rossellini. Liberamente tratto dall'omonimo romanzo autobiografico di Gavino Ledda, il film segnò la carriera e le vite dei fratelli Taviani, così come quella dell'autore sardo che ricorda così il regista scomparso dalle pagine di Repubblica: «Ho perso un amico, una persona generosa, appassionata, affettuosa, colta. Con Vittorio era un piacere chiacchierare di qualsiasi argomento, dal cinema alla musica, lo ricordo sempre prodigo di consigli e incoraggiamenti. E ricordo che poco tempo dopo l'uscita del film, a Roma, ebbi una volta un malore: mi venne spontaneo chiamarlo. Lui, insieme a Paolo, si precipitò in albergo, portandosi dietro il suo medico e mi rimase vicino fino a quando non ripresi le forze. Ecco, in questo dettaglio apparentemente insignificante, ritrovo tutta l'umanità e l'altruismo di Vittorio».

La carriera di Vittorio prosegue costante e instancabile fino alla scoperta della malattia. Sempre a fianco del fratello Paolo, con cui litiga, certo. Ma a suo dire: «Mai sul set. Solo quando giochiamo a tennis». La carriera dei due registi viene onorata già nel 1986 con un Leone d'Oro alla carriera. Una carriera che, in realtà, proseguirà sicura e costante per i successivi 20 anni, con l'ulteriore soddisfazione dell'Orso d'Oro al Festival di Berlino ottenuto nel 2012 quando, entrambi già ultra-ottantenni, firmano Cesare deve morire, che segue la messa in scena del Giulio Cesare di Shakespeare all'interno del carcere romano di Rebibbia. Vittorio Taviani è rimasto dietro la macchina da presa fino all'ultimo momento disponibile, inaugurando la lavorazione dell'ultimo film firmato dai fratelli, l'adattamento di Una questiona privata di Fenoglio, per poi essere costretto a lasciare il set per prendersi cura di se stesso. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Annunciato un film sul salvataggio dei ragazzi thailandesi intrappolati nella grotta

18 Settembre 2018

Ci voleva un agente di spettacolo con molto pelo sullo stomaco per ottenere i diritti di sfruttamento su una storia così fresca, e Universal Pictures aveva l'uomo giusto. Matt...

Tutti i vincitori degli Emmy 2018

18 Settembre 2018

Ci volevano Bill Hader (anch'egli vincitore di una statuetta) e HBO per, finalmente, far salire da vincitore sul palco degli Emmy un sacerdote della Tv americana: Henry...

Il misterioso caso della scomparsa di Fan Bingbing

17 Settembre 2018

Il problema delle autorità cinesi, ora che il mercato cinematografico dell'ex Impero celeste è il secondo al mondo per incassi, è che l'esposizione mediatica delle loro personalità più in vista...

Quando Jake Gyllenhaal realizzò per caso il sogno di Barry Jenkins

17 Settembre 2018

Il primo esempio dei poteri taumaturgici di Jake Gyllenhaal era stato portato da Jamie Lee Curtis, che qualche tempo fa aveva rivelato di aver accettato di ritornare nel suo...

Steve McQueen sul cinema: «Deve essere un'esperienza condivisa»

14 Settembre 2018

L'occasione è quella della presentazione ufficiale di Widows – Eredità criminale, thriller proiettato per la prima volta pochi giorni fa nella cornice del Toronto Film...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy