George Miller porta in tribunale Warner Bros. per i proventi di Mad Max: Fury Road

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che In nome di Dio - Il texano è il film da salvare oggi in TV.
Su Rete4 alle ore 16:45.

Ma siamo sicuri che Roma di Alfonso Cuaron meriti il successo che ha avuto? Il sassolino di Giona A. Nazzaro

In autunno dovrebbe arrivare anche in Italia la piattaforma streaming Disney+. Come funzionerà? Quante cose saranno già disponibili? Alice Cucchetti se lo chiede su FilmTv n° 12. Qui ci chiediamo: ci saranno quelli che voglion fare il jazz ?

Arriva una nuova rubrica dedicata alla stand-up comedy: su FilmTv n° 12 Nicola Cupperi inaugura Funny People , dedicata ai comedian e ai loro spettacoli reperibili in streaming. Vi proponiamo una panoramica di questo mondo, realizzata da Alice Cucchetti nel 2015.

Venerdì 22 marzo su Sky Atlantic comincia la quarta stagione di Gomorra - La serie . Su FilmTv n° 12 abbiamo intervistato Marco D'Amore, che in questa stagione è passato alla regia. Ricapitoliamo la terza stagione con questa recensione (e attenzione agli spoiler!).

La mia vita con John F. Donovan è l'ultimo film di Xavier Dolan, in arrivo (speriamo) a breve nelle nostre sale per Lucky Red. A lungo i film di Dolan sono stati invisibili in Italia, ma poi hanno cominciato ad avere una distribuzione in sala, homevideo e streaming. Oggi vi consigliamo di recuperare Laurence Anyways .

La citazione

«Revolution is my boyfriend»

cinerama
8520
servizi
3012
cineteca
2761
opinionisti
1865
locandine
1019
serialminds
797
scanners
484

News


17 Aprile 2018

George Miller porta in tribunale Warner Bros. per i proventi di Mad Max: Fury Road

Tra Mad Max oltre la sfera del tuono, il terzo capitolo della saga on the road post-apocalittica australiana creata da George Miller e diventata oggetto di culto nella prima metà degli anni '80, e la ripresa di nuovo millennio Mad Max: Fury Road erano passati trenta lunghi anni. Nel mezzo Mel Gibson, il protagonista, aveva fatto a tempo a diventare la più grande star di Hollywood prima e il personaggio pubblico più controverso degli ultimi anni poi. Mentre George Miller si era rifatto una carriera tra maialini coraggiosi (Babe e il suo seguito) e pinguini ballerini (Happy Feet e il suo seguito). Ma una volta vinta l'enorme inerzia, con il ritorno sui set desertici dell'outback australiano e riuscendo a girare uno dei più importanti action degli ultimi tempi nonostante una produzione difficoltosa e ricca di sfortune, la strada per realizzare altri capitoli della saga sembrava finalmente in discesa, anche tenendo conto dei 400 milioni di dollari di incassi e dei sei Oscar tecnici portati a casa nel 2016. Niente di più sbagliato.

Nonostante George Miller abbia sfruttato i ritardi e la pause nella produzione per scrivere le sceneggiature di altri due film con protagonista la tumultuosa coppia Tom Hardy & Charlize Theron, lo scorso novembre il regista australiano e la sua compagnia di produzione, la Kennedy Miller Mitchell, hanno citato in giudizio Warner Bros. per il mancato pagamento di un bonus di 7 milioni di dollari, garantito da contratto nel caso in cui Miller fosse riuscito a consegnare Fury Road mantenendo la produzione sotto un budget previsto di 157 milioni. La major non concorda con il regista e i suoi soci, dichiarando che Fury Road abbia sforato il budget. Ed è così che si sono aperte le danze giudiziarie che quasi sicuramente impediranno, almeno nel prossimo futuro, al suo creatore di riportare sul grande schermo Mad Max e Furiosa. 

Giusto per entrare nello specifico della stupidità umana: da una parte George Miller e soci affermano che il budget di Fury Road si assesta sui 154.6 milioni di dollari; dall'altra Warner Bros. dichiara che i costi sono in realtà lievitati fino a un totale di 185.1 milioni di dollari.  Se davvero sono stati persi 30 milioni e mezzo di dollari, si spera almeno che a trovarli, in una valigetta lasciata incustodita sul set, sia stato un aiuto macchinista adesso felice e in pensione da qualche parte in Costarica. In realtà l'oggetto del contendere riguarda alcune scene aggiuntive, costate una trentina di milioni di dollari, che Miller ha insistito per girare e che successivamente ha stornato dal costo totale del film. La tesi del regista è che le scene aggiuntive, e quindi i costi extra, si sono rivelate necessarie a causa delle interferenze sulla lavorazione da parte dei vertici di Warner Bros.

In conclusione, e giusto per frustrare le speranze dei più positivi fra gli ottimisti, è Miller stesso a dichiarare all'interno della denuncia che anche se le due parti dovessero raggiungere una risoluzione amichevole del contenzioso, Warner Bros. ha distrutto il rapporto di fiducia che esisteva con il regista e i suoi partner, rendendo impossibile una futura collaborazione di qualsiasi sorta. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #098

21 Marzo 2019

I sequel sono come scatole di cioccolatini
Si possono dire tutte le peste e le corna dell'intrattenimento anni '90 – il decennio delle boy band, delle girl band, dei grandi...

Addio e grazie per tutte le news #097

20 Marzo 2019

Natale è arrivato in anticipo?
Oppure è un modo ancora più piacevole del solito per festeggiare la primavera, una nuova forma di rito pagano per celebrare l'equinozio di...

Addio e grazie per tutte le news #096

19 Marzo 2019

La terapia di coppia è un percorso lungo e difficoltoso
A quanto pare, almeno per quest'anno, ci hanno davvero provato fino in fondo a riaggiustare il loro rapporto, al...

Addio e grazie per tutte le news #095        

18 Marzo 2019

Ti amo, poi ti odio, poi ti apprezzo
...

Addio e grazie per tutte le news #094

15 Marzo 2019

India, terra di fini dicitori cinematografici
Sarà che a produrre così tanti film diventa fisiologicamente impossibile sfornare altrettante sceneggiature originali. Sarà...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy