George Miller porta in tribunale Warner Bros. per i proventi di Mad Max: Fury Road

970x250_FI.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Sapore di mare è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 17:10.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2500
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463

News


17 Aprile 2018

George Miller porta in tribunale Warner Bros. per i proventi di Mad Max: Fury Road

Tra Mad Max oltre la sfera del tuono, il terzo capitolo della saga on the road post-apocalittica australiana creata da George Miller e diventata oggetto di culto nella prima metà degli anni '80, e la ripresa di nuovo millennio Mad Max: Fury Road erano passati trenta lunghi anni. Nel mezzo Mel Gibson, il protagonista, aveva fatto a tempo a diventare la più grande star di Hollywood prima e il personaggio pubblico più controverso degli ultimi anni poi. Mentre George Miller si era rifatto una carriera tra maialini coraggiosi (Babe e il suo seguito) e pinguini ballerini (Happy Feet e il suo seguito). Ma una volta vinta l'enorme inerzia, con il ritorno sui set desertici dell'outback australiano e riuscendo a girare uno dei più importanti action degli ultimi tempi nonostante una produzione difficoltosa e ricca di sfortune, la strada per realizzare altri capitoli della saga sembrava finalmente in discesa, anche tenendo conto dei 400 milioni di dollari di incassi e dei sei Oscar tecnici portati a casa nel 2016. Niente di più sbagliato.

Nonostante George Miller abbia sfruttato i ritardi e la pause nella produzione per scrivere le sceneggiature di altri due film con protagonista la tumultuosa coppia Tom Hardy & Charlize Theron, lo scorso novembre il regista australiano e la sua compagnia di produzione, la Kennedy Miller Mitchell, hanno citato in giudizio Warner Bros. per il mancato pagamento di un bonus di 7 milioni di dollari, garantito da contratto nel caso in cui Miller fosse riuscito a consegnare Fury Road mantenendo la produzione sotto un budget previsto di 157 milioni. La major non concorda con il regista e i suoi soci, dichiarando che Fury Road abbia sforato il budget. Ed è così che si sono aperte le danze giudiziarie che quasi sicuramente impediranno, almeno nel prossimo futuro, al suo creatore di riportare sul grande schermo Mad Max e Furiosa. 

Giusto per entrare nello specifico della stupidità umana: da una parte George Miller e soci affermano che il budget di Fury Road si assesta sui 154.6 milioni di dollari; dall'altra Warner Bros. dichiara che i costi sono in realtà lievitati fino a un totale di 185.1 milioni di dollari.  Se davvero sono stati persi 30 milioni e mezzo di dollari, si spera almeno che a trovarli, in una valigetta lasciata incustodita sul set, sia stato un aiuto macchinista adesso felice e in pensione da qualche parte in Costarica. In realtà l'oggetto del contendere riguarda alcune scene aggiuntive, costate una trentina di milioni di dollari, che Miller ha insistito per girare e che successivamente ha stornato dal costo totale del film. La tesi del regista è che le scene aggiuntive, e quindi i costi extra, si sono rivelate necessarie a causa delle interferenze sulla lavorazione da parte dei vertici di Warner Bros.

In conclusione, e giusto per frustrare le speranze dei più positivi fra gli ottimisti, è Miller stesso a dichiarare all'interno della denuncia che anche se le due parti dovessero raggiungere una risoluzione amichevole del contenzioso, Warner Bros. ha distrutto il rapporto di fiducia che esisteva con il regista e i suoi partner, rendendo impossibile una futura collaborazione di qualsiasi sorta. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Lars Von Trier e Terry Gilliam fra le ultime aggiunte del Festival di Cannes

21 Aprile 2018

L'edizione 2018 del Festival di Cannes procede a gambero: dopo il passo indietro dell'affaire Netflix, che ha fatto perdere al Festival la...

Siglato un accordo tra DreamWorks e Guillermo del Toro

21 Aprile 2018

Guillermo del Totoro di soprannome e di fatto: il regista messicano ha firmato ieri un contratto in esclusiva con DreamWorks Animation per scrivere, produrre e...

Rimandate ulteriormente le riprese del sequel di World War Z

20 Aprile 2018

L'idea di vedere David Fincher, fra i più influenti autori contemporanei, mettere la mani su un blockbuster fracassone e ad altissimo budget come il sequel di World...

Taron Egerton sarà Elton John in Rocketman

20 Aprile 2018

C'è da chiedersi se Sir Elton John non abbia dato personalmente il benestare a Taron Egerton per farsi interpretare in Rocketman,...

BIF&ST: al via il festival del cinema di Bari

20 Aprile 2018

Il nono Bif&st - Bari International Film Festival (da sabato 21 a sabato 28 aprile), presieduto da Margarethe von Trotta e diretto da Felice Laudadio, è nel segno di Bernardo Bertolucci: il...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy