George Miller porta in tribunale Warner Bros. per i proventi di Mad Max: Fury Road

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Mystic River è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 23:30.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479

News


17 Aprile 2018

George Miller porta in tribunale Warner Bros. per i proventi di Mad Max: Fury Road

Tra Mad Max oltre la sfera del tuono, il terzo capitolo della saga on the road post-apocalittica australiana creata da George Miller e diventata oggetto di culto nella prima metà degli anni '80, e la ripresa di nuovo millennio Mad Max: Fury Road erano passati trenta lunghi anni. Nel mezzo Mel Gibson, il protagonista, aveva fatto a tempo a diventare la più grande star di Hollywood prima e il personaggio pubblico più controverso degli ultimi anni poi. Mentre George Miller si era rifatto una carriera tra maialini coraggiosi (Babe e il suo seguito) e pinguini ballerini (Happy Feet e il suo seguito). Ma una volta vinta l'enorme inerzia, con il ritorno sui set desertici dell'outback australiano e riuscendo a girare uno dei più importanti action degli ultimi tempi nonostante una produzione difficoltosa e ricca di sfortune, la strada per realizzare altri capitoli della saga sembrava finalmente in discesa, anche tenendo conto dei 400 milioni di dollari di incassi e dei sei Oscar tecnici portati a casa nel 2016. Niente di più sbagliato.

Nonostante George Miller abbia sfruttato i ritardi e la pause nella produzione per scrivere le sceneggiature di altri due film con protagonista la tumultuosa coppia Tom Hardy & Charlize Theron, lo scorso novembre il regista australiano e la sua compagnia di produzione, la Kennedy Miller Mitchell, hanno citato in giudizio Warner Bros. per il mancato pagamento di un bonus di 7 milioni di dollari, garantito da contratto nel caso in cui Miller fosse riuscito a consegnare Fury Road mantenendo la produzione sotto un budget previsto di 157 milioni. La major non concorda con il regista e i suoi soci, dichiarando che Fury Road abbia sforato il budget. Ed è così che si sono aperte le danze giudiziarie che quasi sicuramente impediranno, almeno nel prossimo futuro, al suo creatore di riportare sul grande schermo Mad Max e Furiosa. 

Giusto per entrare nello specifico della stupidità umana: da una parte George Miller e soci affermano che il budget di Fury Road si assesta sui 154.6 milioni di dollari; dall'altra Warner Bros. dichiara che i costi sono in realtà lievitati fino a un totale di 185.1 milioni di dollari.  Se davvero sono stati persi 30 milioni e mezzo di dollari, si spera almeno che a trovarli, in una valigetta lasciata incustodita sul set, sia stato un aiuto macchinista adesso felice e in pensione da qualche parte in Costarica. In realtà l'oggetto del contendere riguarda alcune scene aggiuntive, costate una trentina di milioni di dollari, che Miller ha insistito per girare e che successivamente ha stornato dal costo totale del film. La tesi del regista è che le scene aggiuntive, e quindi i costi extra, si sono rivelate necessarie a causa delle interferenze sulla lavorazione da parte dei vertici di Warner Bros.

In conclusione, e giusto per frustrare le speranze dei più positivi fra gli ottimisti, è Miller stesso a dichiarare all'interno della denuncia che anche se le due parti dovessero raggiungere una risoluzione amichevole del contenzioso, Warner Bros. ha distrutto il rapporto di fiducia che esisteva con il regista e i suoi partner, rendendo impossibile una futura collaborazione di qualsiasi sorta. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #038

12 Dicembre 2018

Che fossimo in pessime e piccole mani, già lo sapevamo
Eppure sembra cosa buona fare una breve ricognizione di quando in quando, giusto per non arrivare impreparati all'...

CineTRIP #006

12 Dicembre 2018

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
14 - 31 dicembre 2018

I GIORNI DELLA RIVOLTA
Ultimo fine...

Addio e grazie per tutte le news #037

11 Dicembre 2018

C'è già chi Troma all'idea
Perché alla fine, oggettivamente, l'istanza più splendida di travaso tra il magico universo parallelo Troma, quelli con cui vai...

Addio e grazie per tutte le news #036

10 Dicembre 2018

Nostalgico Bob
Che forse la vita dovrebbe essere più simile allo spirito con cui gli sportivi affrontano le loro discipline: per i migliori, tendenzialmente, vige la regola...

Addio e grazie per tutte le news #035

7 Dicembre 2018

Anche ai globi dorati viene l'orchite
Comunicate e finalizzate le nomination all'...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy