A Bruno Dumont il Pardo d'onore 2018

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Gunga Din è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Il debutto di George Cukor in televisione. Ad opera di Claudio G. Fava.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

La citazione

«Lui adesso vive ad Atlantide / con un cappello pieno di ricordi / ha la faccia di uno che ha capito / e anche un principio di tristezza in fondo all'anima / nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata / e a volte ritiene di essere un eroe. (Francesco De Gregori - Atlantide)»

scelta da
Matteo Bailo

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


8 Giugno 2018

A Bruno Dumont il Pardo d'onore 2018

Il 60enne regista francese Bruno Dumont sarà premiato con il Pardo d'onore al 71esimo Festival di Locarno – che si svolgerà dal 1° all'11 di agosto –, un riconoscimento alla carriera che onora i primi vent'anni dietro la macchina da presa dell'autore.

Dumont approfitterà del premio per presentare al pubblico l'anteprima della sua nuova miniserie Tv, Coincoin et les z'inhumains, che verrà proiettata il 4 agosto nella cornice all'aperto da 8mila posti della Piazza Grande di Locarno. La serie rappresenta il prosieguo di P'tit Quinquin, primo esperimento televisivo del regista risalente al 2014, e vede il giovane protagonista diventare un nazionalista francese. 

Dumont è nato nel nord della Francia nel 1958, debuttando solo 40enne (nel 1997) con il dramma L'età inquieta. Prima di esordire dietro la macchina da presa, l'autore transalpino ha sfruttato i suoi studi in filosofia greca e tedesca come insegnante. Dopo il primo lungometraggio, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs al 50esimo Festival di Cannes dove vinse il Premio Jean Vigo, Dumont non si è più voltato indietro, concentrandosi su un cinema personale, ostico, estremo e approfondito – tutte le sceneggiature dei suoi film sono veri e propri romanzi. Sia il suo primo che il suo secondo film L'umanità, vincitore del Gran Prix speciale della giuria a Cannes, raccontano la sua terra d'origine, le Fiandre francesi.

Con il film successivo, Twentynine Palms, Dumont si sposta in California. Ma è la sua terra a continuare a portargli fortuna quando, nel 2006, firma Flandres: il suo quarto film, il terzo ambientato nelle zone d'origine, gli vale il secondo Gran Prix speciale della giuria a Cannes. Dopo l'esperienza quasi sperimentale di Hors Satan (2011), Dumont si apre a nuovi generi e diversi tipi di esperimenti cinematografici. Con Camille Claudel 1915 racconta, tramite il talento di Juliette Binoche, la scultrice e amante di Auguste Rodin. Quindi, come detto, l'esordio televisivo di P'tit Quinquin. Poi, nel 2016, il bizzarro Ma loute, commedia slapstick in costume con giallo. L'anno successivo, Dumont si è allontanato di un altro passo dai suoi esordi, firmando Jeannette, l'enfance de Jeanne d'Arc, un musical su Giovanna d'Arco.

Il direttore artistico del Festival di Locarno Carlo Chatrian, ha sottolineato la scelta della manifestazione con le seguenti dichiarazioni: «Bruno Dumont è uno di quei registi che esemplifica il cinema del 21esimo secolo. I suoi film sono profondamente radicati nella filosofia, nella letteratura e nella tradizione cinematografica. Eppure sanno, al contempo, guardare in avanti; sono la migliore risposta a quelli che affermano che al cinema non è rimasto più nulla da scoprire».

Il primo Pardo d'onore fu assegnato dalla manifestazione svizzera nel 1989 a Ennio Morricone. Nel corso degli ultimi 30 anni, il premio alla carriera del Festival di Locarno è andato a figure del calibro di Manoel de Oliveira, Bernardo Bertolucci, Ken Loach, Jean-Luc Godard, Abbas Kiarostami, Aleksandr Sokurov, William Friedkin, Jia Zhang-ke, Leos Carax, Werner Herzog, Agnès Varda, Michael Cimino, Marco Bellocchio, Paolo Villaggio, Gian Maria Volonté. Fino ad arrivare, l'anno passato, a Jean-Marie Straub e Todd Haynes.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #080         

21 Febbraio 2019

Altro che Corti
Aldo, Giovanni e Giacomo hanno festeggiato i primi 25 anni di unione artistica nel 2016 esagerando: un libro, un film, un...

Addio e grazie per tutte le news #079        

20 Febbraio 2019

Polemicamente, ma senza perdere l'aplomb
Lo stereotipo vuole che le genti al di là della Manica abbiano un approccio molto più posato, cinico, pessimista, sarcastico e...

CineTRIP #013

20 Febbraio 2019

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
21-24 febbraio 2019

SGUARDI SULL'ARTE (E SULL'ARCHITETTURA)
Cinema e...

Tutto quello che c'è da sapere su Cartoomics 2019

20 Febbraio 2019

Si avvicina marzo. E con esso, oltre agli improvvisi scrosci di pioggia e le prime scalmane primaverili, torna puntuale anche il Cartoomics, la convention di cultura pop...

Addio e grazie per tutte le news #078

18 Febbraio 2019

Non più di un soprammobile per l'attico di New York
Sarà incredibile vedere come la stessa notizia verrà assorbita dai due lati del muro immaginario. Anzi, dai due spalti...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy