A Bruno Dumont il Pardo d'onore 2018

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alice Cucchetti dice che Shame è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 01:15.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8317
servizi
2857
cineteca
2673
opinionisti
1788
locandine
1003
serialminds
762
scanners
478

News


8 Giugno 2018

A Bruno Dumont il Pardo d'onore 2018

Il 60enne regista francese Bruno Dumont sarà premiato con il Pardo d'onore al 71esimo Festival di Locarno – che si svolgerà dal 1° all'11 di agosto –, un riconoscimento alla carriera che onora i primi vent'anni dietro la macchina da presa dell'autore.

Dumont approfitterà del premio per presentare al pubblico l'anteprima della sua nuova miniserie Tv, Coincoin et les z'inhumains, che verrà proiettata il 4 agosto nella cornice all'aperto da 8mila posti della Piazza Grande di Locarno. La serie rappresenta il prosieguo di P'tit Quinquin, primo esperimento televisivo del regista risalente al 2014, e vede il giovane protagonista diventare un nazionalista francese. 

Dumont è nato nel nord della Francia nel 1958, debuttando solo 40enne (nel 1997) con il dramma L'età inquieta. Prima di esordire dietro la macchina da presa, l'autore transalpino ha sfruttato i suoi studi in filosofia greca e tedesca come insegnante. Dopo il primo lungometraggio, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs al 50esimo Festival di Cannes dove vinse il Premio Jean Vigo, Dumont non si è più voltato indietro, concentrandosi su un cinema personale, ostico, estremo e approfondito – tutte le sceneggiature dei suoi film sono veri e propri romanzi. Sia il suo primo che il suo secondo film L'umanità, vincitore del Gran Prix speciale della giuria a Cannes, raccontano la sua terra d'origine, le Fiandre francesi.

Con il film successivo, Twentynine Palms, Dumont si sposta in California. Ma è la sua terra a continuare a portargli fortuna quando, nel 2006, firma Flandres: il suo quarto film, il terzo ambientato nelle zone d'origine, gli vale il secondo Gran Prix speciale della giuria a Cannes. Dopo l'esperienza quasi sperimentale di Hors Satan (2011), Dumont si apre a nuovi generi e diversi tipi di esperimenti cinematografici. Con Camille Claudel 1915 racconta, tramite il talento di Juliette Binoche, la scultrice e amante di Auguste Rodin. Quindi, come detto, l'esordio televisivo di P'tit Quinquin. Poi, nel 2016, il bizzarro Ma loute, commedia slapstick in costume con giallo. L'anno successivo, Dumont si è allontanato di un altro passo dai suoi esordi, firmando Jeannette, l'enfance de Jeanne d'Arc, un musical su Giovanna d'Arco.

Il direttore artistico del Festival di Locarno Carlo Chatrian, ha sottolineato la scelta della manifestazione con le seguenti dichiarazioni: «Bruno Dumont è uno di quei registi che esemplifica il cinema del 21esimo secolo. I suoi film sono profondamente radicati nella filosofia, nella letteratura e nella tradizione cinematografica. Eppure sanno, al contempo, guardare in avanti; sono la migliore risposta a quelli che affermano che al cinema non è rimasto più nulla da scoprire».

Il primo Pardo d'onore fu assegnato dalla manifestazione svizzera nel 1989 a Ennio Morricone. Nel corso degli ultimi 30 anni, il premio alla carriera del Festival di Locarno è andato a figure del calibro di Manoel de Oliveira, Bernardo Bertolucci, Ken Loach, Jean-Luc Godard, Abbas Kiarostami, Aleksandr Sokurov, William Friedkin, Jia Zhang-ke, Leos Carax, Werner Herzog, Agnès Varda, Michael Cimino, Marco Bellocchio, Paolo Villaggio, Gian Maria Volonté. Fino ad arrivare, l'anno passato, a Jean-Marie Straub e Todd Haynes.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #035

7 Dicembre 2018

Anche ai globi dorati viene l'orchite
Comunicate e finalizzate le nomination all'...

Addio e grazie per tutte le news #034

6 Dicembre 2018

Stefano Sollima ci ha preso gusto
E continuerà a fare esplodere cose urlando Iuèssei, Iuèssei. Dopo il discreto successo, sia di critica sia di pubblico, di ...

Addio e grazie per tutte le news #033

5 Dicembre 2018

In lavorazione un film su Diabolik
Che da più di 50 anni sta lì, nel pantheon di quella manciata di titoli di culto del fumetto e della cultura pop italiani, eppure...

CineTRIP #005

5 Dicembre 2018

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
5 - 9 dicembre 2018

GITA A COMO (“IN NOIR”)
Il Noir in...

Addio e grazie per tutte le news #032

4 Dicembre 2018

I quaderni sciovinisti
C'erano una volta i Cahiers du cinéma, quella rivista fondata nel 1951 da André Bazin e che vantava fra i suoi...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy