Viola Davis si dice pentita di aver accettato un ruolo in The Help

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che I gioielli di Madame de... è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:20.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8155
cineteca
2939
servizi
2701
opinionisti
1720
locandine
993
serialminds
739
scanners
471

News


12 Settembre 2018

Viola Davis si dice pentita di aver accettato un ruolo in The Help

Viola Davis, tre volte candidata all'Oscar una volta (nel 2016 con Barriere) vincitrice, a domanda risponde. Incalzata dal New York Times al Toronto Film Festival su un ruolo che si è pentita di aver accettato nel corso della sua carriera, l'attrice ha risposto: «Se ho mai interpretato ruoli di cui poi mi sono pentita? Certo, e quello di The Help è nel mio elenco. Essere un modello e prendere in mano quel tipo di testimone in un momento della tua vita in cui stai lottando per rimanere a galla, è stato difficile. Ma ho scelto di essere una leader».

Quello che ha fatto pentire il premio Oscar a proposito di quella parte, inoltre, sono state le critiche (che l'attrice ritiene corrette) al film nel suo complesso, accusato di aver dato eccessivo credito alle donne bianche nel miglioramento della questione razziale, invece di mettere più enfasi possibile al ruolo rivestito dalle vere eroine della storia, le cameriere afroamericane come la Aibileen interpretata dalla Davis.

«Mi sembra che, alla fine, le voci della servitù non sono quelle che sono state sentite. Io conosco Aibileen e conosco Minny. Sono le mie nonne e le mie mamme. E so che quando si realizza un film la cui premessa è voler far capire cosa significasse, nel 1963, lavorare al servizio di una famiglia bianca e crescere dei bambini, il risultato deve essere che si deve davvero capire cosa si provava all'epoca, ed è una cosa che non ho percepito durante il film», queste le parole di Davis. Che, al di là delle plausibili critiche, ci tiene a ricordare che: «Le amicizie che si sono create su quel set rimarranno per tutta la vita. Ho comunque fatto una grande esperienza con le mie colleghe, persone straordinarie. E non avrei potuto desiderare un collaboratore migliore di Tate Taylor, il regista».

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


John C. Reilly e la sua esperienza in La sottile linea rossa

24 Settembre 2018

John C. Reilly prosegue nella peculiare parabola di una carriera che lo ha portato a essere nominato all'Oscar per Chicago, ma anche a essere protagonista di ...

Rafiki ottiene una settimana di tregua dalla censura keniana

24 Settembre 2018

Come parte di un più ampio movimento per la tutela dei diritti LGBT nello stato africano, l'Alta Corte del Kenya, lo scorso venerdì, ha rimosso il blocco di censura imposto a Rafiki...

Svelato il nuovo progetto di Todd Haynes

24 Settembre 2018

Dal 1991, anno in cui Todd Haynes ha esordito dietro la macchina da presa cinematografica, a oggi, il regista californiano ha sempre avuto la calma dei giusti nello scegliere...

Michael B. Jordan potrebbe seguire le orme di Willem Dafoe e Liev Schreiber

21 Settembre 2018

Michael B. Jordan, oltre ad avere la testa per scegliere i progetti giusti, ha il fisico (e che fisico) e l'ha già dimostrato più di una volta. È stato Killmonger, sfaccettato...

Trent Reznor e Atticus Ross cureranno la colonna sonora della serie tratta da Watchmen

21 Settembre 2018

Per festeggiare una buona notizia non c'è niente di meglio di un'altra buona notizia. Damon Lindelof, infatti, ha stappato una bottiglia di quello buono dopo che la futura...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy