Addio e grazie per tutte le news #011

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che La dominatrice è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

La citazione

«Smettete di pensare che la scienza possa aggiustare tutto se le date 3 miliardi di dollari. (Kurt Vonnegut)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


1 Novembre 2018

Addio e grazie per tutte le news #011

Ogni dieci film di un membro della famiglia Coppola, uno in omaggio
E se teniamo conto del fatto che di mezzo c'è anche Nic Cage, i film in omaggio sono molti. Ricapitolando: parte tutto da Francis Ford, fratello di Talia Shire, zio di Nic Cage (figlio del fratello August), padre di Roman, Sofia e Gian-Carlo. Quest'ultimo tragicamente scomparso nel 1986, a 22 anni, in un incidente in motoscafo, quando la compagna era incinta di due mesi di Gian-Carla, detta Gia, la più giovane del clan. Pensate alle energie cognitive che servono al resto del parentame, a Natale, per ricordarsi di chi ha fatto quale film e quando. Con Gia, che è all'inizio della carriera da regista, era anche abbastanza facile: c'era Palo Alto, il suo esordio datato 2013, e qualche videoclip. Ora la faccenda, per la prozia Carmela, si complica ulteriormente perché la 31enne Gian-Carla sta per cominciare le riprese della sua opera seconda, Mainstream. Nel cast, oltre a Andrew Garfield, anche il Coppola aggiunto Jason Schwartzman, in un film che viene descritto come un eccentrico triangolo amoroso, oltre che una storia che serve da avvertimento sul preservare la propria identità in questa pazza pazza era piena di internet. Potrebbe essere, ma forse no, il remake hipster di Perfetti sconosciuti (su Canale 5 alle 21.20). 
 
Sotto il vestito niente, ma sotto la plastica tanto
Non so, ho come la sensazione che per esporre questa news sia sufficiente l'immagine di copertina. A cosa è collegato quel telefono da cui escono un sacco di cavi sfilacciati? E sono cavi o fanno parte delle extension? E sono extension o sono i capelli veri di Mickey Rourke? E in tutto questo sapete a cosa sta pensando il cacatua? Sta pensando a tutte le occasioni che Rourke ha gettato alle ortiche nella sua ondivaga carriera. E un po' gli spiace, al cacatua (che per la cronaca si chiama Osvaldo), perché sa che nel petto di Mickey batte un cuore buono. E Osvaldo è stato il primo a ricevere una chiamata da Rourke, che curiosamente ha usato lo stesso telefono della foto, dopo che l'attore ha ottenuto un ruolo da co-protagonista nel noir indipendente Adverse, in cui reciterà al fianco di un altro paio di vecchi bucanieri di Hollywood come Lou Diamond Phillips e Sean Astin nei panni del boss della mala Kaden.

I Goonies non muoiono mai, ma solo perché non hai mai incrociato John Rambo
Quanti personaggi, nella storia del cinema, ci sono stati presentati come virtualmente immortali nelle loro avventure sullo schermo. Anche i meno pronosticabili, come Fierobecco in Harry Potter e il prigionierio di Azkaban (alle 21.30 su Italia 1) o il cagnolino natante di Shark – Il primo squalo. Ma John Rambo è il primo e unico personaggio di finzione a essere immortale anche a livello meta-cinematografico. A 36 anni dal primo film della saga, Sylvester Stallone ha in preparazione il quinto capitolo nelle avventure dell'immarcescibile reduce del Vietnam. Dice: non basta mettergli un cappello da cowboy al posto della fascia rossa per risvegliare l'interesse, che ormai si immagina un po' sopito dopo tutto questo tempo. Un po' sopito? Stallone ha fatto un breve giro dei più importanti mercati cinematografici per capire se ci fossero distributori intenzionati ad acquistare Rambo V. E gli acquirenti si sono azzuffati neanche fossero dei parigini al mercato in fila al banchetto del burro. Rambo V – Giammai in pensione è stato venduto in tempo zero in tutto il mondo, e il cinema che conta è ancora salvo e saldo.

In breve:
Faranno un sequel di Shark – Il primo squalo, ovvero uno dei baracconi più divertenti della passata estate, in cui Jason Statham dimostrava il suo status di uomo vero facendo da esca nella pesca allo squalo preistorico gigante. La vera difficoltà del sequel sarà cercare di giustificare ancora una volta un'ambientazione cinese per accontentare gli investitori asiatici.
Disney prepara la guerra dello streaming contro Netflix, e fra le possibili munizioni mette in canna anche una potenziale serie con protagonisti Falcon e Soldato d'Inverno. Ancor più interessante potrebbe essere l'altra opzione papabile: una sitcom con protagonisti la signora delle pulizie di Tony Stark e il commercialista di Captain America, diretta da quel guercio di D.J. Caruso. Non solo ti chiami D.J., ma hai anche diretto Sono il numero quattro (alle 21.10 su Paramount Channel): smetti di tormentarci.

Oggi il contributo video celebra il grande successo nelle prevedite di Rambo V proponendo una delle cose più oscure e inguardabili della storia del cinema: la parodia hippie non autorizzata di Rambo, intitolata A Man Called Rainbo. Una cosa talmente inaccettabile da entrare di diritto nel pantheon dello scult.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #079        

20 Febbraio 2019

Polemicamente, ma senza perdere l'aplomb
Lo stereotipo vuole che le genti al di là della Manica abbiano un approccio molto più posato, cinico, pessimista, sarcastico e...

CineTRIP #013

20 Febbraio 2019

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
21-24 febbraio 2019

SGUARDI SULL'ARTE (E SULL'ARCHITETTURA)
Cinema e...

Tutto quello che c'è da sapere su Cartoomics 2019

20 Febbraio 2019

Si avvicina marzo. E con esso, oltre agli improvvisi scrosci di pioggia e le prime scalmane primaverili, torna puntuale anche il Cartoomics, la convention di cultura pop...

Addio e grazie per tutte le news #078

18 Febbraio 2019

Non più di un soprammobile per l'attico di New York
Sarà incredibile vedere come la stessa notizia verrà assorbita dai due lati del muro immaginario. Anzi, dai due spalti...

Berlinale69 - Gli Orsi di FilmTv

16 Febbraio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival.

Per ogni critico trovate il film preferito e il pronostico sul...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy