Addio e grazie per tutte le news #015

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che In nome di Dio - Il texano è il film da salvare oggi in TV.
Su Rete4 alle ore 16:45.

Ma siamo sicuri che Roma di Alfonso Cuaron meriti il successo che ha avuto? Il sassolino di Giona A. Nazzaro

In autunno dovrebbe arrivare anche in Italia la piattaforma streaming Disney+. Come funzionerà? Quante cose saranno già disponibili? Alice Cucchetti se lo chiede su FilmTv n° 12. Qui ci chiediamo: ci saranno quelli che voglion fare il jazz ?

Arriva una nuova rubrica dedicata alla stand-up comedy: su FilmTv n° 12 Nicola Cupperi inaugura Funny People , dedicata ai comedian e ai loro spettacoli reperibili in streaming. Vi proponiamo una panoramica di questo mondo, realizzata da Alice Cucchetti nel 2015.

Venerdì 22 marzo su Sky Atlantic comincia la quarta stagione di Gomorra - La serie . Su FilmTv n° 12 abbiamo intervistato Marco D'Amore, che in questa stagione è passato alla regia. Ricapitoliamo la terza stagione con questa recensione (e attenzione agli spoiler!).

La mia vita con John F. Donovan è l'ultimo film di Xavier Dolan, in arrivo (speriamo) a breve nelle nostre sale per Lucky Red. A lungo i film di Dolan sono stati invisibili in Italia, ma poi hanno cominciato ad avere una distribuzione in sala, homevideo e streaming. Oggi vi consigliamo di recuperare Laurence Anyways .

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
8520
servizi
3012
cineteca
2761
opinionisti
1865
locandine
1019
serialminds
797
scanners
484

News


8 Novembre 2018

Addio e grazie per tutte le news #015

La sceneggiatura incompiuta di Stanley Kubrick viene messa all'asta, seguiranno polemiche
Sì, perché la sceneggiatura di Burning Secret, riscoperta da poco in un'epifania di mezza estate da un accademico della gallese Bangor University, è stata definita una sorta di Lolita inversa, la storia di un uomo affascinante in vacanza in un centro benessere, che circuisce un bimbo di dieci anni per avere più chance di sedurne la madre. Ovvero, se il film mai venisse realizzato rischierebbe un sacco di rotture di scatole. Ma senza Stanley Kubrick, l'unico che sarebbe riuscito a trasformare in immagini una sceneggiatura del genere, niente film giusto? Non è detto. Il detentore dei diritti della sceneggiatura, il compositore Gerald Fried, ha infatti deciso di metterla all'asta. Gli esperti si aspettano che venga battuto un prezzo che dovrebbe aggirarsi attorno ai 20mila dollari. Abbastanza poco da rischiare di finire nelle mani sbagliate. Tipo quelle che hanno realizzato Die Hard: Un buon giorno per morire (su Italia 1 alle 21.25), ad esempio. 

Spike Lee dirige un biopic su Frederick Douglass, seguiranno maschi bianchi confusi
I giovani dicono poser. E anche se poi intendono «Eh, tipo quello là che va a sentire i Radiohead ma per farsi i selfie e non per prendere gli psicofarmaci», il significato è più o meno riferito a una persona che abbraccia i tratti più superficiali di un certo movimento ma senza capirne nulla, giusto per un like sui social. Spike Lee non è un poser. È un nanerottolo di 60 anni, incazzato da più di 30, che grazie al cinema ha trovato un canale per raccontare la sua rabbia atavica e la sua lotta civile, più distruttiva che costruttiva. Ci ha messo una decina d'anni, Spike, a riprendersi dal tonfo di Miracolo a Sant'Anna; ma sembra finalmente tornato quello che negli anni '90 era fra i più bravi a fare bel cinema con sale in zucca. Tra i sintomi di questa ripresa anche il suo prossimo progetto, un biopic sul seminale Frederick Douglass, la più importante figura intellettuale afroamericana ai tempi della lotta per l'abolizionismo. Ecco, diciamo che Spike Lee sicuramente non sarà tra gli spettatori, stasera alle 21 su Canale 20, di Exodus – Dei e re, quel film di Ridley Scott con un gallese a interpretare l'israeliano Mosè e un australiano nei panni del faraone Ramses. 

Mai cambiare una formula vincente, anche se prevede la regia di Susanne Bier
Perché alla fine lo scopo nella vita cinematografica di Susanne Bier è quello di rendere tutto il più pesante possibile. Certo, ha vinto l'Oscar con Un mondo migliore. Ma anche Paul Haggis ne ha vinto uno per Crash. A parte i lamenti, la notizia è che Nicole Kidman ha scoperto che non vuole rinunciare a tutte le soddisfazioni e i premi vinti come interprete e produttrice televisiva grazie a Big Little Lies. E oltre a una seconda stagione di quest'ultima, rilancia anche con un altro progetto, la miniserie The Undoing, dalle premesse simili: produzione HBO, collaborazione con lo sceneggiatore David E. Kelley e regia affidata a un nome esotico e autoriale, passando dal franco-canadese Jean-Marc Vallée di Big Little Lies alla danese Susanne Bier. Nel frattempo l'autarchico Clint Eastwood se ne sta tranquillo in un angolo a giudicare in silenzio, riguardandosi Gli spietati su Iris alle 21.

In breve:
Taron Egerton
, nonostante il nome sempre più buffo a ogni ulteriore lettura e nonostante fosse il protagonista indiscusso dei primi due film, ha annunciato che non farà parte del cast per il prossimo Kingsman. Rimangono due opzioni: o si tratta di un prequel, qualcosa sulle origini dei servizi segreti ammazza carlini, o effettivamente sarà un terzo capitolo privo del protagonista dei primi due. Magari due ore filate di Colin Firth che parla pacatamente italiano. Comunque, in entrambi i casi, gli sbadigli sono concessi.

Joshua e Ben Safdie, fratelli cineasti indipendenti che raccolgono molta stima nel microcosmo newyorchese, stanno lavorando al loro prossimo progetto insieme ad Adam Sandler, e hanno deciso di affiancare all'attore comico Kevin Garnett, ex stella della NBA, 2 metri e 15 di fibra nervosa, intimidazione e facce molto cattive. Potrebbe già essere la commedia dell'anno.

Il contributo video serve a salutare e ringraziare Francis Lai, compositore francese scomparso a Nizza all'età di 86 anni e premio Oscar per la colonna sonora di Love Story. Una colonna sonora talmente bella che ha contribuito a fare del film uno degli strappalacrime più riusciti della storia del cinema; una partitura così intensa e commovente da far credere a un sacco di persone che quel branzino di Ryan O'Neal sarebbe diventato il nuovo Clark Gable. 
 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #098

21 Marzo 2019

I sequel sono come scatole di cioccolatini
Si possono dire tutte le peste e le corna dell'intrattenimento anni '90 – il decennio delle boy band, delle girl band, dei grandi...

Addio e grazie per tutte le news #097

20 Marzo 2019

Natale è arrivato in anticipo?
Oppure è un modo ancora più piacevole del solito per festeggiare la primavera, una nuova forma di rito pagano per celebrare l'equinozio di...

Addio e grazie per tutte le news #096

19 Marzo 2019

La terapia di coppia è un percorso lungo e difficoltoso
A quanto pare, almeno per quest'anno, ci hanno davvero provato fino in fondo a riaggiustare il loro rapporto, al...

Addio e grazie per tutte le news #095        

18 Marzo 2019

Ti amo, poi ti odio, poi ti apprezzo
...

Addio e grazie per tutte le news #094

15 Marzo 2019

India, terra di fini dicitori cinematografici
Sarà che a produrre così tanti film diventa fisiologicamente impossibile sfornare altrettante sceneggiature originali. Sarà...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy