Addio e grazie per tutte le news #019

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Gunga Din è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


14 Novembre 2018

Addio e grazie per tutte le news #019

I bei ricordi di giovinezza di Michael Douglas
Michael Douglas
una manciata di cose le ha fatte, nella sua carriera cinematografica. Per usare un eufemismo. E le ha fatte anche per bene, basti pensare ai due Oscar – come attore per Wall Street e come produttore di Qualcuno volò sul nido del cuculo – che lo salutano dal comodino tutte le mattine e gli dicono quanto è bello e bravo. E probabilmente glielo dicono con la voce del padre Kirk, uno che negli anni di formazione del figliolo stava costruendo a mani nude gli scivoli d'oro di Hollywood e che dev'essere stato poco prodigo di tempo a disposizione e complimenti. Certo, dice Michael, «sia benedetto, nonostante gli impegni veniva a tutte le produzioni teatrali a cui partecipavo negli anni dell'università». 10 punti papà per Kirk. Ma la parte divertente della storia è quella che viene prima e che racconta del debutto a teatro di Michael, in una rappresentazione di Sogno di una notte di mezza estate, esordio commentato dal babbo con un: «”Figlio, sei stato terribile. Assolutamente terribile”. Ed era così sollevato di non dover fare i conti con la mia inesistente carriera d'attore». Severo, ma giusto. Come oggi non ne fanno più. Avrei pagato oro per conoscere il commento di Kirk Douglas a un'eventuale partecipazione del figlio in Olé (su Premium Cinema Comedy alle 21.15).

Fare il tifo per i videogiochi perché è l'unico settore in cui Disney non stravince
Per quello, e per dare il giusto fastidio alla mossa da umarell: quella di ritenere i videogiochi responsabili di un qualche impoverimento intellettuale e culturale. L'ultimo a cascarci, sui social, Carlo Calenda, che si è ingobbito sul più classico dei commenti che fa chi conosce solo superficialmente un argomento, ma guardandolo con condiscendenza dall'alto al basso si sente in potere di sminuirlo. Sono anche finiti i tempi in cui i produttori e consumatori di videogame vengono in qualche modo intaccati da opinioni del genere. Al momento l'industria si gode la sua versione degli Oscar, i Game Awards, di cui sono appena state comunicate tutte le nomination. I due titoli con più candidature sono Red Dead Redemption 2 e God of War, colossal videoludici con incassi da capogiro – il primo, nei primi tre giorni di vendita, ha fatto registrare un guadagno di 725 milioni di dollari. Sarebbe bello immaginare una versione videogioco di Bastardi senza gloria (alle 21 su Canale 20) e vederla raccogliere tutte le nomination di tutti i premi, anche i Tony.

Pedro Pascal in lotta per il grande slam
HBO
ce l'abbiamo. È stato breve, ma intenso ne Il trono di spade: una lancia avvelenata, della tracotanza, un po' di alcolismo e il cranio sfracellato. Netflix anche. Lì è durata di più, e il culto di Narcos quasi si avvicinava per fedeltà a quello dei draghi: spicci o schiaffi dietro le orecche, la pro loco della Colombia ringrazia e sapevamo che il suo personaggio non sarebbe durato più di tanto. Cos'altro manca? Disney+ ancora prima che Disney+ nasca? Segnate anche questa sulla cartella della tombola di Pedro Pascal, che è stato annunciato come protagonista di The Mandalorian, la serie spinoff di Star Wars ideata da Jon Favreau che inaugurerà il servizio di streaming Disney in arrivo nel 2019. Adesso, con tutta la calma del mondo, aspettiamo anche la sitcom di Pascal, il suo spettacolo di stand up comedy, un adattamento di Il ponte delle spie (alle 21.25 su Rai1) per Amazon Prime e un qualche ruolo in un altro spinoff di Breaking Bad

In breve:
Spike Lee è vivo e lotta insieme a noi. Più di un titolo di giornale (e anche un mio vocale su whatsapp) hanno dato per morto Spike Lee al posto di Stan Lee, scomparso nel weekend. Spike ha risposto con un intraducibile ma imprescindibile: «Me? Not Yet. And Dat’s Da ‘I’m Still A Live, And Strivin’ Truth, Ruth. YA-DIG? SHO-NUFF». Sia benedetto.

Dovrebbe essersi conclusa la trista vicenda dell'intervista di Ennio Morricone al Playboy tedesco. La pubblicazione, dopo aver inizialmente abbozzato dicendo che l'intervista era stata sicuramente fatta il tal giorno nel tal lugo alla tal ora, trattando Morricone come un nonno rimbambito, torna sui propri passi e rilascia un comunicato che potrebbe essere tradotto così: abbiamo evidentemente fatto uno sbaglio – siamo tedeschi, e accettiamo l'irrefutabile superiorità della logica – ma allo stesso tempo non ce ne capacitiamo perché, per l'appunto, siamo tedeschi e non commettiamo errori. Un paradosso che, se non trattato, potrebbe portare alla formazione di un piccolo buco nero.

Il video contributo di oggi è il primo trailer ufficiale di Roma, che è il film che ha stravinto la scorsa Mostra del Cinema di Venezia. Ed è anche il film che con tutta probabilità continuerà la lunga striscia di dominio dei registi messicani alla serata degli Oscar. Una di quelle anomalie statistiche che verranno ricordate con un sacco di affetto in futuro, come quando la Pro Vercelli vinceva gli scudetti.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #079        

20 Febbraio 2019

Polemicamente, ma senza perdere l'aplomb
Lo stereotipo vuole che le genti al di là della Manica abbiano un approccio molto più posato, cinico, pessimista, sarcastico e...

CineTRIP #013

20 Febbraio 2019

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
21-24 febbraio 2019

SGUARDI SULL'ARTE (E SULL'ARCHITETTURA)
Cinema e...

Tutto quello che c'è da sapere su Cartoomics 2019

20 Febbraio 2019

Si avvicina marzo. E con esso, oltre agli improvvisi scrosci di pioggia e le prime scalmane primaverili, torna puntuale anche il Cartoomics, la convention di cultura pop...

Addio e grazie per tutte le news #078

18 Febbraio 2019

Non più di un soprammobile per l'attico di New York
Sarà incredibile vedere come la stessa notizia verrà assorbita dai due lati del muro immaginario. Anzi, dai due spalti...

Berlinale69 - Gli Orsi di FilmTv

16 Febbraio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival.

Per ogni critico trovate il film preferito e il pronostico sul...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy