Addio e grazie per tutte le news #029

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Sedotti e bidonati è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 10:35.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8332
servizi
2864
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479

News


29 Novembre 2018

Addio e grazie per tutte le news #029

La si nota di più se partecipa al remake di West Side Story, decisamente
Anche se in effetti, Rita Moreno, non avrebbe nessun bisogno di essere notata. La diva portoricana – che sta per compiere 87 anni e li porta meglio di quanto il 90% dei freelance sedentari portino i loro 40: potrebbe serenamente essere la prossima Captain America (Civil War lo danno alle 21.20 su Rai 2) – è una fra i pochi artisti a vantare il titolo di EGOT: non un'abbreviazione per ego tracimante, bensì la sigla che indica coloro che hanno vinto Emmy, Grammy, Oscar e Tony. La O di EGOT, Moreno se l'era portata a casa nel 1961 come Miglior attrice non protagonista grazie alla sua interpretazione di Anita in West Side Story. Constatata la forma smagliante dell'attrice, ballerina e cantante, Spielberg l'aveva immediatamente tenuta in conto per partecipare al remake del musical che fu diretto da Robert Wise e Jerome Robbins, le cui riprese inizieranno l'estate prossima. Moreno, che ha un passato insieme a Marlon Brando all'apice della sua vis polemica e che quindi tendenzialmente non ha paura di nulla, all'inizio aveva puzzato Spielberg dichiarandosi non interessata. Oggi, vivaddio, ha cambiato idea ed è stata ufficialmente scritturata per un ruolo inedito rispetto all'originale: sarà Valentina, che sostituirà (e amplierà) il personaggio di Doc, il proprietario  del negozio in cui lavora il protagonista Tony.

Ho fatto due etti e mezzo, lascio?
Fare la spesa insieme alla dirigenza Netflix dev'essere la sensazione migliore di sempre, da re del mondo. Tipo andare in Macedonia con un budget di 200 euro e fare il sultano offrendo shottini di Rakjia a destra e a manca. Entri al supermercato delle serie Tv e dei film insieme a Giovanni e Mario Netflix e li osservi andare di scaffale in scaffale mettendo nel carrello TUTTO. Poi arrivano al banchetto degli originali e il commesso comincia a proporre: abbiamo una versione in live action di Cowboy Bebop scritta dal tizio di Thor: The Dark World e Thor: Ragnarok, aggiungo? Aggiunga, aggiunga. E ci posso mettere dentro anche un gran numero di serie animate tratte dall'opera di Roald Dahl, ho fatto La fabbrica di cioccolato, Il grande ascensore di cristallo, Il GGG, Matilda, Gli Sporcelli, La magica medicina, Boy, In solitario. Diario di volo, Il coccodrillo enorme, Io, la giraffa e il pellicano, I Minipin, Il dito magico, Agura Trat, Sporche bestie, Un gioco da ragazzi e altre storie e Rhyme Stew, lascio? Lasci, lasci. Avrei anche il sequel di The Tourist (alle 21.10 su Rai Movie) ambientato a Vibo Valentia e diretto da Enzo G. Castellari, ma sempre con Johnny Depp, vado? Non vadi dottore, non esageriamo. 

«Se la mucca fa mu, allora il merlo deve fare per forza me»
Un mondo senza Rocky Balboa: può veramente esistere? Un personaggio che esiste dal 1976 ed è apparso in sette (molto presto otto) film, ha vinto un Oscar, ha messo fine alla Guerra fredda facendo commuovere ed erompere in una standing ovation Gorbachev con il suo forbito eloquio, ha salvato Sylvester Stallone da una carriera nel porno soft underground. Senza Rocky non c'è «Adrianaaaaaa», niente Tarta e Ruga, niente irresistibili barzellette come quella del titolo, niente Hulk Hogan e Labbra Tonanti, niente Mr. T e «I pity the fool», niente storia d'amore fra Paulie e il robottino Emilio, niente Dolph Lundgren che ti spiezza in due. Eppure, almeno stando a un video girato male sul set di Creed II, pare proprio che Stallone abbia deciso di appendere definitivamente i guantoni di Rocky al chiodo, passando una volta per tutte il testimone della saga a Michael B. Jordan e al suo Adonis Creed, figlio di Apollo che non si chiama Apelle. Dopo più di 40 anni di onorato servizio, non vedremo più Rocky Balboa sul grande schermo. E pare assurdo, perché il buon senso l'avrebbe visto ritirato serenamente alla fine di Rocky V, ma la testardaggine di Stallone ha regalato al personaggio altri tre film, fra cui Rocky Balboa, il più bello della serie insieme dopo il primo. Come se Clint Eastwood avesse deciso di ritirarsi dopo Changeling (su Iris alle 21) per il trauma di aver lavorato insieme ad Angelina Jolie, privandoci di Gran Torino. Evviva la mancanza di buon senso.

In breve:
Se n'è andato davvero troppo presto, aveva 57 anni e da poco più di un anno gli era stata diagnosticata una sclerosi laterale amiotrofica, Stephen Hillenburg, il creatore di SpongeBob. Una delle poche serie animate che continueranno a piacere a tutti nei secoli dei secoli. E se per caso non è così, sappi che ti sbagli. Un particolare ringraziamento va dato a Hillenburg per aver trasformato, nel primo film per il cinema di SpongeBob, David Hasselhoff in un motoscafo umano. Una delle immagini più belle, poetiche e allo stesso tempo disturbanti nella storia dell'animazione.

È stato comunicato il programma del Sundance Film Festival per l'edizione 2019. Tanti giovani virgulti registici si raccoglieranno sotto la neve dello Utah per fare a gara a chi è più hipster e politicamente corretto. Premio garantito per il film che userà l'allegoria più ficcante per descrivere l'America di Trump.

È uscito il trailer definitivo di Se la strada potesse parlare, il nuovo film di Barry Jenkins, già premio Oscar per Moonlight. Tra i commenti più interessanti sul trailer c'è quello del collega Edgar Wright, che non ha sottolineato né il montaggio, né la colonna sonora, né l'idea di direzione degli attori che si può intuire dalle prime immagini; ha, bensì, particolarmente apprezzato il design di interni. I dettagli che ai non addetti ai lavori sfuggono.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #036

10 Dicembre 2018

Nostalgico Bob
Che forse la vita dovrebbe essere più simile allo spirito con cui gli sportivi affrontano le loro discipline: per i migliori, tendenzialmente, vige la regola...

Addio e grazie per tutte le news #035

7 Dicembre 2018

Anche ai globi dorati viene l'orchite
Comunicate e finalizzate le nomination all'...

Addio e grazie per tutte le news #034

6 Dicembre 2018

Stefano Sollima ci ha preso gusto
E continuerà a fare esplodere cose urlando Iuèssei, Iuèssei. Dopo il discreto successo, sia di critica sia di pubblico, di ...

Addio e grazie per tutte le news #033

5 Dicembre 2018

In lavorazione un film su Diabolik
Che da più di 50 anni sta lì, nel pantheon di quella manciata di titoli di culto del fumetto e della cultura pop italiani, eppure...

CineTRIP #005

5 Dicembre 2018

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
5 - 9 dicembre 2018

GITA A COMO (“IN NOIR”)
Il Noir in...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy