Addio e grazie per tutte le news #069

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Sedotta e abbandonata è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 00:55.

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

Scorsese-DiCaprio, coppia al fulmicotone. Tre ore di film senza pause (e possibilmente senza tagli). Vi riproponiamo la locandina di Emanuela Martini.

Alice Rohrwacher dirigerà almeno due degli otti episodi della seconda stagione di L'amica geniale , dal titolo Storia del nuovo cognome . Avete già visto la prima?

Quest'anno alla #Berlinale69 non ci sono nomi di grande richiamo cinefilo. Un esempio preso dal passato? Bruno Dumont. Vi riproponiamo la recensione di un suo film, nella homepage della sezione Scanners.

La citazione

«Noi siamo orfani della Rivoluzione. E spesso pensiamo che non c'è più una vittoria possibile, che il mondo è disincantato e alla fine ci rassegniamo. Il cinema, al contrario, ci dice, a suo modo, che ci sono vittorie possibili anche nel mondo peggiore.... Non bisogna disperarsi. È quel che il cinema ci racconta, io credo. Ed è per questo che dobbiamo amarlo. (Alain Badiou)»

scelta da
Mariuccia Ciotta

cinerama
8462
servizi
2973
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


5 Febbraio 2019

Addio e grazie per tutte le news #069

In attesa di La passione di Cristo 2
Mel Gibson
è come uno di quegli enormi aggiornamenti di Windows 98, eterno e inesorabile. Dopo la medaglia d'oro al decathlon delle brutte persone – omofobia, molestie, misoginia, sessismo, antisemitismo, ubriachezza molesta al volante, razzismo, fondamentalismo religioso, antiabortismo e Il patriota – e la conseguente caduta nel baratro delle persone non grate a Hollywood, l'attore e regista finto australiano ha cominciato una lenta ma costante risalita da figliol prodigo, al momento giunta alla nomination per la miglior regia grazie a La battaglia di Hacksaw Ridge. Prima della prossima uscita di cattivo gusto, all'appello mancano giusto giusto gli asiatici, Gibson tenta di recuperare definitivamente lo status perduto a causa del pessimo voto in condotta con un ruolo da co-protagonista nell'atteso Black Flies, considerata dagli addetti ai lavori fra le migliori sceneggiature non ancora prodotte, tratta dall'omonimo romanzo di Shannon Burke e diretta da Jean-Stephane Sauvaire, recentemente passato a Cannes con A Prayer Before Dawn, romantica storia d'amore tra un pugile tossicodipendente inglese e 500 incazzatissimi galeotti indigeni in una prigione thailandese. Al fianco di Gibson il giovane prodigio Tye Sheridan, Ciclope sullo schermo e in generale nella sua filmografia – ha fatto un sacco di cose belle, è davvero molto bravo, ma alla fine tutti si dimenticano di lui perché c'è Wolverine. La storia sarà quella di due paramedici, il pivello entusiasta e il vecchio cinico lupo d'ambulanza, che girano per le strade di New York. Che, bizzarramente, era la stessa premessa nella prima stesura della sceneggiatura di Buona giornata (su Canale 5 alle 21.20). Poi Lino Banfi ha usato tutta la sua influenza politica per farla modificare e poter interpretare un senatore corrotto. 

Aaron Sorkin come Nanni Moretti, ma più abbronzato
Dopo mesi di tira e molla – lo fa o non lo fa, lo fa ma non lo dice o non lo fa e lo dice? – il buon Aaron Sorkin ha finalmente confermato che la sua sceneggiatura The Trial of the Chicago 7 diventerà un film. C'era solo da aspettare che la sua versione di Il buio oltre la siepe distruggesse ogni record di incassi per il teatro di prosa a Broadway. Per festeggiare l'ufficialità, Sorkin e compagnia producente hanno annunciato la maggior parte dei nomi che andranno a comporre l'affollato cast. Sorkin non è nuovo a scelte di casting fuori dai canoni e spesso azzeccate, come Jonah Hill in L'arte di vincere o Justin Timberlake in The Social Network, e si ripete anche qui con un variegato quadrilatero di protagonisti: Seth Rogen, Joseph Gordon-Levitt, Eddie Redmayne e Sacha Baron Cohen. Il film racconterà il celebre e grottesco processo politico ai danni di una manciata di rumorosi attivisti che, nel 1968, organizzarono una protesta durante la convention del partito democratico. Qua da noi, invece, a Pericle il nero (su Rai 2 alle 21.05) darebbero come minimo un ministero senza portafogli.

Addio a Julie Adams
È scomparsa domenica nella sua casa di Los Angeles, alla ragguardevole età di 92 anni, Julie Adams, indimenticabile diva della Hollywood anni '50 e quindi precorritrice ante-litteram della diaspora verso il piccolo schermo delle stelle del cinema. Adams è entrata nel culto cinematografico con il ruolo da protagonista, nel 1954, dell'horror Il mostro della laguna nera. Ma anche per la sua costante presenza nei migliori western di quel decennio, fiancheggiata da James Stewart, Rock Hudson, Glenn Ford, Van Heflin e diretta da maestri del genere del calibro di Raoul Walsh, Anthony Mann e Budd Boetticher in titoli come L'oro maledetto, L'avventuriero della Louisiana, Il traditore di Fort Alamo, Le ali del falco o L'ultimo dei comanches. Dalla fine degli anni '50 in poi c'è soprattutto la Tv per Adams, che segna cinque decadi di piccolo schermo entrando nei cast di, tra le altre serie, Le strade di San Francisco, Medical Center, La signora in giallo, Beverly Hills 90210, Melrose Place e Lost

In breve:
La corporazione dei registi ha rifilato i suoi annuali premi. La bella notizia è che Bo Burnham ha vinto quello come miglior regista esordiente per l'ottimo Eighth Grade. La notizia bizzarra è che due attori, Bill Hader e Ben Stiller, hanno vinto due premi per la regia televisiva, rispettivamente miglior commedia (Barry) e miglior miniserie (Escape at Dannemora). La notizia bene ma non benissimo l'ha avuta Adam McKay, che non ha vinto il premio per Vice – L'uomo nell'ombra, ma l'ha vinto per la miglior regia di una serie drammatica con Succession. E la non notizia è che Alfonso Cuarón si è portato a casa la statuetta principale per il suo lavoro su Roma. Dall'ennesimo premio della stagione dei premi è tutto.

Con un sentito ringraziamento al Festival di Rotterdam, che si è concluso due giorni or sono, lasciamo appoggiate qui una serie di masterclass tenute da alcuni dei più interessanti registi in circolazione: da Claire Denis a Jia Zhangke, passando per Carlos Reygadas e il nostro Roberto Minervini. Per allietare le serate più irrecuperabili. Quelle in cui, per esempio, non si riguarda per l'ennesima volta Gomorra (su Rai 2 alle 23).

Il contributo video di oggi è la summa del weekend del Super Bowl, quello in cui tutta l'America si ritrova a festeggiare la vittoria del capitalismo con la scusa di un sacco di uomini enormi ricoperti di protezioni che se le danno di santa ragione. Tra un'azione e l'altra della finale del campionato di football americano, si svolge la vera attrazione: la bonanza di pubblicità che ogni anno viene appositamente preparata per l'evento sportivo (e non) più seguito dagli statunitensi. Quest'anno vince Burger King, che è andata a riprendersi un vecchio filmato di Andy Warhol che, per un documentario danese del 1982, mangia in religioso silenzio (o quasi) un hamburger. A voi la versione integrale del pasto pubblicitario.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Berlinale69 - Gli Orsi di FilmTv

16 Febbraio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival.

Per ogni critico trovate il film preferito e il pronostico sul...

Addio e grazie per tutte le news #077

15 Febbraio 2019

Will, le sorelle Wachowski e il bullet time
Come diamine sarebbe stata la trilogia di Matrix con Will Smith al posto di Keanu...

Addio e grazie per tutte le news #076

14 Febbraio 2019

Qualcuno faccia rilassare James Cameron
C'è un ottimo modo per verificare se l'indole di una persona tende più allo spensierato o all'intenso. Basta portarla al cinema a...

Addio e grazie per tutte le news #075

13 Febbraio 2019

Inizia lo sciopero Apri Tutto
La Academy, la cricca di scienziati che gestisce il baraccone Oscar, ha un problema: da anni la serata di...

CineTRIP #012

13 Febbraio 2019

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
14-17 febbraio 2019

UN CINEMINO GRANDE COSÌ
Riapre il Cinemino di...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy