Addio e grazie per tutte le news #106

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Il silenzio degli innocenti è il film da salvare oggi in TV.
Su Spike alle ore 01:10.

Il 24 aprile è la data in cui usciranno in Francia dvd e bluray di High Life di Claire Denis, con Robert Pattinson e Juliette Binoche. Ancora non è prevista un'uscita nelle sale italiane, ma per l'occasione rispolveriamo la recensione di un altro film invisibile della stessa regista.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Remake, reboot, prequel, sequel. E degli adattamenti, non possiamo proprio fare a meno? L'opinione di Roy Menarini.

Michelle Yeoh è appena stata scelta da James Cameron per i tre sequel previsti di Avatar. Vi riproponiamo allora la locandina di Emanuela Martini scritta per il film del 2009.

Sulla seconda stagione abbiamo pareri discordi (cfr. il Perché sì / Perché no di FilmTv n° 16). Ma la prima stagione di The OA ci era piaciuta molto: la recensione di Giulio Sangiorgio.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487

News


5 Aprile 2019

Addio e grazie per tutte le news #106

Amy Adams fa sul serio
Quindi c'è ancora qualche addetto ai lavori che ha dubbi sull'intensità delle ambizioni da Oscar di Netflix. Hanno fiducia che le posizioni di Steven Spielberg e un manipolo di altri, pochi ma influenti, hollywoodiani olimpici – ai film che non hanno come obiettivo primario la distribuzione su grande schermo non dovrebbe essere consentita la partecipazione agli Oscar – prevarranno, lasciando fuori dal più prestigioso (e remunerativo) premio cinematografico i film prodotti dalla piattaforma di streaming. Allora Netflix risponde così: prende un regista che è ormai uno dei grandi senatori di Hollywood, il due volte premio Oscar Ron Howard; gli mette accanto l'emergente sceneggiatrice, candidata all'Oscar per La forma dell'acqua, Vanessa Taylor. Insieme li mette ad adattare per il grande schermo Hillbilly Elegy: A Memoir of a Family and Culture in Crisis, autobiografia di J. D. Vance e monumento cartaceo a tutto ciò che fa andare completamente via di testa gli americani. È la storia di un self made man, cresciuto in condizioni di povertà estrema in una zona rurale dell'Ohio da nonni alcolisti proni alla violenza manesca e psicologica, e da una madre instabile con problemi di tossicodipendenza e di relazioni velenose. Da qui Vance è risalito, anche e soprattutto grazie ai tradizionali valori stellestrisce di lealtà e patriottismo, ottenendo una borsa di studio alla scuola di legge di Yale e diventando uno stimato scrittore e imprenditore. Una storia che è certamente vera – e intrisa di profonda riflessione sociale – ma che allo stesso tempo sembra da un algoritmo programmato con tutte le istanze preferite dalla retorica hollywoodiana. Ciliegina sulla torta, una delle protagoniste di Hillbilly Elegy (traducibile approssimativamente come “Elegia del buzzurro”) sarà l'agguerrita Amy Adams, nominata a sei Oscar e ancora in attesa della prima vittoria. Se Netflix non distribuisce il film per la festa del 4 di luglio, regalando bandiere americane intrise di lacrime di veterani a tutti quelli che si abboneranno appositamente, sono matti. 

John Cho Bebop
Questa è una faccenda importante per almeno un paio di generazioni di appassionati di anime. E chiaramente siamo sempre in territorio Netflix (non si scampa), che qualche tempo fa si è accaparrata i diritti per il remake in live action di Cowboy Bebop, adattamento di cui si parla da fin troppo tempo. Cowboy Bebop è un cult dell'animazione anni '90, space western esistenzialista caratterizzato da disegni eccellenti, una scrittura adulta e introspettiva contrapposta a scoppi di azione coinvolgenti, e una manica di protagonisti di un ganzo mai visto. In un universo in cui la Terra è andata a ramengo cinquant'anni prima in seguito a un esperimento lunare poco riuscito, l'umanità ha colonizzato lo spazio e l'anarchia ha trionfato sovrana: il crimine organizzato prende sempre più potere, e per arginarlo le autorità hanno istituito un sistema di taglie legalizzato. Il protagonista Spike, ex gangster, è uno di questi cacciatori di taglie. Fuma, beve, ha i pugni nelle mani e i calci nei piedi, una zazzera che colpisce al cuore, oltre a un atteggiamento dolente, malinconico e rassegnato che lo rende un campione per tutta una serie di trentenni che non hanno neanche mai accarezzato il sogno di una pensione. Con una mossa inaspettata, Netflix ha accelerato la produzione dei dieci episodi della miniserie tratta dal cartone annunciando il cast tecnico e artistico. Alla regia, almeno dei primi due episodi, ci sarà il veterano di mille battaglie televisive (Daredevil, Luke Cage tra gli altri) Alex Garcia Lopez, mentre il pilota è stato sceneggiato da Christopher Yost. Soprattutto, e ancor più fondamentale per gli appassionati, è stato scelto l'attore che vestirà gli iconici panni di Spike: si tratta di John Cho, ottimo prezzemolino cinematografico e televisivo.

Severa, ma giusta, ma antipatica
A Las Vegas si è svolto in questi giorni il CinemaCon, una convention organizzata dall'Associazione nazionale degli esercenti che in pieno stile americano si è risolta in una divertente baracconata circense, con la presentazione in stile wrestling dei trailer di alcuni dei progetti in arrivo più attesi dal grande pubblico. Fra questi anche Terminator: Dark Fate, sesto capitolo della saga creata da James Cameron nel 1984, con lo storico ritorno nel cast (mancava da Terminator 2 – Il giorno del giudizio) dell'indimenticbile protagonista dei primi due episodi, Linda Hamilton/Sarah Connor. Che interpellata canonicamente per fare la dovuta marchetta prevista da contratto, ha avuto l'adorabile idea di ricoprire educatamente di melma tutti i film di Terminator che non sono stati graziati dalla sua presenza: “Non sono particolarmente memorabili, vero? È che tu inizi qualcosa e vieni coinvolto nella saga, ma poi in qualche modo i personaggi a cui ti sei affezionato non ci sono più. E poi personaggi e i punti di vista della storia si moltiplicano e diventano troppi. Quindi penso che sia stato fatto un buon lavoro nel concentrare di nuovo la mira e tornare alla semplicità dei primi due episodi”. È sempre bello sentir parlare, a Hollywood, qualcuno che non ha niente da perdere né da guadagnare dal comportarsi in maniera ruffiana e prevedibile. Anzi. Hamilton dovrebbe pensare a una carriera parallela da critica cinematografica. Chissà qual è il suo onesto e brutale parere su film come Parker (su Rai4 alle 21.10) The Founder (su RaiMovie alle 21.20) o Lucy (su Italia 1 alle 21.25).

La settimana si chiude con un contributo video ambiguo. È il trailer di Domino, il nuovo film di Brian De Palma. Quindi da una parte: che bello, un nuovo film di De Palma, non succedeva dal 2012 (Passion), e ha pure lo stesso titolo di quel film di Tony Scott che faceva venire l'epilessia. Magnifico. Dall'altra, lasceremo che a parlare sia lo stesso De Palma, che la scorsa estate ha definito la sua esperienza in trasferta in Danimarca per realizzare un film che, si dice, la produzione ha accorciato di SESSANTA MINUTI, nella seguente maniera: “Domino non è un mio progetto, non ho nemmeno scritto la sceneggiatura. Non ho mai avuto un'esperienza peggiore sul set di un film. La maggioranza della nostra troupe non è ancora stata pagata dai produttori danesi. Il film è finito e pronto per uscire, ma non ho la minima idea di quale sarà il suo futuro, dal momento che ora come ora è nelle mani dei produttori. Questa è stata la mia prima esperienza in Danimarca, e probabilmente anche l'ultima”. Mh. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #112

18 Aprile 2019

Nuvoloso con possibilità di Tarantino
Non ce l'hanno fatta, il Festival di Cannes e Quentin Tarantino, a osare un annuncio irresponsabile e confermare la...

Addio e grazie per tutte le news #111

17 Aprile 2019

Addio a Monkey Punch
La vulgata della bibbia di...

Addio e grazie per tutte le news #110

16 Aprile 2019

Continuiamo così, facciamoci del male
Lo zapping. Che come tutte le attività fatte a mezzo cervello rivelano molto dell'inconscio. All'apice del duopolio Rai/Mediaset era...

Addio e grazie per tutte le news #109

10 Aprile 2019

Almeno questi anziani non hanno la fissa delle slot machine
Ultimamente era già passato il buon Hayao Miyazaki, e nemmeno per la prima volta, a ricordarci una grande...

Enrico Vanzina fotografo: passione e beneficienza

10 Aprile 2019

Giovedì 11 Aprile, dalle ore 18 in poi, alla Galleria Russo, in via D’Alibert (angolo via Margutta) a Roma, Enrico Vanzina metterà in vendita una serie di sue opere fotografiche. Il ricavato sarà...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy