Addio e grazie per tutte le news #122

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che I cento cavalieri è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 18:10.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il cibo, la tradizione, il vino... ma la birra? Piccolo excursus su una bevanda popolare, ma non così tanto al cinema.

Al cinema da giovani è una raccolta di scritti di Maurizio Ponzi, appena uscita, da cui abbiamo tratto l'intervista che Ponzi fece a Jean-Pierre Melville negli anni '60, pubblicata su FilmTv n° 33. Per accompagnare quella lettura vi proponiamo il testo di Emanuela Martini su Lo spione .

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Ognuno prende i limiti del suo campo visivo per i confini del mondo. (Arthur Schopenhauer)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494

News


9 Maggio 2019

Addio e grazie per tutte le news #122

Toh, un remake
Ma non un remake normale, bensì uno di quei remake speciali che si inverte il genere dei protagonisti perché la rappresentazione di chi non ha rappresentanza è un processo anche retroattivo e speriamo che il passaparola, “Ohmioddio, una femmina al posto di Stallone! Scandalo!1!”, sui social sia abbastanza per risparmiare sul marketing. Che è anche un po' la cosa bella di essere un produttore di successo come Neal Moritz, che dopo una settantina di film (fra cui la saga Fast and Furious), cinque miliardi di dollari di incassi e una controllatina allo specchio a conferma di essere ancora un maschio bianco, può continuare a fare quello che vuole a Hollywood e nessun finanziatore gli darà mai dello scemo. La fissa di Moritz, negli ultimi anni, è stato uno di quei progetti che per molto meno un sacco di gente è stata rinchiusa nelle patrie galere: un remake di Cliffhanger – quel film del 1993 con Stallone che fa brutto sulle Dolomiti, e già qui siamo eleggibili per il TSO – ma virato tutto al femminile, perché è sempre più ora di battere cassa a caso sullo zeitgeist socioculturale. Il progetto sarà presentato a Cannes alla ricerca di finanziamenti, e visto il credito professionale di cui gode Moritz difficilmente ci saranno intoppi. La buona notizia è che il produttore ha affidato la regia del film, sceneggiato da Sascha Penn (Creed II), alla 40enne Ana Lily Amirpour, passata alla Mostra di Venezia con il suo secondo film The Bad Batch e prima ancora esordiente al Sundance (era il 2016) con A Girls Walks Home Alone at Night, regista indipendente che ha dimostrato grande amore per il cinema di genere e, soprattutto, un punto di vista peculiare ed esteticamente rilevante. 

Tom Cruise, lévati
Non ci ha mai creduto nessuno a Tom Cruise come L'ultimo samurai. Non ci credeva, nonostante rimanga un attore capace di grandi cose, nemmeno Ken Watanabe mentre recitava al suo fianco nel filmetto di Edward Zwick. Oggi Hollywood torna sul genere “tentativo di espropriazione di quella cultura lì”, e lo fa con una vicenda che ha del leggendario, ma che è anche comprovata dalle cronache storiche: quella del primo (e unico) samurai africano. La storia, seppur scarna di dettagli (risale pur sempre al Giappone medievale della seconda metà del 1500), è realmente accaduta e appartiene a un uomo divenuto celebre con il nome di Yasuke, giunto in Giappone (forse) dal Mozambico, (forse) schiavo a bordo di una nave portoghese e quindi (sicuramente) preso a servizio dal missionario gesuita Alessandro Valignano (c'è anche nel Silence di Scorsese, interpretato da Ciarán Hinds) e quindi introdotto alla corte del daimyō (la maggior carica feudale nel Giappone dell'epoca) Oda Nobunaga, che superato lo stupore di chi non aveva mai visto in vita sua una persona nera, lo accoglie a corte e lo eleva al rango di samurai. Una storia oggettivamente pazzesca, che verrà portata sul grande schermo per intercessione di Chadwick Boseman, sia produttore sia protagonista del film (che non ha ancora un regista). Boseman ci sta prendendo la mano con questi biopic iconici: sarà Jackie Robinson in 42, James Brown in Get On Up e Thurgood Marshall, il primo nero (era il 1967) a essere eletto giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, in Marshall. Per Yasuke, il più grosso ostacolo tra Boseman e la realizzazione di un buon film sarà la sceneggiatura firmata da quel guercio di Doug Miro, che prima di azzeccarne una e creare Narcos aveva fatto più danni della grandine scrivendo cose tipo Prince of Persia – Le sabbie del tempo, L'apprendista stregone e The Great Wall.

Lo sguardo di rimprovero di Ethan Hawke
Mentre i nove decimi abbondanti dell'umanità che non ha problemi di acqua potabile sono ancora impegnati ad aiutare Marvel a contare gli incassi di Avengers: Endgame o a imparare i rudimenti del voodoo per esorcizzare l'ultima stagione di Game of Thrones, Ethan Hawke osserva da lontano e sorride comprensivo, in cima al portico su cui sta pacificamente fumando la sua pipa, bevendo il suo whiskey e assaporando l'ultima edizione critica delle trascrizioni di Carmelo Bene al Maurizio Costanzo Show. Mentre il mondo si agita attorno al vuoto pneumatico dell'intrattenimento di massa, e mentre i suoi stimati colleghi guadagnano gazzilioni di dollari agitandosi in un pigiama di lattice davanti a uno schermo verde, Hawke cesella incessantemente la sua arte, conscio di essere dalla parte giusta della storia. Per il suo prossimo progetto cinematografico, l'interprete e regista conta di sceneggiare, in collaborazione con il drammaturgo e compositore Shelby Gaines, dirigere e recitare come protagonista nell'adattamento di Camino Real, dramma teatrale scritto nel 1953 da Tennessee Williams e fra i lavori più concettuali e sperimentali firmati dallo scrittore americano. Hawke, che sarà fors'anche un filo pretenzioso ma non è certo fesso, ha scelto Rio de Janeiro come location per questo testo surreale che racconta dell'amore e dell'inevitabile passare del tempo. Come partner sul set, invece, Hawke ha scritturato Juliette Binoche. Come detto, il ragazzo è tutto tranne fesso. 

In una giornata che ci lascia con segnalazioni televisive del calibro di Blade (su Canale 20 alle 21), Il mostro (su Rai2 alle 21.20) e San Andreas (su Canale 5 alle 21.20), tutte le residue speranze di non perdere l'uso della vista per un trauma ottico si appoggiano sul primo teaser dell'adattamento seriale di Watchmen che HBO e Damon Lindelof stanno architettando da mesi. Ci sono un sacco di Rorschach, Jeremy Irons che fluttua e una discreta palpabile sensazione che la fine è vicina. Tic Tac. 
 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Ferragosto con David Fincher

16 Agosto 2019

Fuori(le)Serie #008

Stufi del solito ponte di Ferragosto, un giorno al mare due giorni di coda in autostrada? Il mondo dello streaming propone ottime...

Veni, vidi, quibi

14 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #165

Se c'è una cosa davvero puzzolente, è proprio essere costretti a usare la retorica e il lessico tipiche di altre...

Addio a Piero Tosi 

13 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #164

...

If you smell what GLOW is cooking

9 Agosto 2019

Fuori(le)Serie #007

Tra le tante altre cose, è arrivata anche la nuova stagione di GLOW, la miglior serie che non state guardando perché...

Nessuno ancora crederci potrà

8 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #163

Affermare che, per un regista che muove i suoi primi passi in Nuova Zelanda, le possibilità di avere successo siano...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy