Addio e grazie per tutte le news #124

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Donnie Darko è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai4 alle ore 01:15.

Tom à la ferme di Xavier Dolan è in streaming su PrimeVideo

Uncut Gems è tra i dieci migliori film invisibili dell'anno e ha ottenuto svariati premi anche se è stato escluso dalla corsa agli Oscar 2020. Sarà disponibile dal 31 gennaio su Netflix, ma intanto recuperiamo un altro invisibile dei fratelli Safdie, con la recensione di Ilaria Feole.

Cominciano i festeggiamenti per i cent'anni di Federico Fellini. Prossimamente sulla rivista, qui con una locandina di Emanuela Martini.

Non tutti i collaboratori di FilmTv sono entusiasti di Watchmen .

The New Pope arriva su Sky Atlantic il 10 gennaio, come anticipato nel n° 53. È il seguito, sempre di Paolo Sorrentino, di The Young Pope, di cui vi riproponiamo qui la recensione.

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
9052
servizi
3417
cineteca
2996
opinionisti
2067
locandine
1061
serialminds
889
scanners
502

News


14 Maggio 2019

Addio e grazie per tutte le news #124

Addio a Doris Day  
Doris Day
è scomparsa ieri a 97 anni. Troppo presto, a dispetto della veneranda età, per una donna che era stata descritta in forma smagliante e perfetta salute, ancora coinvolta nelle attività della sua fondazione per la difesa degli animali, prima di contrarre una banale, ma fatale polmonite. Day era una delle ultime vestigia degli anni d'oro della Hollywood classica, quando tutto sembrava molto più semplice (o semplicemente era tutto più ipocrita). La sua ultima apparizione sul grande schermo risale al 1968, fatalità solo due anni dopo aver rinunciato al ruolo da protagonista in Il laureato perché reputata una sceneggiatura “volgare e offensiva”. D'altronde Day, nei suoi 25 intensi anni di carriera davanti alla macchina da presa, aveva raggiunto un successo fuori scala grazie alla bellezza da ragazza della porta accanto, la schiettezza senza malizia – la stessa che conquistò Michael Curtiz (la fece debuttare in Amore sotto coperta dopo un provino in cui la donna confessò di non sapere recitare) e che la ritenne sempre la più importante scoperta della sua carriera – la voce di un angelo, una purezza virginea e spensierata. Doris Day era l'incarnazione di uno stereotipo rassicurante in un cinema che non era modello di realtà, ma fabbrica di sogni talmente entusiasta che ogni film doveva avere nel titolo un punto esclamativo. Day ha deciso, consapevolmente o meno, di non adeguarsi al nuovo cinema che, dalla metà degli anni '60, comincia a prendere piede. Poco male, perché verrà comunque per sempre ricordata come l'attrice di maggior successo commerciale del decennio che va dalla metà degli anni '50 alla metà dei '60. Dagli esordi al cinema, dopo anni di grande successo come cantante, agli ordini del mentore Curtiz, ai primi ruoli iconici da protagonista (Non sparare, baciami!); dall'esperienza in ruoli drammatici, fra le sue migliori prove d'attrice ci sono quelli in Amami o lasciami e nel remake americano di L'uomo che sapeva troppo, fino alla definitiva consacrazione come angelo del focolare dell'America intera nel terzetto di commedie anni '60, in cui era spalleggiata da Rock Hudson e Tony Randall: Il letto racconta... (per il quale Day riceve la sua unica nomination agli Oscar), Amore, ritorna! e Non mandarmi fiori! Dopo il cinema, Day si è trovata letteralmente costretta (causa bancarotta) a lavorare in televisione. Nasce il Doris Day Show, che resta in onda fino al 1973 per cinque stagioni e 128 puntate.

Tesoro, mi si sono ristretti i legecyequel
La pazienza sta finendo. Non tanto perché Disney ha sentito la necessità di organizzare il rigurgito di un altro piccolo culto cinematografico generazionale, Tesoro, mi sono ristretti i ragazzi, che stava bene e aveva senso là dov'era stato fatto (nel 1989) senza il bisogno di ricicciarlo. Non tanto perché al posto di Rick Moranis, fra i protagonisti di La piccola bottega degli orrori, i due Ghostbusters e Balle spaziali, ci sarà Josh Gad, fra i protagonisti di The Rocker – Il batterista nudo. La pazienza si sta assottigliando di fronte ai salti mortali comunicativi per tentare di dare un'aura di originalità a un programmatico processo di rimasticazione. Non c'è nessun bisogno di trattare gli spettatori come delle ingenue mucche da mungere. Non c'è motivo per inventarsi che questa nuova iterazione, che si intitolerà Shrunk (“Rimpicciolito”), debba essere chiamata “legecyequel”, ovvero un reboot dell'originale, ma che esiste nello stesso universo narrativo del film e ne continua la narrazione pur raccontando la stessa storia. In Shrunk, infatti, Gad interpreterà Nick Szalinski, figlio dello scalcagnato inventore Wayne – quello che in Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi, a sorpresa, restringeva alcuni ragazzi – che proprio come il padre si troverà costretto a rincorrere una manciata di figli rimpiccioliti. In realtà il progetto era era nato per essere nascosto nei meandri degli originali studiati per il lancio di Disney+. Ma, complice l'eccitante prospettiva di poter abusare nei comunicati stampa dell'orrido insensato neologismo “legecyequel”, al momento i vertici Disney stanno tentando di organizzare una distribuzione in sala. “Vaffangrazie” Disney, che è un po' un reboot del volgare invito originario, ma che sta nello stesso universo narrativo di un ringraziamento e ne continua la narrazione, pur raccontando la stessa storia.

Manca solo Nicolas Cage
Al Mercato di Cannes sta per tentare la sua fortuna con gli investitori un progetto che pare ideato da uno di quelli che da bambini davano fuoco ai formicai con la lente d'ingrandimento e poi stavano a guardare, ridendo come pazzi, mentre gli insetti brulicavano confusi fuori dalla loro casa in fiamme. Si tratta di una commedia nera – si dice ispirata a un classico del genere, l'inglese Sangue blu diretto da Robert Hamer nel 1949 – che racconta le matte matte avventure di un ricchissima e tribolatissima famiglia newyorchese, i Rothchild. Protagonisti del film: nei panni del patriarca Whitelaw (“Legge bianca”) Mel Gibson, e in quelli della pecora nera della famiglia Becket, Shia LaBeouf. E già qui ci sarebbero gli estremi per gridare a un capolavoro di incidente in galleria. Ma ci ha pensato l'internet che non perdona a rendere ancora più teso questo progetto. Rothchild è un nome che assomiglia sinistramente, e non può essere un caso, a quello dei Rothschild, dinastia di origine ebraica che negli ultimi 300 anni è stato il capro espiatorio preferito dell'antisemitismo, che l'ha resa inconsapevole promotrice di qualsiasi teoria complottista che meriti almeno una settimana di ricovero psichiatrico. Ed è noto: Gibson virgola Mel ha un passato di alcolismo pubblico che ha rivelato al mondo il suo lato peggiore, antisemita, misogino e violento. Fatto informalmente confermato dallo sceneggiatore Joe Eszterhas, che qualche anno fa, in una lettera aperta, ha scritto senza troppi giri di parole: Mel Gibson odia gli ebrei. Sarà un mercato divertente, giù a Cannes.

E a proposito di Cannes. Ok, probabilmente non ci troverete mai film divertenti ma del genere sbagliato tipo Jack Reacher: Punto di non ritorno (su Tv8 alle 21.35) o Creed – Nato per combattere (su Tv8 alle 23.50), o film del regista sbagliato tipo Blue Jasmine (su Iris alle 21). Ma sicuramente ci troverete Marco Bellocchio, unico italiano in concorso con Il traditore, film biografico che racconta la vita, le opere, le ammazzatine e le confessioni di Tommaso Buscetta, fra i più clamorosi e fondamentali pentiti di Cosa Nostra di sempre. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Il re dell'horror è anche in streaming

17 Gennaio 2020

Fuori(le)Serie #029

Il 2020 ci ha messo poco a regalare a Stephen King il primo adattamento da un suo romanzo dell'anno solare, statisticamente solo il...

Cate Blanchett presidente di giuria a Venezia 77

16 Gennaio 2020

Addio e grazie per tutte le news #214

Cate Blanchett presidente di giuria di uno dei più importanti e storici festival del cinema d'...

Sarà Spike Lee il prossimo presidente di giuria a Cannes

15 Gennaio 2020

Addio e grazie per tutte le news #213

È molto romantico quando lo studente più antagonista della scuola, il promotore di crociate contro l'autorità...

Nuovi Oscar, vecchie polemiche

14 Gennaio 2020

Addio e grazie per tutte le news #212

Ogni anno, sicuro come le tasse, arriva una nuova infornata di Oscar che si porta appresso la...

I due (nuovi) papi

10 Gennaio 2020

Fuori(le)Serie #028

Il 2020 delle serie in streaming, dopo una prima settimana di assestamento, mette in tavola il primo asso, con il ritorno di Paolo...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy