Addio e grazie per tutte le news #127

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulia Bona dice che Benvenuti a Zombieland è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai4 alle ore 00:45.

Dopo l’elezione di Donald Trump del 2016, Mauro Gervasini realizza una ricognizione sui film e i cambiamenti a Hollywood durante i due mandati del primo presidente americano nero, Barack Obama. Vi riproponiamo le sue riflessioni.

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

Muore a 97 anni la fidanzata d'America, Doris Day, una carriera leggendaria di cantante e attrice ma soprattutto il volto dell' american girl . In una filmografia per lo più dedicata alla commedia brillante scegliamo un titolo diverso, uno dei più famosi thriller di Alfred Hitchcock, per ricordarla.

Il 18 giugno arriva su Sky Atlantic la seconda stagione, ma in origine era una miniserie senza seguito: i nuovi episodi sono tutti diretti da Andrea Arnold, e non vediamo l'ora di tornare a seguire le vicende delle protagoniste di Big Little Lies. La recensione della prima stagione, di Alice Cucchetti.

Questa settimana ripeschiamo dall'archivio un film invisibile contenuto in un numero di Scanners dedicato alle metamorfosi,le trasformazioni, il cambiamento del corpo, il mutamento. Ad un ribaltamento kafkiano, per la precisione, nel caso di questo film di Denis Côté.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
8691
servizi
3127
cineteca
2827
opinionisti
1917
locandine
1031
serialminds
830
scanners
490

News


17 Maggio 2019

Addio e grazie per tutte le news #127

Il primo Batman vampiro magico
Con Ben Affleck preso da molti altri problemi, non ultimo allontanarsi il più possibile dal disastro aereo che è finora stato l'universo cinematografico DC, il prossimo Batman – ennesima ripartenza su grande schermo del personaggio dopo la fine dell'era Nolan e la parentesi al fianco di Superman a disquisire sull'etimologia del nome Martha, ripartenza affidata sia come sceneggiatore, sia come regista a Matt Reeves (Cloverfield, Blood Story, Il pianeta delle scimmie) – ha bisogno di un nuovo protagonista, qualcosa di un attimo meno bollito di Affleck e del suo tatuaggio da crisi di mezza età a tutta schiena. Ieri Warner Bros. si era lasciata sfuggire che sono rimasti solo due attori in lizza per il ruolo: Robert Pattinson e Nicholas Hoult. Ma i potenti mezzi di Variety hanno rivelato che la major ha già fatto la scelta di puntare tutto su Pattinson, che al momento sarebbe nelle fasi finali della trattativa. Warner comunque non ha fretta, dal momento che Reeves è perennemente impegnato a limare gli ultimi dettagli dalla sceneggiatura. Per il 33enne interprete inglese sarebbe il terzo ruolo in una saga cinematografica iconica – dopo l'esordio in Harry Potter e il calice di fuoco e dopo essersi sorbito da protagonista tutti i Twilight – parte di una carriera sui generis, in cui Pattinson ha sempre potuto fare esattamente tutto quello che gli pareva. Prima ha incassato sul suo aspetto, facendo scorta di fama e gloria, quindi ha scommesso sul proprio talento collaborando con i cineasti che più lo stimolavano, David Michôd, Cronenberg, Herzog, James Grazy, Claire Denis; e oggi si ritrova nella magnifica posizione di poter scegliere (senza pressione) di tornare alla corte dei grandi studios, per un progetto in cui Reeves sta investendo molto.  

Tutti in fila dalla parrucchiera
Ohssì. È esattamente questo il motivo per cui un paio di generazioni di scappati di casa hanno accolto con così tanto entusiasmo il reboot di Beverly Hills 90210, quello vero però, l'imperatore delle neo soap opera anni '90, non la scarsa imitazione/sequel di nuovo millennio. BH90210 ha il potere di riportarci istantaneamente nei cortili delle ricreazioni liceali, in mezzo al tam tam di quell'incredibile gossip fatto di cattiverie fine a se stesse, e plasmato dalla stessa materia di cui è composto il buon tempo e il non avere nulla di più importante da fare nella vita se non i compiti di matematica. Oltretutto Beverly Hills accompagnava le improbabili acrobazie umane che metteva in scena con un altrettanto movimentato dietro le quinte, fatto di litigi, gelosie, ripicche e in generale buoni motivi per mandare ai lavori forzati una manica di attori viziati e rompiballe. Beh, sono passati quasi vent'anni e ancora il set di Beverly Hills non è luogo particolarmente sereno. Sono trascorsi giusto pochi giorni dal lancio pubblicitario del reboot, che debutterà su Fox a partire dal 7 agosto, e già escono fuori le prime magagne. Pare che lo showrunner Patrick Sean Smith, e con lui una buona parte degli sceneggiatori che hanno lavorato ai sei episodi sinora previsti, abbiano abbandonato la produzione durante il corso delle riprese, sbattendo le porte uscendo. Voci di corridoio dividono le responsabilità degli attriti sul set fra una delle attrici protagoniste (convenientemente non meglio specificata) e l'ingerenza di uno dei dirigenti di Fox che stava seguendo la lavorazione. In ogni caso, è tutto bellissimo e per favore continuate così.

Una settimana da ricchi
Avete tantissimi soldi che vi avanzano? Si parla di cifre che si aggirano intorno a livelli da paghetta del cugino sfigato della dinastia Saudita, o da Gianluca Vacchi appena prima del pignoramento di turno: cose accessibili, non siamo dalle parti di oligarchi russi che conservano il polonio per Putin e con la mancia ci comprano squadre di calcio. Dicevamo che vi avanzano un paio di spicci, e di fare il solito venerdì sera a mangiare sushi, bere cocktail troppo costosi da bicchieri con forme assurde e gettare mazzette di banconote da cinque euro (pitocchi) in testa a quelli dei centri sociali non ne avete voglia. Non temete, Deadline vi viene in soccorso pubblicando il tariffario per il mercato nero dei party che si tengono durante il Festival di Cannes. Perché ogni cosa ha il suo prezzo. Abbastanza correttamente, il pezzo pregiato della collezione è un invito a cena in villa con Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino, che viene via alla modica cifra di tredicimilacinquecento dollari. Segue il party di Vanity Fair: con solo undicimila dollari ci si può intrufolare per scroccare da bere e infastidire un sacco di stelle e stelline di cinema, moda, televisione e traffico d'armi internazionale. Attenzione che c'è anche la possibilità di fare qualcosa di vagamente culturale: con, rispettivamente, 4500 e 3800 dollari è possibile acquistare l'invito per la proiezione di gala di Rocket Man, il biopic su Elton John, e C'era una volta a... Hollywood. Mano al portafogli. 

Questo venerdì non ci ha graziati di un contributo video degno di nota, purtroppo. Ma, quantomeno, la settimana lavorativa ci abbandona regalando alcune soddisfazioni con i film in programmazione in Tv. Su Premium Cinema alle 23.25 danno Jurassic World, ed è sempre bello vedere il faccione felice di Chris Pratt. Su Italia 1 alle 23.55, tutti gli amanti delle ore piccole possono essere messi a nanna più o meno all'alba da Il signore degli anelli – Il ritorno del re. Sempre su Italia 1 alle 21.30, invece, potete trovare il film più bello nella storia del cinema, Mad Max: Fury Road

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #143

14 Giugno 2019

Si stava meglio quando si stava pagani
Non che la chiesa cattolica, in quanto braccio armato, secolare e burocratico della fede che dovrebbe rappresentare, abbia fatto solo...

Addio e grazie per tutte le news #142

13 Giugno 2019

L'amaro calice
Si mettano a letto i bambini, che è arrivato il momento di guardarsi in faccia e parlare di cose scabrose e diseducative. C'è uno spettro umano che si muove...

Addio e grazie per tutte le news #141

11 Giugno 2019

Più Bill Murray per tutti
Il mito di re William, l'anarchico conquistatore di Hollywood, è grande tanto quanto il piffero che gli frega a Bill Murray di...

Addio e grazie per tutte le news #140

10 Giugno 2019

La regina degli ectoplasmi demoniaci
Ci hanno messo un sacco a partire, su quello non ci piove. Ma se le leggi della fisica applicate all'industria cinematografica ci...

Addio e grazie per tutte le news #139

7 Giugno 2019

Divertirsi, ma con moderazione
Sapete chi, fra tutte le persone del mondo, andrebbe obbligatoriamente invitato a ogni compleanno, chi è la vera anima di qualsiasi festa?...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy