Addio e grazie per tutte le news #131

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Francesco Foschini dice che Jane Eyre è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Tutti i luoghi che ho visto, che ho visitato ora so ne sono certo: non ci sono mai stato. (Giorgio Caproni - Esperienza)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
9277
servizi
3734
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511

News


24 Maggio 2019

 Addio e grazie per tutte le news #131

Mektoub, parte seconda: bene, ma non benissimo
Proseguono imperterrite le cronache dalla 72esima edizione del Festival di Cannes. La quale, al di là della qualità dei film – che a giudicare dai responsi ottenuti da Almodóvar, Loach, Tarantino, Bong Joon-ho e altri pare piuttosto alta – è soprattutto riuscita a regalare momenti ragguardevoli dal punto di vista extra cinematografico. Quest'anno però, in mezzo a tanti candidati onorevoli, a vincere la Palma d'Oro dell'esperienza sgradevole è sicuramente Abdellatif Kechiche, in rotta di collisione con parte della stampa. La polvere da sparo era posata da tempo, precisamente dal 2013, anno in cui il trionfo a Cannes di La vita di Adele diede ancor più risonanza alle testimonianze sull'atmosfera tirannica e per certi versi abusiva che si respirava sul set comandato con pugno di ferro dall'autore franco-tunisino. Le due protagoniste, Adèle Exarchopoulos e Léa Seydoux, avevano fatto un resoconto abbastanza dettagliato, pubblicato dal New Yorker, dell'estenuante e disagevole lavorazione del film. Kechiche non si è fatto tangere dal polverone, ed è anzi riuscito a concentrarsi abbastanza da unire una buona quantità di ragguardevolezza su schermo a quella extra-diegetica, già presente in abbondanza. Le prime recensioni sul suo Mektoub, My Love: Intermezzo, che per inciso era uno dei titoli più attesi del concorso ufficiale, sono inviperite, ma come raramente capita di leggere. E reazioni del genere a Cannes non si sentivano, forse, dai tempi del The Brown Bunny di Vincent Gallo, sultano degli sgradevoli. Foto dalla sala rimasta mezza vuota al termine della proiezione riservata alla stampa, corredate da commenti di questo tenore: “Di gran lunga il peggior film in concorso. Kechiche prende tutte le giuste rimostranze fatte su Adele e le quadruplica: spregevole spazzatura da maschio guardone”, “Mektoub è il Jersey Shore di Kechiche: scene insulse e infinite di ammiccamenti e balli nei locali. La macchina da presa è lascivamente e costantemente alla ricerca dei fondoschiena”, “Il regista de La vita di Adele ha fatto un film di quattro ore che parla di sederi. È lungo quanto Lawrence d'Arabia, e letteralmente il 60% della pellicola è fatto di primi piani di sederi. A un certo punto sento di aver avuto un lieve attacco psicotico”, o un più semplice “Che imbarazzo per il Festival”. Ci sono andati sul leggero, sembra. 

Zack Snyder, sparato da un cannone
Zack Snyder
pare essere tornato ai suoi vecchi fausti, a prima di impastoiarsi nelle paludi dell'universo cinematografico DC (alla cui inospitabilità ha lui stesso collaborato) quando era il sobrio intellettuale che regalava capolavori intimisti come L'alba dei morti viventi e 300. O, ancora meglio, come Sucker Punch, film del 2011 che non è stato particolarmente apprezzato dalla critica e da parte degli spettatori – mentre un nutrito gruppo di appassionati continua a difenderlo con ostinato amore. È la storia del viaggio allegorico verso la libertà di cinque ragazze internate in un raccapricciante istituto di igiene mentale, in attesa di subire una lobotomia. In fuga attraverso mondi immaginifici dove devono affrontare le minacce più assurde, riusciranno le protagoniste ad affermare il diritto delle donne a essere trattate con pari diritti e rispetto, a non farsi oggettivare nonostante i due stracci da scolaretta sexy che Snyder ha deciso di usare come costumi? Secondo il regista, il film è stato “Malamente frainteso. Io ho sempre detto che si tratta di un commento, una critica al sessismo e alla cultura degli sfigati. Se qualcuno mi chiedesse in faccia 'Perché hai filmato le ragazze in quel modo?' gli risponderei 'No, sei tu che le hai filmate in quel modo, che le guardi in quel modo'. Sostanzialmente Sucker Punch è un grosso vaffanculo dedicato a tanti di quelli che l'hanno guardato e lo guarderanno”. Zack Snyder, fine dicitore.

Consoliamoci con Ann Hui
Una delle voci cinematografiche più cristalline, peculiari e significative al mondo, già iscritta nei tomi di storia della settima arte per il suo fondamentale contributo alla New Wave hongkonghese degli anni '80, è quella di una 72enne di nome Ann Hui. La quale non solo ci ha regalato A Simple Life – era il 2011 quando venne accolto con il corretto entusiasmo alla Mostra di Venezia – ma nel corso della sua quarantennale carriera sul grande schermo ha lasciato una scia di capolavori mai arrivati in Italia come Boat People, Love in a Fallen City, Eighteen Spring, Song of Exile, Nu ren si shi, As Time Goes By o The Way We Are. La buona notizia è che Hui continua a lavorare come una persona a cui nessuno ha mai ben spiegato il concetto di pensione. La cineasta di origini sino-giapponesi, ma cresciuta a Hong Kong, è già al lavoro da qualche giorno sul set di Love After Love. La storia è quella di una giovane donna shanghainese che va a Hong Kong, prende in prestito del denaro e si fa avviluppare da una combriccola di persone davvero ricche, il cui stile di vita lussureggiante va al di là dei suoi poveri, seppur ingegnosi, mezzi. Altra buona notizia: la sceneggiatura è la rilettura di un racconto breve (Aloeswood Incense) di Eileen Chang, fra le scrittrici più amate dal cinema cinese, i cui romanzi avevano già ispirato non solo Hui per due dei suoi film più memorabili (Love in a Fallen City e Eighteen Spring), ma anche Ang Lee per il suo Lussuria – Seduzione e tradimento, premiato con il Leone d'Oro a Venezia nel 2007. I due protagonisti di Love After Love saranno Eddie Peng e Ma Sichun; mentre, appunto ancor più interessante, la fotografia del film sarà curata da Christopher Doyle (collaboratore di fiducia di Wong Kar-wai) e sarà corroborata dai costumi di Emi Wada, premio Oscar nel 1986 per Ran (ha collaborato con Kurosawa anche per Sogni) e celebre anche per aver impreziosito le messe in scena di Nagisa Oshima (Tabù – Gohatto) Peter Greenaway (L'ultima tempesta) e Zhang Yimou (Hero e La foresta dei pugnali volanti).

Ogni settimana come si deve andrebbe chiusa con bombe di questo calibro. Non quelle letterali che esplodono in film come Captain America: Civil War (su Rai2 alle 21.20) The Island (su Iris alle 21) o Rampage: Furia animale (su Premium Cinema alle 21.15). Bensì quella sentimentale del ritorno sullo stesso schermo di Linda Hamilton e Arnold Schwarzenegger, che nel primo trailer di Terminator – Destino oscuro gigioneggiano con zazzera spelacchiata, nel caso dell'ex Presidente della California, o salutano la gente in mezzo alla tangenziale a colpi di bazooka, è il caso della cara vecchia (si fa per dire, via il cannone per favore) Sarah Connor. 

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Schermo familiare #017

7 Luglio 2020

Il divano comincia a farsi incandescente, ma rimane comunque il posto più sicuro su cui consumare i nostri film. Questa settimana un breve viaggio nella storia d'Italia, a...

Delle serie e delle suore

3 Luglio 2020

Fuori(le)Serie #053

Settimana di serie nuove (Warrior Nun, Il club delle babysitter), vecchie (Glee e Mad Men sono...

Schermo familiare #016

30 Giugno 2020

Una settimana variegata di famiglie sui generis (Senza lasciare traccia) o divelte dalla crudeltà umana (12 anni schiavo, Old Boy) che finiscono...

Streaming teutonico

26 Giugno 2020

Fuori(le)Serie #052

Si festeggia la settimana dello streaming mitteleuropeo, con due serie tedesche in uscita (Dark e Das Boot) che per...

Schermo familiare #015

23 Giugno 2020

Dall'animazione indipendente e d'autore sudamericana, ai famigliari veloci e furiosi di Vin Diesel: sul divano della prima settimana d'estate passa tutto lo spettro del cinema...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy