Addio e grazie per tutte le news #140

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Hollywood Ending è il film da salvare oggi in TV.
Su Premium Cinema 2 alle ore 21:15.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
9277
servizi
3734
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511

News


10 Giugno 2019

Addio e grazie per tutte le news #140

La regina degli ectoplasmi demoniaci
Ci hanno messo un sacco a partire, su quello non ci piove. Ma se le leggi della fisica applicate all'industria cinematografica ci insegnano qualcosa, è che un oggetto filmico dalla massa inerziale enorme come il terzo sequel di Ghostbusters ha bisogno di una quantità spropositata di energia per cominciare a muoversi. Ebbene: dopo trent'anni di spinte, tanto ci è voluto ad avere in mano un progetto serio per cominciare a pensare di convincere i protagonisti storici, il progetto è partito; e ha accumulato talmente tanta energia, che ormai siamo dalle parti della slavina. In poche settimane si è deciso il regista/sceneggiatore – si fa tutto in famiglia: ci pensa Jason Reitman, il figlio dell'Ivan che aveva diretto i primi due capitoli – e piano piano sono saliti a bordo prima Bill Murray, poi Dan Aykroyd e oggi, giubilo fra i giubili, arriva la conferma che anche Sigourney Weaver ha accettato di tornare a calcare set pullulanti di ectoplasmi. Il film è previsto in uscita nel giugno del 2020, ma dall'approfondito profilo dedicatole da Parade, nel quale conferma di aver accettato di riprendere il ruolo di indemoniata Dana Barrett, l'attrice tre volte candidata all'Oscar (non ha vinto per Aliens, quanta mestizia) non si sbilancia oltre a un canonico: “Sarà pazzesco lavorare di nuovo con i ragazzi!”, senza rivelare nulla di più sul misterioso progetto. 

Da zero a cento in 40 anni
Ci aveva messo 38 anni, Terrence Malick, a dirigere i suoi primi cinque film. Uno più bello dell'altro, per carità, spolverati oltretutto di quell'aura mistica (e fondamentalmente poco interessata a quello che pensa la gente) che ha contribuito a renderlo cineasta di culto assoluto, prima ancora che autore fondamentale per lo studio sull'immagine e sul linguaggio cinematografico. Poi, dal 2012 in poi, sono arrivati quattro film, un documentario e tre cortometraggi. Così, di botto. E Malick sembra averci preso davvero gusto. Neanche il tempo di riconsegnare lo smoking in affitto usato per la presentazione del suo ultimo film, A Hidden Life, nel concorso ufficiale del Festival di Cannes da poco conclusosi, e l'autarchico regista canadese è già al lavoro sul suo prossimo progetto. Che non vuol dire che sta per cominciare a scriverlo, o che sta scegliendo il cast, o che sta viaggiando in boschi sperduti per trovare location. Nossignore. Le riprese di The Last Planet, questo in teoria il titolo del suo prossimo film, sarebbero già cominciate da qualche settimana, e oltretutto dietro l'angolo: i set di Malick sono stati segnalati prima vicino Roma, dove la moglie del regista si è perduta un paio di settimane fa, poi nei pressi di Anzio, in particolare nella zona della riserva naturale di Tor Caldara, comprese le spiagge limitrofe. Altre indiscrezioni parlano di un film che avrebbe una “tematica storica e religiosa forte, alla scoperta di alcuni passaggi della vita di Cristo con la rappresentazione di parabole evangeliche, alcune delle quali saranno girate, a metà giugno, proprio a Tor Caldara e dintorni". A dare il colpo definitivo al furore mistico che ha ringalluzzito, e nemmeno poco, la filmografia di Malick sarebbe stato Martin Scorsese. Il quale ha raccontato, dal palco del Tribeca Film Festival, di aver ricevuto una lettera dal collega che, subito dopo aver visto Silence gli aveva scritto chiedendogli: “Cosa vuole Cristo da noi?”. Non avendo ricevuto adeguata risposta, Malick ha fatto quello che tutti i buoni registi fanno: ha deciso di girarci un film.

Un ritorno alle origini
C'è chi la crisi di mezza età la affronta tingendosi i capelli di colori improponibili, chi si compra una moto di cui si pentirà quando dovrà rivenderla a un prezzo stracciato per finanziarsi la protesi all'anca. Steven Spielberg ha attraversato anagraficamente quel periodo lì tra la fine degli anni '80 e la prima metà dei '90, un momento storico in cui era obiettivamente troppo impegnato a contare soldi e premi, a dirigere e produrre film che avrebbero influenzato generazioni e generazioni di spettatori per occuparsi troppo della sua crisi di mezza età. Oggi, dopo aver scavallato i 70 con una freschezza che nemmeno la pubblicità dell'olio Cuore, Spielberg può permettersi di tornare ragazzino e sfogare un po' di energia in progetti satellite solo per il gusto di farlo. Quindi torna alle origini, quando oltre a dirigere e produrre gli capitava anche di mettere mano su qualche sceneggiatura. E tendenzialmente si è sempre trattato di storie legate al cinema di genere: fantascientifico, come Incontri ravvicinati del terzo tipo, orrifico, come Poltergeist – Demoniache presenze, o un buon misto di entrambi, com'era stato l'esperimento non troppo riuscito della serie antologica Storie incredibili. Oggi è spuntato l'annuncio che il regista innumerevoli volte premio Oscar ha accettato la richiesta dell'amico (ed ex socio in DreamWorks) Jeffrey Katzenberg di contribuire al lancio della sua nuova piattaforma streaming (Quibi) sceneggiando un buon numero di episodi di una serie antologica horror ancora senza titolo. L'inaugurazione di Quibi è prevista per il 6 aprile 2020, quindi c'è tempo per i dettagli. Ma nel frattempo Katzenberg ha lasciato intuire che, per volontà di Spielberg, la serie potrebbe essere disponibile agli iscritti solamente da mezzanotte in poi, per magnificare le storie scritte dal regista e descritte dal produttore come “super spaventose” e “inquietanti”.

Le segnalazioni dei film sulla Tv dell'oggi, Michael Clayton (su Iris alle 21), District 9 (su Rai4 alle 23.20) e Guardiani della galassia (su Rai4 alle 21.15) spiccano per il ragguardevole numero di esplosioni. L'odierno contributo video, invece, spicca per una sola esplosione, la bomba di medicina alternativa che deve aver danneggiato per sempre le sinapsi di Gwyneth Paltrow. La quale apparentemente non si ricordava più di aver partecipato alle riprese di Spider-Man: Homecoming. Ci ha pensato Jon Favreau a farle tornare in mente che tutte quelle lucine, quei grossi macchinari con le lenti, quegli strani teli verdi e quel ragazzino inglese vestito con una tuta in lattice rosso e blu non erano un'allucinazione da abuso di bacche di goji, bensì il set di un film Marvel. 

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Serie che vogliono crederci

10 Luglio 2020

Fuori(le)Serie #054

Nella stessa settimana che segna, su Prime, il ritorno di un grande classico come X-Files, c'è anche spazio per due novità di...

Schermo familiare #017

7 Luglio 2020

Il divano comincia a farsi incandescente, ma rimane comunque il posto più sicuro su cui consumare i nostri film. Questa settimana un breve viaggio nella storia d'Italia, a...

Delle serie e delle suore

3 Luglio 2020

Fuori(le)Serie #053

Settimana di serie nuove (Warrior Nun, Il club delle babysitter), vecchie (Glee e Mad Men sono...

Schermo familiare #016

30 Giugno 2020

Una settimana variegata di famiglie sui generis (Senza lasciare traccia) o divelte dalla crudeltà umana (12 anni schiavo, Old Boy) che finiscono...

Streaming teutonico

26 Giugno 2020

Fuori(le)Serie #052

Si festeggia la settimana dello streaming mitteleuropeo, con due serie tedesche in uscita (Dark e Das Boot) che per...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy