Opinionisti: rubriche e editoriali

970x250_FI.JPG

Opinionisti /// Pensieri cattivi, (col)laterali, editoriali. Dal 2008 ad oggi.

Editoriale

Rock’n’Roll Attitude

Questo articolo è stato scritto dopo la strage al Bataclan di Parigi, nel novembre 2015. Lo riproponiamo dedicandolo a Johnny Hallyday, scomparso il 6 dicembre scorso a 74 anni, e alla sua idea di rock...

Il titolo va letto alla francese, come nell’omonima canzone di Johnny Hallyday. «Vivre. Tous les moments qu’on a rêvés de vivre. Respirer chaque minute qu’on respire. Rock’n’roll attitude». Il significato si intuisce anche senza traduzione, rêver vuol dire sognare. In poche parole il più parigino dei rocker ha concentrato il senso di un genere musicale che è energia liberatoria e, appunto, attitudine alla vita. Questo nonostante uno dei principali quotidiani italiani, all’indomani delle carneficine di Parigi, abbia tradotto il nome degli Eagles of Death Metal, che suonavano al Bataclan subito prima che i terroristi cominciassero a uccidere persone, con «aquile della morte metallica», stigmatizzando la presunta cultura di morte dell’hard rock. Gli avvenimenti del 13 novembre costringono al rigore delle proporzioni, così lo scivolone giornalistico diventa più comico che drammatico, perché i drammi sono altri. Per la cronaca, “Eagles” si riferisce proprio agli Eagles: Glenn Frey, Don Henley e compagnia, non esattamente un plotone d’esecuzione. Un fanatismo sanguinario e follemente moralista ha colpito il rock’n’roll, perché è ormai appurato che il luogo, peraltro gestito da fine Ottocento da una famiglia di origine ebraica, e il concerto, sono stati scelti non per caso. Acquista quindi un certo peso che tra i primi a rendere omaggio in loco alle vittime siano stati gli U2, o che i Pearl Jam, sul palco in un’altra parte del mondo, abbiano voluto cantare brani degli Eagles of Death Metal (immaginiamo improvvisati al momento). Fragile, molto umana, forma di resistenza: come quella di continuare a ripeterci che la vita continua e possiamo andare al cinema o in piazza o in metropolitana senza paura, così da non dargliela vinta. Questo numero di Film Tv vorrebbe essere resistente e rock secondo l’attitude di Johnny Hallyday. Il quale tra l’altro è appena tornato con una nuova, bella canzone intitolata De l’amour. Altro che morte.

B

N° 26 / 2017

La bussola d'oro n° 26/2017

Bussola d'oro

Il problema con Alice in Wonderland di Tim Burton fu che la percezione della delusione fu persino maggiore dell’entità della stessa. Forse Burton non era il candidato ideale, come sembrava, per riportare sullo schermo il mondo di Lewis...

Marianna Cappi

E

N° 15 / 2012

Cannes che morde

Editoriale

Mentre il mese di marzo indica una frenata del trend negativo che attanaglia i botteghini dei cinema italiani da mesi (-5,02% di spettatori e -1,47% degli incassi rispetto al marzo 2011; la differenza tra i due dati dipende dal maggior numero di...

Aldo Fittante

E

N° 17 / 2010

Il pirata che c’è in voi

Editoriale

In un'intervista al settimanale “Panorama” il Ministro dell’Interno Roberto Maroni ha confessato di scaricare illegalmente musica da Internet. La provocazione di Maroni è studiata e ha suscitato un vespaio di polemiche, non ultime quelle di...

Mauro Gervasini

B

N° 23 / 2016

Black Mirror n° 23/2016

Black Mirror

Come Dine with Me è un programma di 11 anni fa: esordì in Gran Bretagna su Channel 4, e da allora ne hanno fatte 37 versioni, con durate, collocamenti e formati molto diversi fra loro (da un paio di mesi a una stagione intera, in PT,...

Andrea Bellavita

E

N° 06 / 2012

Signor Censore

Editoriale

Non è più come nel bel blues di Edoardo Bennato: il signor censore non ha l’appalto per separare il bene e il male e non passa il tempo a cancellare le frasi sconce e qualche nudo un po’ volgare. È più furbo e subdolo, come dimostrano quattro...

Mauro Gervasini

Archivio Opinionisti

Titolo Rubrica Autore FilmTv n°
Schizoidi Collateral Tommaso Labranca 24 / 2009
Capitolo 2. L’Europa con dieci euro al giorno (2004) Haiducii Tommaso Labranca 23 / 2009
Invidia Collateral Tommaso Labranca 23 / 2009
Osama il prossimo tuo Editoriale Raffaella Giancristofaro 23 / 2009
Capitolo 1. La sposa occidentale (2005) Haiducii Tommaso Labranca 22 / 2009
Io lo conoscevo bene Editoriale Mauro Gervasini 22 / 2009
Rughe Collateral Tommaso Labranca 22 / 2009
Divismo Collateral Tommaso Labranca 21 / 2009
Film che odiano le donne Editoriale Mario Sesti 21 / 2009
Domenica Collateral Tommaso Labranca 20 / 2009
Panni sporchi Editoriale Mauro Gervasini 20 / 2009
Concertone Collateral Tommaso Labranca 19 / 2009
Non sarà un’Avventura Editoriale Aldo Fittante 19 / 2009
Fondi Collateral Tommaso Labranca 18 / 2009
Big Crash Editoriale Mauro Gervasini 17 / 2009
Casini Collateral Tommaso Labranca 17 / 2009
Buone (e cattive) notizie Editoriale Aldo Fittante 16 / 2009
Scosse Collateral Tommaso Labranca 16 / 2009
Giornalista giornalista Editoriale Aldo Fittante 15 / 2009
Parenti Collateral Tommaso Labranca 15 / 2009
Libri Collateral Tommaso Labranca 14 / 2009
Questa dura terra Editoriale Mauro Gervasini 14 / 2009
Opifici Collateral Tommaso Labranca 13 / 2009
Perché tiferò il Trap Editoriale Aldo Fittante 13 / 2009
6-36-66 Collateral Tommaso Labranca 12 / 2009
Il sole non è per loro Editoriale Mauro Gervasini 12 / 2009
Evolution Editoriale Enrica Re 10 / 2009
La solitudine degli uomini connessi Editoriale Enrica Re 10 / 2009
Lifestyle Collateral Tommaso Labranca 10 / 2009
Volpi Collateral Tommaso Labranca 10 / 2009

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy