Opinionisti: rubriche e editoriali

970x250.JPG

Opinionisti /// Pensieri cattivi, (col)laterali, editoriali. Dal 2008 ad oggi.

Il Sassolino

Il Sassolino n° 50/2018

Ma siamo sicuri che Roma di Alfonso Cuaron meriti il successo che ha avuto? Il sassolino di Giona A. Nazzaro

Un fantasma s’aggira per le stanze della critica cinematografica: il “riccardone”. Dalle origini incerte, indica un feticista della musica ben eseguita, sovente anche audiofilo, in grado di acquistare un Baglioni o un Ramazzotti perché «suonato benissimo» e, ovviamente, «inciso perfettamente». Il “riccardone”, insomma, è un fondamentalista del formalismo. Colui che insegue la chimera della forma perfetta ma astratta da qualsiasi contesto storico e critico. Un “ascoltatore debole”, che si ritiene attrezzato al meglio per affrontare le imperfezioni della modernità. L’unanimismo suscitato da Roma evoca la tipologia di piacere del “riccardone”. Si tratta di un film «girato benissimo», in un bianco e nero «che te lo sta a ddì», in 65 mm, in formato 2.35:1, e dietro, sopra e sotto c’è pure Netflix che si conquista anche la sua promozione autoriale sul campo. Una storia di donne in un interno con deiezioni canine, a segnalare che c’è del marcio dietro la facciata borghese che non riesce più a essere rassicurante. Come dire: un manuale del cinema d’autore che si concede anche il piacere dell’inquadratura conclusiva “aperta”. Si può dubitare di una roba così? Pare di no, perché la confezione giunge comprensiva con la definizione di capolavoro inclusa. Serio al punto d’essere serioso, fa del suo assolutismo formalista una dichiarazione di poetica (come anche Iñárritu). Nessuna sorpresa, tutto da copione. Leone d’oro incluso. La “qualità” diventa discorso autoreferenziale e quindi immediatamente “norma”. Che è l’orizzonte del “riccardone”: meglio Mike Stern che Keith Levene. Eppure, giocando di paradosso, ai Toto di Cuarón si preferiscono, ancora, i PIL di Reygadas (anche se cita i Genesis e i King Crimson). 

M

N° 50 / 2015

Mulholland Drive n° 50/2015

Mulholland Drive

Rapallo. 2 luglio 1980. Ero al mare da un giorno. Avevo 13 anni e dal 1978 già leggevo le riviste americane di cinema di genere come “Starlog”, “Fangoria” o “Famous Monsters”. Gli spoiler erano ancora solo gli alettoni delle macchine da tamarri...

Filippo Mazzarella

E

N° 42 / 2011

La dismissione

Editoriale

Archivi di Stato in subbuglio. Senza ricambio generazionale rischiano l’estinzione. Parliamo di quegli uffici polverosi dove sono catalogati i documenti che fanno la Storia. Per dire: se salta su un tizio che chiede di spostare la festa del 25...

Mauro Gervasini

M

N° 25 / 2013

Mulholland Drive n° 25/2013

Mulholland Drive

Grazie al sito di un Solone dei poveri che talvolta mi riporta al piacere del futile spezzando la mia orgogliosa anedonia, scopro che chiunque s’azzardi a dire che il Cinema è in crisi va tacciato di disfattismo e additato come prefica. E tutto...

Filippo Mazzarella

B

N° 26 / 2015

Black Mirror n° 26/2015

Black Mirror

Da anni produttori e autori favoleggiano sull’idea di un adattamento italiano del mitico format The Real Housewives del canale americano Bravo: un docureality che, dal 2006, mescola l’immaginario delle Desperate Housewives con quello di...

Andrea Bellavita

E

N° 28 / 2013

Magie diverse

Editoriale

A partire da questo numero troverete su Film Tv il palinsesto con i programmi di Top Crime. E come già accaduto nelle scorse settimane per Sky Arte HD, DMAX e Laeffe, senza rinunciare ad alcun altro canale. L’arrivo di Top Crime fa parte di una...

Mauro Gervasini

Archivio Opinionisti

Titolo Rubrica Autore FilmTv n°
detour 05 - strati sottili di cinema detour enrico ghezzi 05 / 2011
Fantozzi Collateral Tommaso Labranca 05 / 2011
I cattivi pensieri n° 05/2011 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 05 / 2011
Qualunque mente Editoriale Aldo Fittante 05 / 2011
Cucina Collateral Tommaso Labranca 04 / 2011
detour 04 - dal film in poi detour enrico ghezzi 04 / 2011
I cattivi pensieri n° 04/2011 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 04 / 2011
il Giorno della Memoria Editoriale Mauro Gervasini 04 / 2011
Anna La mia cineteca Callisto Cosulich 03 / 2011
detour 03 - Mamma in the sky with diamonds detour enrico ghezzi 03 / 2011
I cattivi pensieri n° 03/2011 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 03 / 2011
Impiegati Collateral Tommaso Labranca 03 / 2011
Una donna libera Editoriale Steve Della Casa 03 / 2011
detour 02 - un bel dì vedremo detour enrico ghezzi 02 / 2011
Dimensioni Collateral Tommaso Labranca 02 / 2011
Hereafter o il libro americano dei morti Editoriale Giona A. Nazzaro 02 / 2011
I cattivi pensieri n° 02/2011 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 02 / 2011
detour 01 - anagrammi della luce detour enrico ghezzi 01 / 2011
I cattivi pensieri n° 01/2011 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 01 / 2011
Ringraziamenti Editoriale Aldo Fittante 01 / 2011
T'amerò sempre La mia cineteca Callisto Cosulich 01 / 2011
Vuoto Collateral Tommaso Labranca 01 / 2011
2011: Odissea nello Spazio Editoriale Aldo Fittante 52 / 2010
I cattivi pensieri n° 52/2010 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 52 / 2010
Scala Collateral Tommaso Labranca 52 / 2010
Digitale pedestre Editoriale Aldo Fittante 51 / 2010
I cattivi pensieri n° 51/2010 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 51 / 2010
Indietronica Collateral Tommaso Labranca 51 / 2010
Charles Collateral Tommaso Labranca 50 / 2010
I cattivi pensieri n° 50/2010 Cattivi pensieri Filippo Mazzarella 50 / 2010

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy