Opinionisti: rubriche e editoriali

970x250.JPG

Opinionisti /// Pensieri cattivi, (col)laterali, editoriali. Dal 2008 ad oggi.

Il Sassolino

Il Sassolino n° 50/2018

Ma siamo sicuri che Roma di Alfonso Cuaron meriti il successo che ha avuto? Il sassolino di Giona A. Nazzaro

Un fantasma s’aggira per le stanze della critica cinematografica: il “riccardone”. Dalle origini incerte, indica un feticista della musica ben eseguita, sovente anche audiofilo, in grado di acquistare un Baglioni o un Ramazzotti perché «suonato benissimo» e, ovviamente, «inciso perfettamente». Il “riccardone”, insomma, è un fondamentalista del formalismo. Colui che insegue la chimera della forma perfetta ma astratta da qualsiasi contesto storico e critico. Un “ascoltatore debole”, che si ritiene attrezzato al meglio per affrontare le imperfezioni della modernità. L’unanimismo suscitato da Roma evoca la tipologia di piacere del “riccardone”. Si tratta di un film «girato benissimo», in un bianco e nero «che te lo sta a ddì», in 65 mm, in formato 2.35:1, e dietro, sopra e sotto c’è pure Netflix che si conquista anche la sua promozione autoriale sul campo. Una storia di donne in un interno con deiezioni canine, a segnalare che c’è del marcio dietro la facciata borghese che non riesce più a essere rassicurante. Come dire: un manuale del cinema d’autore che si concede anche il piacere dell’inquadratura conclusiva “aperta”. Si può dubitare di una roba così? Pare di no, perché la confezione giunge comprensiva con la definizione di capolavoro inclusa. Serio al punto d’essere serioso, fa del suo assolutismo formalista una dichiarazione di poetica (come anche Iñárritu). Nessuna sorpresa, tutto da copione. Leone d’oro incluso. La “qualità” diventa discorso autoreferenziale e quindi immediatamente “norma”. Che è l’orizzonte del “riccardone”: meglio Mike Stern che Keith Levene. Eppure, giocando di paradosso, ai Toto di Cuarón si preferiscono, ancora, i PIL di Reygadas (anche se cita i Genesis e i King Crimson). 

d

N° 38 / 2012

detour 89 - invece del cinema

detour

Non resteremo a difendere il “cinema” (e allora perché, in età avanzata, comunque troppo oltrepassante i trentuno o i trentasette o i 2001 anni che avrei pensato assegnatami (avanguardia o retroguardia, masserizie o cavalleria) aldilà della...

enrico ghezzi

V

N° 11 / 2016

Visioni dal fondo n° 11/2016

Visioni dal fondo

Il cinema di oggi ci piace? Per una volta non ci interessa parlare di industria culturale, quanto piuttosto di valori cinematografici. E qui, francamente, è difficile allinearsi al perenne canto funebre sulla decadenza del contemporaneo rispetto...

Roy Menarini

B

N° 46 / 2018

Black Mirror n° 46/2018

Black Mirror

È nota ai più la passione, ai confini con il feticismo, di chi scrive per Ryan Murphy: tutta la sua produzione, ma in particolare American Horror Story, e ancora più precisamente la sesta stagione, Roanoke. Una fiction che...

Andrea Bellavita

R

N° 15 / 2018

Refuso gastrico n° 15/2018

Refuso gastrico

Colpito da un momento d’improvviso sorrentinismo, ho ripercorso la sua filmografia tra spezzoni, film interi e sequenze significative (esiste un regista contemporaneo più “da sequenza” di lui?). Solo così scopro quanto mi sia spesso sfuggita la...

Adriano Aiello

d

N° 19 / 2011

detour 19 - il bicchiere

detour

Una volta a un festival, troppi anni fa (si era entrati da poco nell’era angosciosa rutilante bulimica del dvd, Devo Vederlo Dopo), mi presentarono un ragazzo, dall’aria timida assorta un po’ goffa, non stupida. La sua domanda, seria, quasi...

enrico ghezzi

Archivio Opinionisti

Titolo Rubrica Autore FilmTv n°
Quel bravo ragazzo Editoriale Mauro Gervasini 15 / 2010
Calcio Collateral Tommaso Labranca 14 / 2010
La necessità di essere originali Editoriale Aldo Fittante 14 / 2010
Arbasino Collateral Tommaso Labranca 13 / 2010
Scandalosa Milano Editoriale Aldo Fittante 13 / 2010
Filippo Collateral Tommaso Labranca 12 / 2010
Simpatia per il diavolo Editoriale Mauro Gervasini 12 / 2010
Londra Collateral Tommaso Labranca 11 / 2010
Oscar preziosi Editoriale Aldo Fittante 11 / 2010
CensuRai Editoriale Aldo Fittante 10 / 2010
Panini Collateral Tommaso Labranca 10 / 2010
Bossa Collateral Tommaso Labranca 09 / 2010
Clint, l’invincibile Editoriale Aldo Fittante 09 / 2010
Filmcritica: i suoi primi 60 anni Editoriale Giona A. Nazzaro 08 / 2010
Louvre Collateral Tommaso Labranca 08 / 2010
Occhi spalancati chiusi Editoriale Mauro Gervasini 07 / 2010
Savoia Collateral Tommaso Labranca 07 / 2010
Amadeus Collateral Tommaso Labranca 06 / 2010
Stampare in testa Editoriale Aldo Fittante 06 / 2010
Ariani Collateral Tommaso Labranca 05 / 2010
Gioventù plagiata Editoriale Tommaso Labranca 05 / 2010
Confusi e felici Editoriale Mauro Gervasini 04 / 2010
Libera satira in libero stato Editoriale Raffaella Giancristofaro 03 / 2010
Tecnologia Collateral Tommaso Labranca 03 / 2010
Cazzo Collateral Tommaso Labranca 02 / 2010
Il mio Beniamino Editoriale Aldo Fittante 02 / 2010
Vic Chesnutt Il lungo addio Mauro Gervasini 02 / 2010
Bianco, nero e Verdone Editoriale Aldo Fittante 01 / 2010
DTT Collateral Tommaso Labranca 01 / 2010
Nati per uccidere Editoriale Andrea Fornasiero 46 / 2009

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy