Mary e il fiore della strega di Hiromasa Yonebayashi - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Gunga Din è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Il debutto di George Cukor in televisione. Ad opera di Claudio G. Fava.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

La citazione

«Quando la leggenda diventa realtà, si stampi la leggenda (John Ford)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482
Recensione pubblicata su FilmTv 24/2018

Mary e il fiore della strega


Regia di Hiromasa Yonebayashi

Per poter crescere e costruirsi un terreno florido su cui mutare la propria identità in fieri, le piccole donne di Hiromasa Yonebayashi devono sempre rinunciare a un’illusione. La microscopica rubacchiotta Arrietty abbandona il suo mondo segreto, il desiderio d’amore (e di altezza) per l’umano Sho; la solitaria Anna lascia andare Marnie, amica tenuta segreta e guscio protettivo, per provare ad accedere all’universo sociale dei coetanei; la «collezionista di fallimenti» Mary, preadolescente dotata di un’ingombrante zazzera arancione e troppi giorni di noia estiva da smaltire prima dell’inizio della scuola, s’intrufola nella seduttiva università magica Endor, dove è scambiata per strega superbamente potente, ma scopre che l’eccezionalità della propria persona può esistere anche senza convalide esterne, appropriazioni indebite o l’ennesimo travestimento. L’opera terza di Yonebayashi (pupillo di Miyazaki), che inaugura lo Studio Ponoc - precipitato di Ghibli - da lui co-fondato, ed è come i film precedenti tratta da un romanzo per ragazzi (in questo caso La piccola scopa dell’inglese Mary Stewart), è il suo lavoro più visivamente ambizioso (si veda a tal proposito la bellissima sequenza della fuga della mandria di animali rapiti: una gioia per gli occhi in quanto a ricchezza e fluidità d’animazione). È tuttavia anche quello narrativamente più semplice: linearità ariosa di trama, tematiche eco-friendly “ghibliane” a chiare lettere (l’hubris dei maghi-scienziati che vogliono riformare Madre Natura). Un percorso formativo grazioso, ma per l’autore pure un passo, se non incerto, un po’ impigrito.

I 400 colpi

FDM
6
Mary e il fiore della strega (2017)
Titolo originale: Meari to majo no hana
Regia: Hiromasa Yonebayashi
Genere: Animazione - Produzione: Giappone - Durata: 102'

Sceneggiatura: Hiromasa Yonebayashi, Riko Sakaguchi
Musiche: Takatsugu Muramatsu

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Fiaba Di Martino

Fiaba riceve in fasce un nome lezioso che le profetizza l'amore per le storie, nel cinema, sul cinema e del cinema: a dieci anni vota i film disegnando a matita i pollici di Film Tv accanto ai biglietti della multisala più bella di sempre, l'Arcadia; di lì a poco si innamora delle finestre di Hitchcock, degli occhi di Jean Gabin e dell'aplomb di Lauren Bacall, e lo urla al mondo prima dal giornalino scolastico del classico poi dai siti web (MyMovies, Players, PositifCinema, BestMovie.it), mentre frequenta corsi di scrittura alla Scuola Civica di Cinema milanese e scrive un libro su Xavier Dolan con la collega positivista Laura Delle Vedove. Lost in translation nello stereo totale, ritrova se stessa nella pioggia di Madison County, nelle lettere di Gramsci, nelle ferite di David Grossman, nelle urla liberatorie di Sion Sono, nelle risate di Shosanna Dreyfus, nei silenzi di Antonioni, nelle parole di Frances Ha («non sono ancora una vera persona») e nello spazio tra i titoli di testa e quelli di coda.


Fiaba Di Martino

Fiaba riceve in fasce un nome lezioso che le profetizza l'amore per le storie, nel cinema, sul cinema e del cinema: a dieci anni vota i film disegnando a matita i pollici di Film Tv accanto ai biglietti della multisala più bella di sempre, l'Arcadia; di lì a poco si innamora delle finestre di Hitchcock, degli occhi di Jean Gabin e dell'aplomb di Lauren Bacall, e lo urla al mondo prima dal giornalino scolastico del classico poi dai siti web (MyMovies, Players, PositifCinema, BestMovie.it), mentre frequenta corsi di scrittura alla Scuola Civica di Cinema milanese e scrive un libro su Xavier Dolan con la collega positivista Laura Delle Vedove. Lost in translation nello stereo totale, ritrova se stessa nella pioggia di Madison County, nelle lettere di Gramsci, nelle ferite di David Grossman, nelle urla liberatorie di Sion Sono, nelle risate di Shosanna Dreyfus, nei silenzi di Antonioni, nelle parole di Frances Ha («non sono ancora una vera persona») e nello spazio tra i titoli di testa e quelli di coda.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy