Most Beautiful Island di Ana Asensio - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che I gioielli di Madame de... è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:20.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Guardatevi da tutte le imprese che richiedono vestiti nuovi (H.D. Thoreau)»

scelta da
Carolina Crespi

cinerama
8155
cineteca
2939
servizi
2701
opinionisti
1720
locandine
993
serialminds
739
scanners
471
Recensione pubblicata su FilmTv 33/2018

Most Beautiful Island


Regia di Ana Asensio

L’isola più bella è Manhattan e, come una lunga lista di film ambientati nella Grande mela, anche l’esordio alla regia dell’attrice spagnola Ana Asensio (premiato al festival SXSW 2017) si apre sulla brulicante folla metropolitana. L’incipit ipnotico segue (casualmente?) alcune passanti, e poi sceglie Luciana (la stessa Asensio): immigrata, senza documenti e senza soldi, un micro-appartamento fatiscente, un lavoretto mattutino in costume da sexy pollo, un altro pomeridiano come babysitter di due inaffrontabili mocciosi. Sul confine del documentario, in un 16 mm contrastato e pastoso, il film si àncora a Luciana e alla sua quotidianità senza tregua, tenendo ai margini quel che dell’isola più bella non si vede quasi mai: un dietro le quinte fatto di vicoli lerci, retrobottega, botole, cucine fumose di locali loschi, finché arriva la svolta destinata a cambiare tutto. Cioè l’offerta di un lavoro che non si può rifiutare: 2.000 dollari solo per presenziare a un party, in abitino nero e tacchi alti. Nei titoli di testa c’è la Glass Eye Pix di Larry Fessenden (casa di produzione di indie horror, ma anche di alcuni lavori di Kelly Reichardt), e infatti, a questo punto, Most Beautiful Island s’impenna in una tensione claustrofobica e quasi insostenibile: in uno scantinato industriale, i dialoghi ridotti al minimo, un fuoricampo ignoto buco nero di terrore, dopo averci agganciato al punto di vista di Luciana ci obbliga a rivivere in forma thriller la sperequazione che alla luce del sole ci sembrava quasi naturale, o ci era semplicemente invisibile. Così che sia il canonico cartello “ispirato a fatti realmente accaduti” ad abitare i nostri incubi più di ogni altra cosa.

I 400 colpi

AC
7
RMO
8
media
7.5
Most Beautiful Island (2017)
Titolo originale: Most Beautiful Island
Regia: Ana Asensio
Genere: Drammatico/Thriller - Produzione: Usa - Durata: 80'
Cast: Ana Asensio, Natasha Romanova, David Little, Nicholas Tucci, Larry Fessenden, Caprice Benedetti, Anna Myrha, Ami Sheth, Miriam A. Hyman, Sara Visser
Sceneggiatura: Ana Asensio

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy