David Soren: «Volevo dare vita all'immaginazione dei ragazzi con stili diversi»

970x250_TIM.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Brothers è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 02:35.

Cinema e potere, un rapporto intricato e complesso. Ve ne parliamo su FilmTv n° 50 in uno speciale. Qui trovate la recensione della prima stagione di The Crown​, una delle serie citate nello speciale.

Questo articolo è stato scritto dopo la strage al Bataclan di Parigi, nel novembre 2015. Lo riproponiamo dedicandolo a Johnny Hallyday, scomparso il 6 dicembre scorso a 74 anni, e alla sua idea di rock...

Sarà proiettata al #TFF35 la serie d'autore Tokyo Vampire Hotel , ma Sion Sono è un habitué della rubrica Scanners. Vi proponiamo Himizu e vi consigliamo di scoprire tutti gli altri inediti.

Mentre Sky Atlantic HD trasmette la terza stagione di Gomorra - La serie, riproponiamo la riflessione che il giornalista-scrittore fece in esclusiva per Film TV sull’importanza di una fiction televisiva che a trent'anni dalla prima Piovra ha di nuovo il coraggio di raccontare la criminalità organizzata. Un “sistema” che anche il suo libro ZeroZeroZero, a sua volta destinato a ispirare un'altra serie tv diretta da Stefano Sollima, ha saputo descrivere nei suoi connotati transnazionali.

Visconti e il lato positivo della censura, ovvero quando Gianni Amelio vide per la prima volta Rocco e i suoi fratelli .

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
7553
cineteca
2407
servizi
2294
opinionisti
1510
locandine
952
serialminds
635
scanners
452
Articolo pubblicato esclusivamente su questo sito

David Soren: «Volevo dare vita all'immaginazione dei ragazzi con stili diversi»


Alla fine degli anni Novanta Dav Pilkey ha lanciato la serie di libri per ragazzi di Capitan Mutanda, considerata in alcune scuole americane una lettura pericolosa perché inviterebbe i bambini a ribellarsi all'autorità. Ci sono voluti vent'anni perché l'autore approvasse il progetto di una trasposizione sul grande schermo, ma la DreamWorks e il regista David Soren sono riusciti a convincerlo e hanno realizzato uno dei titoli mainstream più sorprendenti dell'anno.

Soren è stato intervistato da Deadline Hollywood e ha raccontato la genesi del progetto: «Sono un fan dei libri da molto tempo, mi ci sono imbattuto già vent'anni fa e ricordo come, quando li ho presi in mano la prima volta, mi sono detto che avrei voluto avere io quell'idea. Sapevo che lo Studio ne aveva opzionato i diritti e ne stava sviluppando un film, io avevo appena finito Turbo e quindi mi hanno chiesto di farlo. Non ci ho pensato due volte! Leggo quei libri anche ai miei figli!»

underpants1.jpg

La caratteristica più appariscente e originale del film è l'inclusione di diversi stili di animazione, che il regista racconta così: «Tutto è pensato per dare la sensazione dell'immaginazione dei ragazzi che prende vita in modi diversi. Per me uno degli aspetti più riusciti dei libri, che li fa amare di bambini, è come ogni pagina sia una sorpresa. L'azione può essere improvvisamente interrotta dai fumetti di George e Harold e da parti realizzate come "flip book"». Questi ultimi sono serie di disegni leggermente diversi, uno per pagina, che quindi girando velocemente le pagine sembrano animarsi e una sequenza in questa tecnica è infatti inserita anche nel film.

La prima tecnica diversa dalla solita animazione in CGI che hanno introdotto è stata quella dei sock puppet, ossia burattini realizzati con una calza in cui si infila una mano, una sorta di versione basilare dei Muppets insomma. «Stavo lavorando con l'artista degli storyboard e ho detto: "Fermiamoci a pensare per un secondo. C'è un modo in cui possiamo rendere questa scena maggiormente dal punto di vista di George e Harold? Sono nella loro casa sull'albero. Il tempo fuori è orribile quindi si saranno tolti scarpe e calzini. Uno di loro potrebbe mettersi la calza sulla mano e così possiamo entrare nella loro versione di questa scena, ma raccontata con i sock puppet". Lui mi ha guardato e mi ha chiesto: "Possiamo farlo?" e gli ho risposto "Proviamoci finché qualcuno non ci dice di no". È stata una delle cose più amate della prima proiezione di prova, anche dai dirigenti. Questo ha aperto la porta a sperimentare ancora di più e l'obiettivo è diventato fare in modo che questa varietà fosse davvero parte della storia e non solo qualche piccolo momento qua e là».

Il film si avvale di una canzone di Weird Al Yankovic [il video è qui sopra] ed è una collaborazione che il regista ha voluto fin dal principio: «Quando stavo rileggendo tutti i libri per prepararmi, mi sono accorto che nel primo volume uno degli scherzi dei ragazzi è inserirsi nell'interfono della scuola e sparare sei ore consecutive di musica di Weird Al Yankovic. Ho evidenziato quel passaggio e mi sono detto "Dobbiamo avere Weird Al” Poi ho continuato a ricordarlo a tutti nei successivi due anni di produzione e alla fine, quando siamo arrivati a sviluppare i titoli di coda, è arrivato il momento giusto. Abbiamo fatto la proposta a Weird Al e lui sapeva di essere citato nei libri e quindi era entusiasta di partecipare».

Il film ha un ricco cast vocale che comprende Kevin Hart, Thomas Middleditch, Jordan Peele, Ed Helms e Nick Kroll, e Soren ha raccontato quanto gli attori siano stati molto più coinvolti del solito nella realizzazione: «Normalmente gli si mostra il film quasi finito, quando non lo si può più cambiare, e si cerca di convincerli della qualità del prodotto perché partecipino alla promozione. Nel nostro caso invece, visto quanto erano stati cruciali nel dare corpo ai loro personaggi, li abbiamo invitati alle primissime proiezioni, realizzate ancora solo con lo storyboard. Da una parte era fantastico, perché volevo i loro consigli; dall'altra avevo paura che abbandonassero il film, perché ne stavano per vedere una versione ancora rudimentale. Ma l'abbiamo fatto comunque e loro si sono tirati su le maniche, dandoci diverse idea su come risolvere alcuni dei problemi più grossi che stavamo affrontando. Quindi alle sessioni successive di registrazione ci chiedevano cosa avessimo cambiato e come potessero aiutare. È stato meraviglioso. Sono diventati parte creativa del film anziché limitarsi a recitare il proprio ruolo».

cover_0.jpg


Articoli consigliati


Capitan Mutanda - Il film» Cinerama (n° 44/2017)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy