Scanners - Caccia all'inedito

Scanners /// Raccolta di invisibili dimenticati dalla distribuzione italiana.

Mid90s

Regia: Jonah Hill

Anno: 2018
Genere: Commedia drammatica
Produzione: Usa
Durata: 85 minuti

Cast: Sunny Suljic, Katherine Waterston, Lucas Hedges, Na-kel Smith, Olan Prenatt, Gio Galicia, Ryder McLaughlin, Alexa Demie, Fig Camila Abner, Liana Perlich

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio. Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro. E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio. E Gus Van Sant: in Don’t Worry Hill era tra i personaggi principali e il giovane Sunny era uno degli adolescenti sullo skate. E in Mid90s infine c’è, forse, una deviazione verso Paranoid Park, dove la passione per lo skateboard crea un mondo a parte, altre identità, una fuga dalla vita di tutti i giorni. Dalla propria famiglia naturale. Per crearsene un’altra. Sì, perché è proprio questo che fa Stevie: vive con la madre e un fratello fissato col body building che lo bullizza senza motivo e, quando entra in un gruppo di skater più grandi di lui, inizia il suo nuovo viaggio. Ed è un viaggio, questo esordio dietro la mdp di Hill. Forse nella propria memoria. A metà degli anni 90, a Los Angeles. Quando l’attore aveva la stessa età del protagonista. Potrebbe (ma anche no) essere un film autobiografico. Certamente è un diario di formazione, un salto all’indietro nella memoria. Forse la storia che Hill aveva in testa da sempre, da quando gli è venuta per la prima volta l’idea di fare un film da regista ispirato da Rogen e Goldberg sul set di Suxbad: 3 menti sopra il pelo. Sì, perché l’anima è vintage. Il formato 4:3, la pellicola in 16 mm. Gli oggetti: le Tartarughe ninja, la maglietta di Street Fighter II. Ed è un viaggio anche musicale. Con alcuni dei brani della prima metà degli anni 90 che non vengono affatto utilizzati come hit per segnare il decennio, ma sono quasi delle canzoni della vita per Jonah Hill. Che se ne appropria alla Tarantino. Come Liquid Swords di GZA e Where Did You Sleep Last Night dei Nirvana. Non c’è solo la luce della memoria in Mid90s, ma anche quella del desiderio. Basta la scena in cui gli skate girano tra le auto. O il timido sorriso di Stevie in mezzo agli altri ragazzi mentre si rende conto che sì, ce l’ha fatta, è parte del gruppo. Non è perfetto, ma è un gran bell’esordio. Che lascia il segno. Perché Hill l’ha girato con tutta la sua spudorata innocenza. Forse la stessa di quando aveva 13 anni nel 1996. In dvd da $ 9,97. 

Mid90s (2018)

Regia di Jonah Hill

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio. Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa...

FilmTv n° 25 / 2019

Archivio Scanners

Titolo Regia Autore FilmTv n°
Bone Tomahawk S. Craig Zahler Luca Pacilio 05 / 2016
Jauja Lisandro Alonso Giulio Sangiorgio 05 / 2016
Wild Horses Robert Duvall Luca Pacilio 05 / 2016
Trois souvenirs de ma jeunesse Arnaud Desplechin Giulio Sangiorgio 03 / 2016
Innocence Lucile Hadzihalilovic Luca Pacilio 01 / 2016
La distancia Sergio Caballero Giulio Sangiorgio 01 / 2016
O Barão Edgar Pêra Giulio Sangiorgio 01 / 2016
An Oversimplification of Her Beauty Terence Nance Luca Pacilio 51 / 2015
Art History Joe Swanberg Luca Pacilio 51 / 2015
Listen Up Philip Alex Ross Perry Ilaria Feole 51 / 2015
Le dernier coup de marteau Alix Delaporte Mauro Gervasini 49 / 2015
The Arbor Clio Barnard Ilaria Feole 49 / 2015
The Kindergarten Teacher Nadav Lapid Giulio Sangiorgio 49 / 2015
Hospitalité Kôji Fukada Nicola Cupperi 47 / 2015
R100 Hitoshi Matsumoto Nicola Cupperi 47 / 2015
Ryûzô and his Seven Henchmen Takeshi Kitano Nicola Cupperi 47 / 2015
Heaven Knows What Ben Safdie, Joshua Safdie Ilaria Feole 45 / 2015
Museum Hours Jem Cohen Ilaria Feole 45 / 2015
Ned Rifle Hal Hartley Giulio Sangiorgio 45 / 2015
Die Lügen der Sieger Christoph Hochhäusler Giona A. Nazzaro 43 / 2015
Junun Paul Thomas Anderson Roberto Manassero 43 / 2015
Quelques heures de printemps Stéphane Brizé Claudio Bartolini 43 / 2015
Antares Götz Spielmann Luca Pacilio 41 / 2015
Im Keller Ulrich Seidl Roberto Manassero 41 / 2015
The Duke of Burgundy Peter Strickland Ilaria Feole 41 / 2015
Carancho Pablo Trapero Ilaria Feole 40 / 2015
Elefante blanco Pablo Trapero Mauro Gervasini 40 / 2015
Leonera Pablo Trapero Ilaria Feole 40 / 2015
Maelström Denis Villeneuve Giulio Sangiorgio 38 / 2015
Polytechnique Denis Villeneuve Giulio Sangiorgio 38 / 2015

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy