Scanners - Caccia all'inedito

970x250_FI.JPG

Scanners /// Raccolta di invisibili dimenticati dalla distribuzione italiana.

Mediterranea

Regia: Jonas Carpignano

Anno: 2015
Genere: Drammatico
Produzione: Italia, Francia, USA, Germania, Qatar
Durata: 107 minuti

Cast: Koudous Seihon, Alassane Sy, Pio Amato, Joy Odundia, Vincenzina Siciliano, Adam Gnegne, Aisha, Sinka Bourehima, Paolo Sciarretta, Susannah Amato

Tra gli aspetti più curiosi di un film estremamente interessante come Mediterranea, ci sono i titoli di coda. Sono lunghissimi e costellati di nomi impensabili per un documentario sui generis come quello di Jonas Carpignano. Fra i produttori, infatti, figurano sia Spike Lee (con la sua The Spike Lee Fellowship Fund, e ci può stare) sia Chris Columbus. A quanto pare, stando alla spiegazione che il giovane regista ha fornito, convincere Columbus a mettere un po’ di soldi nel progetto non è stato affatto difficile. Anzi: il regista è stato ben contento di investire in un film così lontano da Hogwarts. La notazione sui titoli di coda serve, al di là del valore aneddotico, a evidenziare l’ampiezza di riferimento del film di Carpignano e, soprattutto, la capacità del regista di muoversi trasversalmente in mondi apparentemente lontani fra loro. Nel mettere in scena un viaggio dal Burkina Faso a Rosarno, teatro di una sacrosanta protesta dei braccianti africani sottoposti alla disumana legge dello sfruttamento della ‘ndrangheta, Carpignano non si limita a filmare. Piuttosto attraversa e si fa attraversare dai luoghi e dai corpi. Lo sguardo non è mai sociologizzante né banalmente documentario. L’autore sembra avere, anche indirettamente, assorbito il desiderio del racconto di matrice neorealista. Come un Vittorio De Sica degli inizi o un Giuseppe De Santis meno plastico, Carpignano racconta la passione del suo protagonista standogli attaccato ai fianchi. Non perdendolo mai di vista. Il regista non filma con le soluzioni in tasca. La sua politica la prova sul campo, nel perimetro del fare. Indicativo, in questo senso, il racconto della rissa, interpretata nel film dai veri protagonisti di uno sgradevole episodio di intolleranza che il regista non solo ha ricondotto alla ragione, ma li ha anche convinti a prendere parte al suo film. Il cinema, dunque, come verifica, incerta ovviamente, ma anche come linguaggio da inventare e condividere. Emblematiche di questo modo di procedere, tutte le scene nel deserto, cui fa da contrappunto, quasi insostenibile, il lancinante finale dove messinscena, vita, finzione, reale s’intrecciano e si sovrappongono senza soluzione alcuna di continuità. In questa sua volontà così decisa di mettersi in gioco, Carpignano offre l’ipotesi di un cinema italiano e meticcio colto nel suo farsi. Un esserci preso fra le pieghe del mondo.

Mediterranea (2015)

Regia di Jonas Carpignano

Tra gli aspetti più curiosi di un film estremamente interessante come Mediterranea, ci sono i titoli di coda. Sono lunghissimi e costellati di nomi impensabili per un documentario sui...

FilmTv n° 15 / 2016

Ai to makoto (2012)

Regia di Takashi Miike

I festival (con alcune eccezioni) considerano Takashi Miike un autore da competizione solo quando manifesta il suo versante storico-intimista. Come dire: samurai dal passo sospeso e sguardo...

FilmTv n° 34 / 2013

J'ai tué ma mère (2009)

Regia di Xavier Dolan

Solo un anno dopo l’esordio maiuscolo, Dolan si ripresenta con un film che toglie il fiato anche a quanti avevano avuto da eccepire sul suo esordio. L’influenza esercitata dai pizzicato di...

FilmTv n° 01 / 2014

A Spell to Ward Off the Darkness (2013)

Regia di Ben Rivers, Ben Russell

Una delle necessità più impellenti che s’impongono alla cinefilia degli anni zero è di creare una cinefilia del cinema del reale. Una tradizione testuale del cinema non narrativo per evitare che...

FilmTv n° 03 / 2015

The Strange Little Cat (2013)

Regia di Ramon Zürcher

I fratelli Zellner sono una specie di incrocio impossibile fra i Farrelly e i Coen (che con Fargo hanno offerto lo spunto a Kumiko, the Treasure Hunter). Con una differenza...

FilmTv n° 24 / 2015

Archivio Scanners

Titolo Regia Autore FilmTv n°
A Dirty Shame John Waters Giulio Sangiorgio 13 / 2015
Power/Rangers Joseph Kahn Luca Pacilio 11 / 2015
Vittima degli eventi Claudio Di Biagio Claudio Bartolini 11 / 2015
Models Ulrich Seidl Giulio Sangiorgio 10 / 2015
Saint Laurent Bertrand Bonello Roberto Manassero 10 / 2015
The Return Karl Lagerfeld Luca Pacilio 10 / 2015
The Runaways Floria Sigismondi Luca Pacilio 09 / 2015
Thou Wast Mild and Lovely Josephine Decker Ilaria Feole 09 / 2015
Viva Anna Biller Giulio Sangiorgio 09 / 2015
Life without Principle Johnnie To Alice Cucchetti 07 / 2015
The Midnight After Fruit Chan Giulio Sangiorgio 07 / 2015
Wu Xia Peter Ho-sun Chan Adriano Aiello 07 / 2015
McCanick Josh C. Waller Claudio Bartolini 05 / 2015
Mea Culpa Fred Cavayé Mauro Gervasini 05 / 2015
Stratos Yannis Economides Giulio Sangiorgio 05 / 2015
A Spell to Ward Off the Darkness Ben Rivers, Ben Russell Giulio Sangiorgio 03 / 2015
At Berkeley Frederick Wiseman Fabrizio Tassi 03 / 2015
The End of Time Peter Mettler Giona A. Nazzaro 03 / 2015
Goodbye, Dragon Inn Ming-liang Tsai Roberto Manassero 01 / 2015
Stray Dogs Ming-liang Tsai Giulio Sangiorgio 01 / 2015
Visage Tsai Ming-liang Roberto Manassero 01 / 2015
Metabolism or When the Night Falls on Bucharest Corneliu Porumboiu Giulio Sangiorgio 52 / 2014
Police, Adjective Corneliu Porumboiu Giulio Sangiorgio 52 / 2014
The Second Game Corneliu Porumboiu Claudio Bartolini 52 / 2014
Night Moves Kelly Reichardt Alice Cucchetti 49 / 2014
Old Joy Kelly Reichardt Giulio Sangiorgio 49 / 2014
Wendy and Lucy Kelly Reichardt Claudio Bartolini 49 / 2014
Eastern Boys Robin Campillo Mauro Gervasini 48 / 2014
Neds Peter Mullan Alice Cucchetti 48 / 2014
Terri Azazel Jacobs Adriano Aiello 48 / 2014

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy