Serial Minds - recensioni di serie TV

Serial Minds /// Le nostre recensioni delle serie, in TV e in streaming.

Wild Wild Country


Stagione: -

Vale sempre, ma per il true crime di più: ogni racconto, anche e soprattutto se di una “storia vera”, è una questione di manipolazione. Delle informazioni, dell’organizzazione del discorso, di come si dice quel che si dice, e di quel che si tace: l’ostaggio (volontario) è lo spettatore, la sua curiosità, la sua attenzione, la sua reazione (di pancia e di testa). In questo, Wild Wild Country è sfacciata fin dal trailer: «Pieno di colpi di scena incredibili!» urla, come la copertina di un foglio scandalistico; «Non potrete fare a meno di continuare a guardare!» promette, tipo un penny dreadful ottocentesco. Si apre sul solito tranquillo paesino di provincia, quello in cui tradizionalmente «non succede mai niente», e subito lo popola di fantasmi rossi e arancioni, apparizioni sinistre che inondano strade, campi e vallate come un esercito zombie: solo che non è un film di Romero, sono vere immagini di videocamere e tg anni 80, con l’inconfondibile sfarfallio catodico, la grana imprecisa e rovinata del nastro videoregistrato. La domanda «cosa sta succedendo?» è accesa, e non si spegne praticamente mai, fino agli ultimi titoli di testa della miniserie scritta e diretta dai fratelli Chapman e Maclain Way (The Battered Bastards of Baseball, anch’esso Netflix), e prodotta dai fratelli del mumblecore Jay e Mark Duplass. Approdi a Wild Wild Country per l’interesse pruriginoso su una “setta del sesso”, o perché vuoi saperne di più su Osho, quel santone strambo diventato un meme su Facebook; resti perché, di questa lotta senza quartiere né esclusione di colpi tra un’arrogante comune new age e un manipolo di redneck spaventati e ottusi, non si è letteralmente in grado di prevedere la prossima mossa. Ti fermi a ponderare, davanti al televisore spento, perché Wild Wild Country ti ha manipolato, sì, per inchiodarti al divano, ti ha rovesciato addosso un’escalation d’eventi inimmaginabile (c’entrano, tra le altre cose, milizie armate, avvelenamenti di massa, frodi elettorali, immigrazione illegale, tentati omicidi, bombe, castori e la Nike), ti ha presentato personaggi romanzeschi (su tutti impera Ma Anand Sheela, l’allora segretaria del guru, strafottente e bugiarda, luciferino architetto di tutta l’operazione, adepta devota, assetata di potere, capro espiatorio). Ma non ti ha dato, davvero, alcuna risposta: oltre 30 anni dopo i fatti, i reduci hanno lo stesso sguardo di allora, i sannyasin (cioè gli adepti di Osho, che all’epoca si faceva chiamare Bhagwan Shree Rajneesh) s’illuminano e si commuovono ricordando un’utopia che per un attimo è parsa a portata di mano, gli oregoniani ancora non capiscono chi fossero e cosa volessero questi stranieri capelloni vestiti in tutte le sfumature del rosso. «Difendere il nostro stile di vita, con ogni mezzo necessario» risponderebbero entrambe le fazioni. Conquistare una frontiera, far piazza pulita degli autoctoni, porre le fondamenta di un futuro sfolgorante per un Uomo nuovo, e presidiare fino alla fine il forte, l’appartenenza alla comunità: il Sogno americano? Al posto dei sannyasin oggi c’è un ritiro per giovani ultra-cristiani: «In fondo non sono così diversi, ma fanno meno rumore».

Anno: 2018
Genere: Documentario
Produzione: Usa
2006 - Commedia

Intelligente ma sfortunata, l’attesa nuova serie di Aaron Sorkin, creatore di West Wing e autore tra i più riconoscibili e affidabili della serialità americana, ha avuto un solo anno di...

Andrea Fornasiero
2012 - Commedia

Il risveglio dal sogno, per la provincialotta June (Dreama Walker), approdata carica di rosee aspettative nella Grande Mela, si chiama Chloe (Krysten Ritter), è una compagna d’appartamento...

Alice Cucchetti
2012 - Drammatico

E c’è da crederci sì che alla messa in onda di The Churchmen - Uomini di fede sul canale Arte, in Francia, un anno fa, più d’uno sia sobbalzato e qualche protesta si sia sollevata. La...

Adriana Marmiroli
2006 - Avventura

Ennesimo adattamento per il piccolo schermo delle gesta dell’arciere di Sherwood, Robin Hood della BBC nasce sulla scia del Dr. Who ed è pensato come un prodotto per famiglie....

Andrea Fornasiero
2011 - Gangster

Realizzati tra la 3ª e la 4ª annata della serie australiana Underbelly, questi Files sono tre Tv movie che trasportano il formato del serial su durata cinematografica. Tratti da...

Andrea Fornasiero

Archivio Serial Minds

Titolo Genere Piattaforma Stagione FilmTv n°
Tell Me You Love Me Drammatico - 1 (1-5) 51 / 2008
Weeds Commedia - 1 50 / 2008
Breaking Bad Drammatico - 1 49 / 2008
Underbelly Gangster - 1 48 / 2008
Romanzo criminale Drammatico - 1 (1) 47 / 2008
Studio 60 on the Sunset Strip Commedia - 1 46 / 2008
CSI - Scena del crimine Poliziesco - 8 (17) 45 / 2008
The Shield Poliziesco - 6 44 / 2008
Pushing Daisies Fantasy - 1 43 / 2008
Dexter Drammatico - 1 42 / 2008
Boston Legal Commedia - 3 (1-3) 41 / 2008
Skins Drammatico - 2 40 / 2008
Cold Case Poliziesco - 5 (1-2) 39 / 2008
Nip/Tuck Commedia - 5 (1-3) 38 / 2008
The Black Donnellys Drammatico - 1 37 / 2008
Terminator: The Sarah Connor Chronicles Fantascienza - 1 36 / 2008
Big Love Drammatico - 2 35 / 2008
Dirty Sexy Money Commedia - 1 34 / 2008
Psych Poliziesco - 2 (1-2) 33 / 2008
Supernatural Fantasy - 2 (1-12) 32 / 2008
Brothers & Sisters Sisters - 1 31 / 2008
Robin Hood Avventura - 1 30 / 2008
The Nine Drammatico - 1 29 / 2008
Boris Commedia - 2 (1-8) 28 / 2008
Quo vadis, baby? Poliziesco - 1 27 / 2008
Chuck Commedia - 1 26 / 2008
Six Feet Under Drammatico - 4 25 / 2008
Reaper Commedia - 1 24 / 2008
In Treatment Drammatico - 1 23 / 2008
Heroes Fantascienza - 2 22 / 2008

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy