Serial Minds - recensioni di serie TV

970x250.JPG

Serial Minds /// Le nostre recensioni delle serie, in TV e in streaming.

L'amica geniale


Stagione: 1

A fare la differenza, vi spiegheranno gli appassionati lettori di Elena Ferrante, non sono tanto la trama, l’ambiente, i temi, ma la voce che li modella e li rende vivi: una scrittura al contempo intima e universale, in bilico tra la semplicità necessaria all’intrattenimento e una profondità, un’intuizione affatto banali. Così, nell’adattare il più grande successo letterario italiano dell’ultimo decennio per lo schermo - quello piccolo, nonostante i primi due episodi siano stati presentati alla Mostra del cinema di Venezia 2018 e poi distribuiti in sala, con notevole riscontro di pubblico -, anche Saverio Costanzo e la sua squadra si concentrano sul modo: scegliendo uno strano equilibrio tra neorealismo e stilizzazione, soprattutto nell’affascinante/spiazzante impianto scenografico (il rione interamente ricostruito, volutamente essenziale, quasi come un allestimento teatrale); nei costumi dalle fogge e dalle tinte attentamente calibrate; nel casting fatto di volti espressivi ma di recitazione a volte distaccata a volte artificiosa; nella fotografia allacciata alla crescita delle protagoniste e all’allargarsi del loro mondo, che (non) corrisponde all’evoluzione dell’Italia del Dopoguerra e del Boom (le bicromie dell’infanzia grigia di povertà, i colori luminosi della parentesi a Ischia, l’affollarsi di oggetti di scena mano a mano che il benessere e il consumismo prendono piede). Il contesto produttivo e ricettivo di L’amica geniale è importante e inedito: da una parte l’americana HBO - da fine anni 90 casa e simbolo di tv prestigiosa, ma anche, in quanto canale pay, di nicchia -, di qua dall’oceano la Rai - la più generalista delle generaliste, che, in ognuna delle quattro serate di messa in onda, ha registrato circa sette milioni di spettatori e uno share attorno al 30% - e TIMVISION - ambiziosa piattaforma streaming nostrana, dove è possibile vedere gli episodi in versione integrale, dal momento che Rai1 ha sforbiciato alcune scene “preservando” un fantomatico “pudore” e infischiandosene del senso. A fare la differenza, nel tragitto dalle pagine alle immagini in movimento, è allora pure il cosa, soprattutto sui nostri lidi, e in ragione dell’ottica da serie-evento, di appuntamento collettivo. È cioè quello che non si è mai visto e sentito, in prima serata su Rai1: da dettagli solo apparentemente laterali come il sangue mestruale, alla gran parte dei dialoghi in dialetto stretto che impone il sottotitolo, per arrivare a cuore e scheletro del racconto, l’amicizia complessa e complicata tra due donne, Lenù e Lila - figure opposte e complementari anche nei rispettivi ruoli narrativi -, che si (ri)conoscono bambine e stringono un indissolubile legame, insieme competitivo e solidale, salvifico e doloroso, in sfida costante con un sistema culturale e sociale fatto per imprigionarle e annichilirle. Una relazione che sposa appieno la serialità adulta, cresce con le puntate e sulla distanza, si fida del suo pubblico fino a chiedergli attenzione, partecipazione, pazienza, e pronta, perché no, a deluderlo con i suoi difetti (tra cui va citata l’incomprensibile voce narrante di Alba Rohrwacher). Non perfetta, forse, ma “grande”: finalmente.

Anno: 2018
Genere: Drammatico
Produzione: Italia

Cast: Gaia Girace, Margherita Mazzucco, Elisa Del Genio, Ludovica Nasti, Anna Rita Vitolo, Alessio Gallo

2017 - Animazione - Netflix

Dopo che l’intero catalogo di umori sessuali è stato sdoganato a vista dai Farrelly e Apatowlandia in commedie sull’eterna pubertà di maschi e femmine contemporanee, una serie animata...

Giulio Sangiorgio
2017 - Fantascienza - Netflix

Gli anni 80 sono di moda, è assodato. Ma sotto gli Eighties fluorescenti fatti di spalline, lacca, Spielberg e videogame, la patina a stelle e strisce con cui quel decennio ci viene riproposto,...

Ilaria Feole

Zoo

2015 - Fantascienza

E se gli animali si fossero stufati del dominio umano e avessero deciso, contemporaneamente e all’unanimità, di dire basta? Il presupposto del guilty pleasure dell’anno (per chi scrive, ma non...

Ilaria Feole
2008 - Drammatico

Starz, la terza premium cable americana (le altre sono Hbo e Showtime) si era finora tenuta alla larga dalle serie. Fa fede al proprio pubblico cinefilo debuttando nei drama con Crash,...

Andrea Fornasiero
2011 - Drammatico

Bel titolo dal duplice significato Suits, che molto comprende dei contenuti del legal drama di Aaron Korsh: da una parte il termine sta a indicare gli azzimati e costosi completi (e per...

Adriana Marmiroli

Archivio Serial Minds

Titolo Genere Piattaforma Stagione FilmTv n°
Five Days Poliziesco - Miniserie 52 / 2008
Tell Me You Love Me Drammatico - 1 (1-5) 51 / 2008
Weeds Commedia - 1 50 / 2008
Breaking Bad Drammatico - 1 49 / 2008
Underbelly Gangster - 1 48 / 2008
Romanzo criminale Drammatico - 1 (1) 47 / 2008
Studio 60 on the Sunset Strip Commedia - 1 46 / 2008
CSI - Scena del crimine Poliziesco - 8 (17) 45 / 2008
The Shield Poliziesco - 6 44 / 2008
Pushing Daisies Fantasy - 1 43 / 2008
Dexter Drammatico - 1 42 / 2008
Boston Legal Commedia - 3 (1-3) 41 / 2008
Skins Drammatico - 2 40 / 2008
Cold Case Poliziesco - 5 (1-2) 39 / 2008
Nip/Tuck Commedia - 5 (1-3) 38 / 2008
The Black Donnellys Drammatico - 1 37 / 2008
Terminator: The Sarah Connor Chronicles Fantascienza - 1 36 / 2008
Big Love Drammatico - 2 35 / 2008
Dirty Sexy Money Commedia - 1 34 / 2008
Psych Poliziesco - 2 (1-2) 33 / 2008
Supernatural Fantasy - 2 (1-12) 32 / 2008
Brothers & Sisters Sisters - 1 31 / 2008
Robin Hood Avventura - 1 30 / 2008
The Nine Drammatico - 1 29 / 2008
Boris Commedia - 2 (1-8) 28 / 2008
Quo vadis, baby? Poliziesco - 1 27 / 2008
Chuck Commedia - 1 26 / 2008
Six Feet Under Drammatico - 4 25 / 2008
Reaper Commedia - 1 24 / 2008
In Treatment Drammatico - 1 23 / 2008

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy