Serial Minds - recensioni di serie TV

970x250_FI.JPG

Serial Minds /// Le nostre recensioni delle serie, in TV e in streaming.

Fargo


Stagione: 3

Conclusa la terza stagione della serie antologica di Noah Hawley, il personaggio che più vi resterà impresso probabilmente non sarà umano. Sarà un piccolo androide protagonista di un romanzo di fantascienza (e di un lungo segmento animato), creato per dare una mano: «Posso aiutare», ripete mentre l’apocalisse dell’umanità gli si consuma intorno. «Posso aiutare», dice lui, incrollabile, incontro a un destino beffardo. È il tipico, inascoltato portatore di buonsenso della poetica coeniana (innestato da Hawley nella sua creatura tv), che si scontra con l’idiozia e l’avidità del resto del mondo. Frances McDormand, nel Fargo cinematografico, ne era l’emblema (ricordate il suo discorso finale? «Ci sono cose più importanti di quattro biglietti di banca, lo sapete?»), e in questa annata a percorrerne le orme c’è la magnifica Carrie Coon, poliziotta “raddoppiata”, in corso di stagione, da una collega altrettanto testarda. Insieme dipanano la matassa grottesca che, di nuovo, decora di ricami ematici la neve del Minnesota. Stavolta siamo nel 2010, pochi anni dopo l’ambientazione della prima stagione (ma il legame narrativo è quasi assente, affidato a un solo personaggio minore: il sordomuto Wrench), e come sempre, tutto parte con un mediocre che cerca riscatto, a costi sanguinosi: questa volta si tratta di fratelli coltelli, Emmit e Ray Stussy (entrambi interpretati con maturità sorprendente da Ewan McGregor), avviluppati nella seconda faida fraterna più tragica del piccolo schermo odierno (dopo quella di Better Call Saul, cui Fargo lancia un omaggio fugace battezzando un personaggio “Ehrmantraut”), accesa da un’eredità contesa. Un francobollo, per la precisione, uno dei tanti rimandi ai Coen (disegnava francobolli il marito di McDormand in Fargo), di cui si evoca qui soprattutto Il grande Lebowski, col bowling e Ray Wise (che cortocircuito, nell’anno del ritorno di Twin Peaks!) al bar a elargire saggezza. La rivalità fra gli Stussy si infetta come una piaga, da cui emerge, come un golem ributtante, il più spaventoso villain della serie sinora: V.M. Varga, mostro capitalista marcio e bulimico, il Male infilato in un trench. Si insinua come un cancro nella società dello Stussy più abbiente, ordina esecuzioni, stritola vite, si erge come un tentacolare titano contro il quale si scagliano donne minute e agguerrite: oltre alle citate poliziotte, anche la femme fatale Nikki Swango (nessuna serie ha nomi belli come Fargo), giocatrice di bridge, truffatrice e angelo della morte. È proprio Varga, incarnato con esemplare ripugnanza da un grande David Thewlis, a dare alla stagione un peculiare tono horror: assai più cupa nell’estetica, meno pop nella messa in scena (ma la colonna sonora regala chicche: Prisencolinensinainciusol durante un torneo di bridge!), Fargo diventa una discesa agli inferi sempre più disumanizzata. Un racconto che pare provenire da dopo l’apocalisse, dove il buon senso, come quello del robottino che voleva solo «aiutare» (lo stallo dell’episodio finale richiama, nelle linee stilizzate, proprio il cartoon dell’androide visto nella terza puntata), resta abbandonato sul ciglio della strada.

Anno: 2016
Genere: Drammatico
Produzione: Usa

Cast: Ewan McGregor, Carrie Coon, Mary Elizabeth Winstead, Goran Bogdan, David Thewlis, Michael Stuhlbarg, Shea Whigham, Ray Wise, Linda Kash

2010 - Commedia

«Ci sono persone che muoiono di fame e basta. È l’unica cosa che fanno. Nascono, dicono “Oh! Ho fame” e poi muoiono. Nel frattempo io sono nella mia macchina che me la spasso. E dormo come un...

Giulio Sangiorgio
2012 - Drammatico

«Se i morti tornassero dall’aldilà, credo che faremmo bene a nasconderci, perché sarebbero parecchio incazzati», risponde il giovane Frédéric alle ansie ultraterrene della coetanea Lena. Forse...

Ilaria Feole
2017 - Animazione - Netflix

Dopo che l’intero catalogo di umori sessuali è stato sdoganato a vista dai Farrelly e Apatowlandia in commedie sull’eterna pubertà di maschi e femmine contemporanee, una serie animata...

Giulio Sangiorgio
2011 - Drammatico

La pluripremiata miniserie di Haynes non è il remake di Il romanzo di Mildred di Curtiz, liberissimo adattamento del libro di Cain, né il regista ritorna al mélo sirkiano di Lontano...

Andrea Fornasiero
2011 - Drammatico

Durata quindici anni ma composta di sole sette parti, Prime Supect, la serie regina del poliziesco inglese, scomoda, dettagliata e realistica quasi non risente del passare del tempo....

Andrea Fornasiero

Archivio Serial Minds

Titolo Genere Piattaforma Stagione FilmTv n°
Unbreakable Kimmy Schmidt Commedia Netflix 2 22 / 2016
C'era una volta Fantasy - 5 21 / 2016
C'era una volta Fantasy - 5 21 / 2016
22.11.63 Fantascienza - Miniserie 20 / 2016
American Crime Story: Il caso O.J. Simpson Poliziesco - 1 20 / 2016
Ash vs Evil Dead Horror Infinity 1 20 / 2016
Ray Donovan Gangster - 1 19 / 2016
Shadowhunters Fantasy Netflix 1 18 / 2016
The Girlfriend Experience Erotico Infinity 1 18 / 2016
The Night Manager Spionaggio - 1 18 / 2016
Vinyl Musicale - - 17 / 2016
Daredevil Supereroico Netflix 2 16 / 2016
House of Cards Drammatico - 4 16 / 2016
I delitti del lago Poliziesco Infinity 1 16 / 2016
The 100 Fantascienza - 1+2 15 / 2016
Fear the Walking Dead Horror - 1 14 / 2016
I'm a Stripper Documentario - Miniserie 14 / 2016
Love Commedia Netflix 1 14 / 2016
Mr. Robot Fantascienza - 1 13 / 2016
Cooked Documentario Netflix 1 12 / 2016
Fresh Off the Boat Commedia - 2 12 / 2016
Wet Hot American Summer: First Day of Camp Comico Netflix 1 12 / 2016
Il commissario Montalbano Poliziesco - 10 11 / 2016
Assassination Classroom Animazione PopcornTv 2 10 / 2016
Deadman Wonderland Gangster - 1 10 / 2016
Shannara Fantasy - 1 10 / 2016
Doctor Who (2005) Fantascienza - 9 09 / 2016
American Crime Drammatico TIMVision 1 08 / 2016
American Horror Story: Hotel Horror - 5 08 / 2016
Agent Carter Azione - 1 07 / 2016

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy