Servizi / Interviste

Servizi /// Presentazioni, interviste, Lost Highway, filmografie, approfondimenti.

Bastardi senza (più) gloria


La Berlinale conferma: il suo fondatore è stato un consigliere nazista

I tedeschi devono sempre fare le cose in grande per dimostrare di essere meglio. E come dare loro torto: l'hanno dimostrato con le macchine, con i reich, con le guerre mondiali, e ora ci si mettono anche con la cancel culture. Ché se gli amici alemanni gettano qualcuno dalla rupe dell'oblio, non lo fanno solo quando si è mostrato alla stagista con i mutandoni di lana alle caviglie; ma anche e soprattutto quando di un personaggio pubblico si scopre, seppur tardivamente, un'affiliazione nazista precedentemente rimasta nascosta. È il caso di Alfred Bauer, storico del cinema e primo direttore del Festival internazionale del cinema di Berlino, che i più attenti ricorderanno omaggiato nel nome di uno degli Orsi d'argento - riservato a “film ritenuti particolarmente innovativi e che aprono nuove prospettive sull'arte cinematografica” - assegnati dalla giuria della manifestazione. Premio che è stato spogliato del suo nome sin dall'ultima edizione, dal momento che già alla fine di febbraio il quotidiano tedesco Die Zeit aveva pubblicato le prime indiscrezioni, che svelavano la presunta collaborazione di Bauer con la macchina propagandistica creata da Joseph Goebbels per il regime nazista. Subito dopo lo scoop, la Berlinale aveva commissionato all'istituto di storia contemporanea di Leibniz una ricerca approfondita per stabilire la veridicità delle accuse. Oggi, a qualche mese di distanza, il Festival conferma: Alfred Bauer fu affiliato (fin al 1933) a varie organizzazioni nazionalsocialiste, mentre durante gli ultimi anni del regime fu consigliere del Reichsfilmintendant, posizione creata da Goebbels nel 1942 per accentrare i poteri da direttore artistico dell'industria cinematografica nazionale. “Bauer dev'essere stato consapevole dell'importanza del Reichsfilmintendant all'interno dell'apparato propagandistico del regime nazista. Il suo impiego in quell'ufficio ha contribuito al funzionamento, la stabilizzazione e la legittimazione del regime nazista” dicono i vertici della Berlinale, che non hanno ancora comunicato il nuovo nome dell'ormai ufficialmente ex Premio Alfred Bauer.

Speciale Lost Highway Bertolucci - Filmografia - 1970: Strategia del ragno

Alberto Pezzotta

Nei titoli di testa scorrono i quadri di Antonio Ligabue - tre anni prima era uscito il libro di Franco Maria Ricci col testo di Zavattini. E infatti nel film si dà la caccia a un leone, poi surrealmente servito a tavola come se fosse un...

FilmTv n° 03/2019

Una storia vera più che mai

Mariuccia Ciotta

Le fiabe si liberano del mito e passano dalla consistenza irreale ai corpi in carne e ossa. I cartoni animati pretendono lo status di creature vive, come Pinocchio, ed ecco che i classici disneyani si tramutano in opere live. La...

FilmTv n° 11/2017

Tramonto magico - Intervista a László Nemes

Roberto Manassero

Al secondo film dopo Il figlio di Saul, in Tramonto (in Concorso a Venezia 2018) l’ungherese László Nemes ha ripreso le medesime modalità stilistiche e narrative del suo esordio: camera a mano a distanza ravvicinata dal...

FilmTv n° 06/2019

Cannes 2019: in concorso - Zombie Pop

Pier Maria Bocchi

Quanto sugli zombie s’è detto, scritto, inventato? Quanti libri? Quante ipotesi? Quante fantasie? Un’infinità. Dalla comparsa di La notte dei morti viventi (1968), che Kim Newman definì il primo horror «apertamente sovversivo», il non-...

FilmTv n° 20/2019

[Festival di Locarno 70] Locarno Experience

Roberto Manassero

Per Locarno l’occasione è importante: dopo l’edizione in chiaroscuro dell’ultimo Cannes, e prima della prossima Mostra di Venezia, il festival svizzero potrebbe aiutare a fare il punto sullo stato di salute del cinema d’autore. In crisi, in una...

FilmTv n° 31/2017

Archivio Servizi

Titolo Autore FilmTv n°
Sono io in quel bar Mauro Gervasini 41 / 2009
Il lato selvaggio del cinema di Scorsese Giona A. Nazzaro 40 / 2009
Pixar: sempre più in alto Manlio Dolinar 40 / 2009
Sembra un angelo caduto dal cielo... Boris Sollazzo 40 / 2009
Sigourney Weaver al cubo Mariuccia Ciotta 40 / 2009
Attraverso lo specchio Chiara Bruno 39 / 2009
Faccia da Libanese - Intervista a Francesco Montanari Cristina Bianchino 39 / 2009
Grandi vecchi: Tullio Kezich - Fato aposta per diventare ricordo Cristina Borsatti 39 / 2009
La ragazza del peccato Adriana Marmiroli 39 / 2009
Shaft e i suoi fratelli Giona A. Nazzaro 39 / 2009
Assalto al Distretto 9 Lorenza Negri 38 / 2009
Fragile ma Rapace Chiara Bruno 38 / 2009
Kill Hitler Giona A. Nazzaro 38 / 2009
Tutto Patrick e famiglia Maria Bosco 38 / 2009
Bongiorno, notte Tommaso Labranca 37 / 2009
Il viaggio di Heimat Andrea Fornasiero 37 / 2009
(R)evolution 9 Arianna Cantoni 36 / 2009
Giochi d’orrore Mauro Gervasini 36 / 2009
Washington ostaggio a New York Cristina Borsatti 36 / 2009
Sly, un corpo un segno Giona A. Nazzaro 35 / 2009
L’insolito caso di Mr. Simenon Mauro Gervasini 34 / 2009
Moriremo tutti berlusconiani? Boris Sollazzo 34 / 2009
Quelli che restano Andrea Fornasiero 34 / 2009
La Storia siamo noi - Intervista a Dennis Gansel Mauro Gervasini 33 / 2009
L’eroe della strada Mauro Gervasini 33 / 2009
Una relazione pericolosa Boris Sollazzo 33 / 2009
Cuore, Cervello e Coglioni Mario Sesti 32 / 2009
I giorni della Woodstock Nation Mauro Zambellini 32 / 2009
Il cinema che migliora la vita Alberto Castellano 32 / 2009
La Hollywood nera Enrica Re 32 / 2009

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy