Home

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Il minestrone è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 00:55.

Il 3 aprile arriva su Netflix la quarta stagione della serie spagnola di successo. Dove eravamo rimasti?

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

In edicola: Martedì, 31 Marzo, 2020

Seconda parte dello speciale sui registi del futuro, Lost Highway su Jane Austen, analisi di Friends e del mondo delle sitcom, un ricordo di Lucia Bosè, Vengono prima i vivi: seconda puntata, guida e segnalazioni di contenuti in streaming, locandina di Re-Animator di Stuart Gordon e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Grazie per le magnifiche cose

In questi giorni così tragici, dal futuro incerto, l’unica certezza resta la strenna di lutti che giornalmente srotoliamo. Ci ha lasciato Alberto Arbasino. Era da tempo malato. E sembra paradossale, ma rileggere alcune pagine tratte dai suoi romanzi, dai suoi saggi, sprigiona un effetto quasi taumaturgico. Lentamente, un sorriso si stampa sul volto. Fatichiamo a trattenere una risata liberatoria. Ma come ricordarlo, ora? Da che parte cominciare? Dai romanzi? Saggista, giornalista, studi di Medicina e laurea in Giurisprudenza, mette a punto L’Anonimo lombardo nell’estate del 1954, in campagna. Lo scrive l’anno successivo. Arbasino all’epoca ha solo 25 anni, e ha già composto una serie di racconti. Alcuni di questi finiranno in Le piccole vacanze, pubblicato da Einaudi nel 1957, grazie a Italo Calvino. Altri finiscono proprio in L’Anonimo lombardo, che esce nel 1959 per Feltrinelli, nella sua prima versione monstre. La casa editrice diventerà di lì a poco l’avamposto del Gruppo 63. Un’esperienza interessante, ricorderà uno dei suoi componenti, Giorgio Manganelli: «Introduceva elementi di disordine e di confusione in un momento della letteratura italiana estremamente prevedibile e ordinato». L’Anonimo lombardo si dispiega come un romanzo epistolare, genere in voga nel crocevia tra Illuminismo e Romanticismo, a cui Arbasino attinge, aggiungendo un apparato di note a piè di pagina. Lo pubblica quando ha 29 anni. Quest’uomo elegante è impossibile da delimitare. Debordante, sfugge da tutte le parti. Che dire di Fratelli d’Italia, pubblicato da Feltrinelli nel 1963, e poi in altre tre diverse edizioni? Sarebbe qui necessario soffermarsi sul suo metodo di scrittura e riscrittura continua: ogni testo non è mai definitivo, ma assoggettato a ubbie, modifiche, come se ognuno di essi avesse una propria meccanica, un motore da controllare, rettificare, a volte truccare. I cinque personaggi che scorrazzano in questa specie di “grand tour” all’epoca del Boom economico contengono forse una parte del suo carattere? Pubblicherà ancora specie di romanzi, ma questa esplorazione antropologica molto Sixties, camuffata da finzione romanzesca, permetterà ad Arbasino di affrancarsi dal genere, per dedicarsi solo a saggi, reportage. Scrittore senza romanzo, non ha mai smesso di partorire resoconti giornalistici superlativi. Spassosi. Vertiginosi. Letteratura, arte, cinema, teatro, musica, televisione, opera, moda, tic verbali, fatti di costume e società, omosessualità, politica, finiscono centrifugati. Infaticabile, Arbasino si spostava continuamente, mobilitando e restituendo un mostruoso sapere. Ha composto rap, praticato l’arte del ritratto. Come Usbek, uno dei due “persiani” di Montesquieu (ma più pop), ci ha mandato ogni volta lettere da un paese lontano, sia questo Bayreuth, l’America, la Grecia o il Mekong. «In materia di grave importanza, lo stile, non la sincerità, è la cosa essenziale», sosteneva Oscar Wilde. Credo che non esista modo migliore di ricordarlo.

Articolo - Editoriale
4 Dicembre 2019

§

News
3 Dicembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #203

Del premio ideato con poco clamore nel 1991 – per dare consolazione alle produzioni cinematografiche operative sulla...

Articolo - Un post al sole
3 Dicembre 2019

Un post al sole n° 48/2019

News
2 Dicembre 2019

Alcuni dei nostri tris-tris-tris nonni, quella banda di adorabili debosciati collettivamente noti come i romani, lo chiamavano Mare Nostrum. Arabi e turchi lo chiamano Mare...

News
29 Novembre 2019

Fuori(le)Serie #022

A sorpresa, la britannica The Feed (che doveva debuttare la scorsa settimana su Prime Video) riappare in grande spolvero su...

News
29 Novembre 2019

Ci siamo già dentro fino al collo, in un mercato culturale che si confonde con l'industria dell'intrattenimento, in cui la promessa di far imparare qualcosa al proprio pubblico è troppe volte un...

News
27 Novembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #202

Ecco un breve ripasso per ricordare ai lettori com'è andato il primo tentativo fatto da Universal Pictures...

Articolo - Editoriale
26 Novembre 2019

§

News
22 Novembre 2019

Fuori(le)Serie #021

Il panorama dello streaming è stato rimodellato in via definitiva dal lancio nucleare delle nuove offerte Apple e Disney e dopo un...

News
21 Novembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #201

In questi giorni La favorita sta concludendo la sua infinita passerella di successi....

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy