Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Two Lovers è il film da salvare oggi in TV.
Su Paramount Channel alle ore 23:00.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

In edicola: Martedì, 16 Ottobre, 2018

Speciale per i 70 anni di Tex, nono appuntamento con la rubrica Mancia competente, Intervista a Stefano Sollima, Lost Highway su Rita Hayworth, I migliori film italiani: Amarcord, Scanners di Eight Grade, Serial Minds di Who Is America?, locandina di 2002: la seconda odissea di Douglas Trumbull e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Non ci sono più i blockbuster di una volta

Magari ha ragione Filippo Mazzarella (che è bello per una volta citare fin dalla prima pagina, lui che è così abituato ad avere l’ultima pagina e l’ultima parola su Film Tv), quando dice che «The Predator vuole essere un film degli anni 80 e fallisce, Venom vuole essere un film anni 90 e ce la fa». Poi ognuno è libero di pensarla come vuole. Questione di gusti, di inclinazioni, di passioni. Padronissimi, dunque, di salvarne uno o l’altro, o entrambi, o anche magari di rifiutarli in toto. Però, proprio Venom e The Predator, che in Italia escono quasi contemporaneamente, ennesimi blockbuster ormai nel segno di un’eccezionalità definitivamente perduta, rivelano bene in filigrana cosa sono diventati oggi questi benedetti filmoni. Presto detto: macchine elefantiache con a vista le cicatrici mal ricucite di una sequenza infinita di interventi pre, durante e post, frutto - s’immagina - di continue riunioni di executive e consulenti della produzione che tirano il film ora da una parte ora dall’altra, prevedendo o ricercando presunte reazioni del pubblico. Alla fine la coperta non è mai abbastanza lunga. Anzi, in The Predator, è noto, il regista-sceneggiatore Shane Black ha dovuto rigirare l’ultimo terzo su invito della produzione, per correggere il tiro in una direzione meno ironica nei confronti del franchise, con evidenti squilibri di toni e di intreccio in piena vista. A Venom, forse, è andata anche peggio, pur senza interventi ex post ufficiali: non sequitur, personaggi che scompaiono, buchi nella trama. Certo, conta che siano film inscritti in canoni ufficiali, o meglio in franchise definiti da regole d’ingaggio più o meno rigide. Ma, alla fine, quel che racconta Venom (con molte libertà rispetto al personaggio Marvel di partenza) si poteva farlo anche senza scomodare i cinecomix e una property dell’editore americano, e sicuramente un tempo sarebbe stato un film come L’alieno di un Jack Sholder qualunque (per quanto...). Ovvio che in questi ecosistemi complessi e nevrotici, gli spazi di manovra per lo Shane Black di turno (non dico Ruben Fleischer) sono complicati, e sempre pronti a essere rimessi in discussione dalla committenza, soprattutto quando si profilano all’orizzonte possibili divieti ai minori. Finisce, allora, paradossalmente, che il blockbuster, da sempre genere dell’ecumenismo spettatoriale, si trasforma in una somma di tanti particolari “ma”, “però” e “se”, decisi a monte nella foga di auscultare in anticipo i gusti del pubblico. E, viceversa, film che potrebbero (e dovrebbero) non essere blockbuster, devono diventarlo per forza.

L'opera-vita di un cineasta unico

Tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma, dal 18 al 28 ottobre, come sempre all’Auditorium Parco della Musica della Capitale. Evento centrale, la consegna del premio alla carriera a Martin Scorsese. Il cineasta di New York, da poco diventato anche cittadino italiano (entrambi i suoi nonni paterni venivano da Polizzi Generosa in provincia di Palermo), introdurrà una rassegna di nove titoli, i suoi preferiti del nostro cinema (si sa per certo che uno è Il posto di Ermanno Olmi). Noi lo omaggiamo con un ampio speciale che tiene conto di una carriera lunghissima, e ovviamente straordinaria.

News
4 Giugno 2017

Fin da prima del suo esordio al cinema, Neill Blomkamp è stato legato al mondo dei videogame, tanto da aver realizzato un test per un possibile film dal franchise di ...

News
4 Giugno 2017
  • Elisabeth Moss in Fever, dal romanzo di Mary Beth Keane per BBC America. L'incontenibile attrice di The Handmaid's Tale Top of the Lake 
...
News
3 Giugno 2017

Jane Campion è stata al Festival di Cannes con la serie Tv Top of the Lake: China Girl, proiettata per il pubblico con una concessione speciale: un...

News
3 Giugno 2017

Come previsto, in seguito alla decisione di WGN America di non investire più in costose serie televisive (di cui abbiamo parlato qui), Underground ...

News
2 Giugno 2017

Cattleya ha acquisito di diritti di Sole di mezzanotte di Jo Nesbø, il secondo romanzo della serie dedicata al sicario Olav Johansen, che diventerà un film di lingua...

News
2 Giugno 2017

Dall’articolo di settimana scorsa nel quale cercavo di esprimere i miei dubbi su Fortunata di Sergio Castellitto, il film ha nel frattempo vinto un premio al...

News
1 Giugno 2017

In un'intervista durante il programma sul mondo della tecnologia Sqwak Alley su CNBC, un canale dedicato alla finanza, Reed Hastings, cofondatore di Netflix, ha parlato...

News
1 Giugno 2017
  • Michelle Williams in Annette di Leos Carax, musical per cui si parlava di Rooney Mara e Rihanna che invece hanno lasciato il progetto. Nel cast
  • ...
News
1 Giugno 2017

«Trasgressione, irrisione generalizzata, sberleffo verso lo star system, gusto per il kitsch più sfrenato sono sempre le sue parole d’ordine». Il critico d'arte Luca Beatrice racconta...

News
1 Giugno 2017

Lexus e The Weinstein Company hanno annunciato al festival del cortometraggio di Tokyo la quarta Lexus Short Film Series e hanno aperto le...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy