Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che A cuore freddo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 03:30.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

In edicola: Martedì, 22 Gennaio, 2019

Speciale sulle donne al Cinema e in Tv, servizio su La favorita di Yorgos Lanthimos, intervista a Valentina Nappi, analisi sul cinema femminista, I migliori film italiani: Una giornata particolare, Serial Minds di SKAM Italia, locandina di La scelta di Barbara di Christian Petzold e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Le certezze del dubbio

«Sola, bilanciandomi su passi brevi ed energici sprizzanti coraggio altezzoso, adattavo i miei piccoli piedi alla camminata piena d’autosufficienza virile di Jean Gabin». La bimba che, uscita dal cinema Mirone di Catania, si identificava nelle rudi fattezze del leggendario francese era Goliarda Sapienza, voce unica della cultura italiana del Novecento, scrittrice, poetessa, attrice, sceneggiatrice e carcerata. La sua incredibile, imprendibile vita, di cui Io, Jean Gabin (ripubblicato alla fine del 2018 da Einaudi) non è che il tassello infantile, e di cui il suo portentoso nome (non d’arte) pare una sintesi, ci piace eleggere a nume tutelare di questo numero dedicato interamente alle donne. Figlia di sindacalisti socialisti, prima attrice (sui set di Blasetti e di Pabst), poi partecipe del fermento culturale del neorealismo, Sapienza è stata compagna, sodale artistica e per tutta la vita amica di Citto Maselli (compare anche in Gli sbandati e Lettera aperta a un giornale della sera), giungendo alla scrittura relativamente tardi e non godendo mai, in vita, della notorietà che le è stata tributata da una quindicina d’anni a questa parte. La depressione di cui soffriva (“curata” anche a suon di elettroshock) rese ancor più tortuosa la lavorazione del suo unico romanzo di finzione, L’arte della gioia, scritto in dieci anni e pubblicato solo postumo: un ritratto di donna (Modesta solo di nome) di modernità abbacinante, fiera, geniale e perfino brutale, che non rivendica ma letteralmente scopre la propria autonomia rispetto al sesso maschile. La libertà irriducibile di Modesta era anche quella di Goliarda, libertà di non essere alcun tipo di donna, di non dirsi femminista, di non definire il suo orientamento sessuale. Eclettica e contraddittoria, finì pure brevemente in carcere per furto di gioielli: dall’esperienza sono nati L’università di Rebibbia e Le certezze del dubbio, dove racconta la prigione come inatteso luogo di solidarietà e perfino di realizzazione femminile (per capire come la libertà inaudita di Sapienza fosse anche, letteralmente, non udita, cercate su YouTube l’intervista fattale da uno scettico Enzo Biagi). Amava le donne, Sapienza. Jean Gabin le aveva insegnato a sognare una donna «fragile, schiva, muta e misteriosa, forse un po’ ambigua, certo, ma pura, fondamentalmente pura e celestiale»; la sua vita e i suoi scritti hanno fatto piazza pulita di quegli aggettivi, insegnando a noi come l’arte della gioia sia quella dell’autenticità.

Novecento anno zero

Restaurato dalla Cineteca di Bologna, Novecento Atto I torna in sala dal 16 aprile. Uno dei film centrali del cinema italiano, epopea che fa i conti con la nostra storia lungo un secolo di furibondi conflitti. Anche, per noi, il pretesto per tornare a riflettere su un un grandissimo cineasta, Bernardo Bertolucci, riproponendo diversi materiali pubblicati nel corso del tempo da Film Tv, a partire da un ampio servizio curato da Marcello Garofalo e da un'intervista esclusiva di Monica Stambrini, autrice del documentario Sedia elettrica dedicato al making of di Io e te. Buona lettura!

News
1 Marzo 2017

#CinelabFilmTv

The Hollywood Reporter riporta la notizia (confermata) dell'approdo su Netflix di Louis C.K. Il popolare comico americano sbarcherà sulla piattaforma streaming con due stand...

News
1 Marzo 2017

#CinelabFilmTv
Nel 1990 Martin Scorsese diresse Made in Milan, un documentario dedicato allo stilista Giorgio Armani, incentrato sulla sua vita, la sua città e il processo creativo...

News
1 Marzo 2017

#CinelabFilmTv
Bright, il nuovo film di David Ayer, con Will Smith, Joel Edgerton e Noomi Rapace, è atteso a dicembre su Netflix.
L'opera sembra spiccare per il suo...

Articolo - Servizio
28 Febbraio 2017

Il cineasta olandese torna sul grande schermo con un thriller psicologico, Elle, interpretato da Isabelle Huppert. Ripercorriamo la sua carriera dagli esordi al "periodo americano",...

Articolo - Cineteca
28 Febbraio 2017

Quando scorrono i titoli di coda di un film tratto dalla letteratura di Philip K. Dick, si ha sempre l’impressione di aver compreso tutto. Pochi minuti dopo, ci si accorge di non aver capito...

Articolo - Cineteca
28 Febbraio 2017

Il detective Nick Curran indaga su un omicidio compiuto con un punteruolo da ghiaccio. Principale sospettata è Catherine Tramell, una scrittrice di successo disibinita, promiscua, bisessuale. Tra...

News
27 Febbraio 2017

Californiano, figlio di un ballerino di Broadway, Mahershala Ali ha bazzicato più tv (Luke Cage, House of Cards) che cinema. Ora, con Moonlight (ma è anche nel cast di...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv

Domani John Turturro​ compie 60 anni. Sky Cinema Cult​ festeggia il compleanno dell'attore americano programmando quattro film.

Si parte alle 17.20 con Mia Madre...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv

Sono 28 i progetti (17 documentari e 11 lungometraggi) selezionati dal bando pubblicato a giugno 2016 dalla Sicilia Film Commission​ nell'ambito del programma Sensi...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv #IlLungoAddio

Accantoniamo per un momento gli Oscar per rendere omaggio a Bill Paxton​, deceduto a soli 61 anni.

Attore e regista versatile, quasi sempre lontano dai...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy