Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Le conseguenze dell'amore è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 13:00.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

In edicola: Martedì, 20 Agosto, 2019

Il tempo nuovo di Domitilla Pirro: quarta puntata, intervista al regista di Il signor Diavolo, Pupi Avati, gli anni '80: un'analisi, La signora in giallo: Jessica Fletcher e Miss Marple, Serial Minds di The Handmaid's Tale e GLOW, locandina di La casa dalle finestre che ridono di Pupi Avati e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Ma che davvero?

Mentre scrivo, un nuovo video deepfake si guadagna i suoi 15 minuti di viralità. È firmato ctrl shift face, lo stesso utente YouTube che da qualche tempo realizza clip in cui scambia la faccia di Jack Nicholson in Shining con quella di Jim Carrey. Il nuovo video è un’intervista da David Letterman di una decina d’anni fa, l’ospite è l’attore comico Bill Hader, che ha appena finito di girare Tropic Thunder e fa le imitazioni dei colleghi Tom Cruise e Seth Rogen: in quei momenti, il suo volto diventa quello di Tom Cruise o di Seth Rogen per poi ri-scivolare nella propria solita conformazione facciale. L’effetto è uno «WOW» metà meraviglia e metà raccapriccio. Il deepfake è una tecnica digitale che, attraverso un’intelligenza artificiale, sovrappone il volto (o parte del) di qualcuno su quello di qualcun altro. Come quasi tutte le cose dell’internet, è nato nei porno, si è moltiplicato nelle fake news e ora prospera nei meme con Nicolas Cage. Agli esperimenti come quelli di ctrl shift face però non interessa ingannarci, ma l’esatto contrario: renderci acutamente consapevoli dell’avanzamento della tecnica per lasciarci a bocca aperta con quel famoso «WOW». Un po’ come il nuovo Re leone di Jon Favreau: inserito a pieno titolo nell’ondata di remake live action Disney (ne parlavamo a proposito di Dumbo, sul Film Tv n. 12/2019), di live action ha in realtà una sola inquadratura, quella iniziale del sole che sorge sulla savana, messa lì apposta dal regista per sottolineare quanto la sua computer grafica sia pressoché indistinguibile dalla realtà. L’effetto «WOW» di questo Re leone è infatti tutto nell’estremo fotorealismo dell’animazione, venduto dal reparto marketing come un “aggiornamento” (brrr) del film originale, e da Favreau come una scelta artistica precisa e consapevole, perfino estrema. Se avesse voluto (o potuto?) seguirla fino in fondo, però, il risultato sarebbe stato forse un film senza dialoghi e senza canzoni, un vero (e magari affascinante) ibrido tra un Amleto fiabesco e un documentario ad alta definizione stile Il nostro pianeta. Invece Il re leone 2019 non può che essere un’altra nostalgica decalcomania Disney, e le voci dei doppiatori (Donald Glover e Beyoncé nell’originale, Marco Mengoni ed Elisa nella nostra: a ciascuno il suo) sono un altro enhancement, cioè un potenziamento da smerciare agli spettatori. Il risultato è allora una specie di mostro di Frankenstein (il doppio opposto, ma in fondo simile, dell’imponderabile trailer di Cats, con la sua digital fur technology); perché la scelta di realismo esclude ogni emotività dai volti degli animali, e ogni spettacolarità dai momenti musical. Per fortuna, alcuni fan online hanno trovato il modo di “aggiustarlo”, sovrapponendo gli efficaci ed espressivi tratti disegnati del Re leone 1994 a quelli digitali del nuovo film. Come? Con un deepfake, naturalmente.

Film Tv Rewind

rewind-ridotte-0_0.JPG

News
27 Febbraio 2017

Californiano, figlio di un ballerino di Broadway, Mahershala Ali ha bazzicato più tv (Luke Cage, House of Cards) che cinema. Ora, con Moonlight (ma è anche nel cast di...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv

Domani John Turturro​ compie 60 anni. Sky Cinema Cult​ festeggia il compleanno dell'attore americano programmando quattro film.

Si parte alle 17.20 con Mia Madre...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv

Sono 28 i progetti (17 documentari e 11 lungometraggi) selezionati dal bando pubblicato a giugno 2016 dalla Sicilia Film Commission​ nell'ambito del programma Sensi...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv #IlLungoAddio

Accantoniamo per un momento gli Oscar per rendere omaggio a Bill Paxton​, deceduto a soli 61 anni.

Attore e regista versatile, quasi sempre lontano dai...

News
24 Febbraio 2017

I David di Donatello sono i premi “ufficiali” del cinema italiano. I nostri Oscar, i nostri César. C'è stato un tempo nel quale godevano di un certo riconoscimento anche all'estero, specie negli...

News
24 Febbraio 2017

Del mio grado di conoscenza della lingua inglese non frega giustamente niente a nessuno. Ne parlo solo per cercare di coinvolgervi in una riflessione ardita. Diciamo che secondo gli standard dell...

News
10 Febbraio 2017

L'incontrovertibile e l'opinabile nelle critiche a La La Land. Ad esempio: la sgangheratezza di alcune scene è facilmente dimostrabile, dal finto piano sequenza iniziale alla poca...

News
4 Febbraio 2017

Multisala d’essai di un capoluogo di provincia. C’è anche un bar, con ottimi avventori, whiskey irlandese e birre artigianali. Domando a uno degli audaci gestori (perché gestire un multiplex d’...

News
4 Febbraio 2017

Per evitare di commentare fatti alternativi conviene a volte restare sui numeri, che non dicono bugie. Leggendo il rapporto sui dati del mercato cinematografico 2016 di CINETEL si fanno scoperte...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy