Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Caterina Bogno dice che Forza maggiore è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai5 alle ore 21:15.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

In edicola: Martedì, 13 Novembre, 2018

Intervista a Stéphane Brizé, Lost Highway su Cinema e Lavoro e sui film a episodi, approfondimento sui B Movies, I migliori film italiani: Umberto D., Scanners di Fantômes, Serial Minds di Wanderlust e Paradise Police, locandina di I compagni di Mario Monicelli e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Delle guerre e dell'arte

In questo numero dedicato a In guerra vogliamo tornare su una guerra durata otto giorni e sette notti, una guerra che abbiamo vissuto sulla pelle e che abbiamo scelto di raccontare. È il 2009 e quattro operai della INNSE - la storica ex Innocenti di Milano - salgono su un carroponte e bloccano lo smantellamento delle macchine impedendo la chiusura della fabbrica. È una lotta che diventa simbolo e ispirazione, un gesto politico che doveva essere narrato. Il nostro film Dell’arte della guerra (2012) nasce all’inizio della grande crisi, quando il mondo operaio dato per estinto torna alla ribalta e si ribella alla sua invisibilità e a un immaginario che lo vuole accantonato tra le figure mitologiche del secolo scorso, o che lo veste da caso umano da compiangere e sfruttare. A distanza di anni rimettere al centro il racconto della lotta non cessa di essere prioritario, così come le parole d’ordine che ci hanno fatto concepire il film come un manuale militare in quattro atti: individuare il nemico, conoscere il territorio, organizzare l’esercito, costruire una strategia. La battaglia che nasce in fabbrica può diventare il braccio armato del gesto cinematografico, l’atto stesso del filmare può trasformarsi in guerra. Il cinema è un’arte da combattimento, per rubare le parole a Godard. Allora forse è davvero necessario tornare a individuare il nemico e a capire come filmarlo, o come negarlo alla vista dello spettatore, ricordando che in guerra essere partigiani è un obbligo, e che la ragione deve (ri)trovare le parole per combattere. Schiavo, padrone, odio. L’immagine cinematografica può permettersi di ridisegnare la Storia, può rimettere in discussione il sentimento di conciliazione, può infettare lo sguardo e abbattere le certezze così come sono stati abbattuti i capannoni della periferia milanese. Gli stessi capannoni, le stesse ciminiere che il cinema italiano ha usato come indice del mondo operaio, delle sue lotte e delle sue sconfitte, e che ormai sono teatri abbandonati di un paesaggio urbano dove il lavoro, e la lotta, sono solo ornamenti dell’iconografia pubblicitaria. Urlare le parole, costruire un’immagine, affilare le armi del cinema, fondare un’arte della guerra. Gli operai della INNSE hanno vinto, oggi la fabbrica è ancora produttiva. Solo uno dei quattro saliti sul carroponte lavora ancora nello stabilimento di Lambrate, uno è in pensione e due sono stati licenziati. Dei 49 operai del 2009 ne restano 24, ma la INNSE è ancora in guerra.

L'opera-vita di un cineasta unico

Tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma, dal 18 al 28 ottobre, come sempre all’Auditorium Parco della Musica della Capitale. Evento centrale, la consegna del premio alla carriera a Martin Scorsese. Il cineasta di New York, da poco diventato anche cittadino italiano (entrambi i suoi nonni paterni venivano da Polizzi Generosa in provincia di Palermo), introdurrà una rassegna di nove titoli, i suoi preferiti del nostro cinema (si sa per certo che uno è Il posto di Ermanno Olmi). Noi lo omaggiamo con un ampio speciale che tiene conto di una carriera lunghissima, e ovviamente straordinaria.

News
10 Ottobre 2018

Dopo la scritturazione di Chris Evans, che ha seguito di pochi giorni quella del protagonista Daniel Craig, il nuovo progetto di...

News
9 Ottobre 2018

Ridley Scott fa un tuffo nel passato e uno nel futuro. Il regista inglese, infatti, ha raggiunto un accordo con TNT per la regia di una nuova serie di...

News
9 Ottobre 2018

In attesa del nuovo capitolo della saga, firmato da David Gordon Green (in sala dal 25 ottobre), nel quale Jamie Lee Curtis affronta per l’ultima (?) volta Michael Myers, a 40 anni dall’uscita il...

Articolo - Cineteca
9 Ottobre 2018

Yellowieg, ex sergente dell’esercito nordista, scova un ribelle confederato, ma durante una sparatoria uccide accidentalmente un bambino, figlio di Kit, donna considerata “di facili costumi”...

News
9 Ottobre 2018

Maggie Gyllenhaal l'ha voluto a tutti i costi: in tandem con la casa di produzione Pie Films ha trattato con Maurizio Dell’Orso di Edizioni E/O per acquisire i diritti di ...

News
8 Ottobre 2018

Non si tratta del forziere con dobloni d'oro, ma poco ci manca. A detta di una fonte che sembra particolarmente attendibile, la moglie Suzanne Desrocher, George Romero avrebbe...

News
8 Ottobre 2018

L'artista precedentemente noto come Festival internazionale del film di Roma ha annunciato, per bocca del suo direttore artistico Antonio Monda, il programma della sua 13esima...

Lista
8 Ottobre 2018

Lo humour più feroce che "english" dei dieci migliori comici britannici

News
6 Ottobre 2018

La storia di Riace e del suo sindaco Domenico (Mimmo) Lucano sono oggetto del documentario Un paese di Calabria, realizzato da Shu Aiello e Catherine Catella. Le due registe e...

News
6 Ottobre 2018

E anche Le cronache di Narnia si accomodano nel comodo salotto di Netflix. Il colosso dello streaming ha annunciato di avere, pochi giorni fa, firmato...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy