The Host di Andrew Niccol - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 13/2013

The Host


Regia di Andrew Niccol

Umano non umano. Tutto il cinema (straordinario e altamente sottostimato) di Andrew Niccol viaggia - nel tempo e nello spazio - tra i confini di questa dicotomia. Un cinema che vive dell'urgenza di denunciare ogni forma di colonialismo - fisico, mentale, materiale, di frontiera - nella speranza di vincerlo combattendo. Fin dai tempi di The Truman Show, di cui Niccol (non si ricorda mai abbastanza) è stato il geniale autore. Non fa eccezione The Host, opus n. 5, ennesimo capolavoro di un percorso morigerato e intenso, tratto dal bestseller (in Italia edito da Rizzoli con il titolo L'ospite) della fortunata Stephenie Meyer, proprio quella della Saga di Twilight. «Cosa succederebbe» quasi urla lo strillo di lancio «se tutto ciò che ami ti venisse strappato in un batter d'occhi?». L'anima, per esempio, infilata nel corpo di un altro, che magari ha già vissuto cento vite e proviene da Gattaca o da chissà quale altro pianeta o universo. Siamo - come sempre accade nei territori niccoliani - nel futuro. In un futuro che mette i brividi (paiono i nostri giorni), a un tiro di schioppo da In Time (precedente lavoro del Nostro), dove un invasore alieno ha (per l'appunto) colonizzato la Terra, apparentemente in maniera pacifica, in realtà togliendo ai suoi abitanti la cosa più importante, ovvero l'identità, il cuore pulsante del pensare e dell'amare. Per fortuna, da qualche parte, in una zona desertica dentro una montagna, sopravvive la Resistenza. Un manipolo di umani non ancora disumanizzati, che si difende con fucili da cowboy e coltiva il grano sfruttando - con un gioco di specchi - la luce del sole che, caparbia, filtra fra le rocce e le pareti. Due mondi contrapposti, dunque: la razza aliena ipertecnologica, dagli occhi di ghiaccio, che gira su fiammanti Lotus Evora senza avere bisogno di alcun contatto fisico; e ciò che resta del mondo, l'unico che (per ora) conosciamo, che invece non può fare a meno di lavorare per mangiare, di toccarsi per a- mare, di uccidere (se necessario) per non morire. Romantico, metaforico, poetico.

The Host (2013)
Titolo originale: The Host
Regia: Andrew Niccol
Genere: Fantascienza - Produzione: Usa/Svizzera - Durata: 125'
Cast: Rachel Roberts, Shyaam Karra, Brent Wendell Williams, Jhil McEntyre, Jalen Coleman, Saoirse Ronan, Diane Kruger, Stephen Rider, Jaylen Moore, Stephen Conroy

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


The Host» Cineteca (n° 52/2016)
The Host» streaming (n° 26/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy