Muffa di Ali Aydin - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 19/2013

Muffa


Regia di Ali Aydin

Scorrono i giorni, macerano in una Turchia dimenticata e dipinta d'ocra marcio, scura nella notte eterna di uomini che controllano i binari delle ferrovie, ma non conoscono vie di fuga. È una larva impaziente quella che s'agita nella vita di Basri, sessantenne chiuso in se stesso sotto il sole grigio di questa bellissima palude, solo, umiliato, sangue smorto ancorato soltanto a un'attesa: ovvero che il figlio, scomparso, ritorni. Dopo 18 anni, Basri è ancora lì, triste, alienato, gentile. Persiste ad ascoltare la radio che il giovane gli ha regalato, s'ostina a scrivere lettere al ministero degli interni e alla questura: chiede tracce, semplicemente. Che siano un bagliore di speranza, che siano un lutto da elaborare. Dai notiziari ottiene solo il brusio incessante di un mondo straniero, dalle istituzioni raccoglie un'unica risposta: «Suo figlio era avverso alle politiche del governo». Punto. Così, durante uno degli interrogatori che Basri subisce da funzionari stanchi delle sue richieste, quest'uomo silente racconta: della sua infanzia, della morte prossima da sempre, della moglie defunta, della solitudine. Della sua resistenza fisica inspiegabile, se non con una missione: attendere, cercare. Ancora. 14 minuti di camera fissa, la voce di Basri in monologo, poi un taglio sul suo volto, muto: le parole, che dettano frementi l'epica pervicace di un piccolo uomo, sopravvivono fuori campo, lontane dal labiale. Ed è in questo stralcio di cinema morale e tesissimo il senso etico ed estetico di Muffa, Leone del futuro alla 69ª Mostra di Venezia, opera prima che narra di desaparecidos, dei vuoti creati dal governo turco negli anni 90, del dolore di chi è rimasto, dell'assenza di catarsi, di risposte. La geometria inflessibile mima la logica antiumanista del Potere, è la forma ricorrente con cui il cinema d'oggi e ieri s'esprime disperato, imploso, rassegnato, mentre nel freddo emotivo monta, s'affanna, arranca resistenziale una storia dostoevskijana, che vuole fortissimamente, che necessita di farsi raccontare. Nonostante le ellissi, le lacune, gli abissi che le costruiscono intorno. Per questo, nel paradosso della tragedia, quando l'Istituzione colma il vuoto di cui Basri vive, il film non può che finire. Non c'è più niente da dire, nulla da chiedere, nessuno per vivere. Solo da rimpiangere nei giorni che scorrono, che macerano statici nell'ocra silente di una terra straniera.

Muffa (2012)
Titolo originale: Küf
Regia: Ali Aydin
Genere: Drammatico - Produzione: Turchia/Germania - Durata: 94'
Cast: Ercan Kesal, Muhammet Uzuner, Tansu Biçer, Ali Çoban, Serpil Goral

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Muffa» streaming (n° 10/2019)
Muffa» streaming (n° 36/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy