Il caso Kerenes di Calin Peter Netzer - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 25/2013

Il caso Kerenes


Regia di Calin Peter Netzer

Cornelia Kerenes ha 60 anni. È un'esponente dell'alta borghesia rumena e, soprattutto, una madre. Importuna e impudente. Barbu, suo figlio, di anni ne ha 34, di cui gli ultimi passati a fuggire con affanno dal respiro apprensivo di Cornelia. E, inconsciamente, a tornare sempre a lei, come se il cordone ombelicale fosse un giogo. Stretto. O, più precisamente, la corda elastica del bungee jumping, per cui a ogni andata corrisponde un ritorno di uguale intensità. Così quando Barbu, allo zenith dell'irresponsabilità, uccide in un incidente stradale un quattordicenne, alla madre è data la possibilità di riappropriarsi prepotentemente del proprio bimbo cresciuto, di tornare a decidere del suo destino: e mentre lui lenisce le poche ferite di corpo e spirito, lei fa di tutto per non farlo rinchiudere in prigione. E per tenerlo, nuovamente, nella sua. L'omicidio di un giovane è dunque, per Cornelia, un'occasione. Non c'è mai, nel film, una riflessione sulla tragedia, una domanda su ciò che è bene e ciò che è male, un interrogativo su quale sia la verità. Perché non conta. Contano i privilegi di una classe sociale su un'altra, i favoritismi che Cornelia riesce a ottenere, conta il denaro con cui cerca di comprare tutto. La Legge. Il perdono. Così, a fronte di una famiglia che perde un figlio, lei ritrova il suo. E il dramma di un futuro negato, le lacrime di chi piange il lutto sono ridotti a elementi di una prassi, di un iter burocratico, di una guerra personale da affrontare con preciso calcolo, mirata strategia. A 24 anni dalla fine del regime di Ceausescu la Romania continua a confrontarsi con un passato (Cornelia), un Potere, un tipo antropologico abituato a falsificare il reale, adattandolo al proprio scopo, a scapito del popolo. Barbu, di tutto ciò, è il frutto, l'eccesso. La vittima, persino. Netzer mette in scena lo scontro tra la realtà che s'accumula nella lunga durata delle inquadrature e la realtà costruita da Cornelia. Ed è uno scontro grottesco e feroce. Violento. Scritto mirabilmente dal regista insieme a Razvan Radulescu, responsabile del miglior cinema rumeno degli ultimi 20 anni, Il caso Kerenes è un chirurgico dramma edipico, furiosamente politico, girato come fosse un poliziesco di Michael Mann. Orso d'oro (meritato) alla Berinale 2013.

Il caso Kerenes (2013)
Titolo originale: Pozitia Copilului
Regia: Calin Peter Netzer
Genere: Drammatico - Produzione: Romania - Durata: 112'
Cast: Luminita Gheorghiu, Bogdan Dumitrache, Natasa Raab, Ilinca Goia, Florin Zamfirescu, Vlad Ivanov, Mimi Branescu, Cerasela Iosifescu, Adrian Titieni, Tania Popa

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il caso Kerenes» streaming (n° 08/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy