Che strano chiamarsi Federico di Ettore Scola - la recensione di FilmTv

970x250.JPG

Recensione pubblicata su FilmTv 38/2013

Che strano chiamarsi Federico


Regia di Ettore Scola

C'eravamo tanto divertiti... Ettore Scola a Venezia 2013 era incredulo della commozione suscitata da Che strano chiamarsi Federico, Fuori concorso alla Mostra. La loro amicizia, infatti, nacque e prosperò sotto il segno dell'ironia e dell'autoironia, dei vagabondaggi notturni, di un disincanto non privo di tenerezza. «È una festa la vita, viviamola insieme», diceva Mastroianni in 8 1/2. Il film è un memoir (in italiano, amarcord) ed è un tributo all'amico nel ventennale della scomparsa, sceneggiato dal regista ottuagenario con le figlie Paola e Silvia, e interpretato fra gli altri da Tommaso e Giacomo Lazotti (nipoti di Scola) e da Vittorio Viviani nei panni del narratore. Mutua il titolo da un verso di García Lorca e si sfoglia come un album dei ricordi o uno zibaldone visionario, secondo la formula felliniana del regesto di pensieri, aneddoti, sodalizi, amori (per pudore v'è giusto un accenno a Giulietta Masina). Fellini era nato a Rimini nel 1920, Scola è del 1931, originario di Trevico nella Campania irpina. Due provinciali a Roma madre matrigna mignotta. Si riconobbero grazie alla comune passione per le vignette, le storielle e i sogni in celluloide, nella redazione della rivista umoristica "Marc'Aurelio". Eccoli poi affermati e infine invecchiati, mai privi di curiosità, «a caccia» di incontri e personaggi: Sergio Rubini è un madonnaro scettico sul cinema; Antonella Attili impersona la prostituta di La dolce vita con un'eco di Le notti di Cabiria. Gli episodi ricostruiti nel mitico Teatro 5 di Cinecittà si alternano a immagini di repertorio, stralci dei capolavori di Fellini o delle sue interviste con la vocina reticente o menzognera. Una chicca? La sequenza, esilarante e un po' crudele, dei provini ai quali si sottoposero Sordi, Gassman e Tognazzi per il Casanova, mentre Federico aveva già scelto Donald Sutherland! Fellini sempiterno Pinocchio, nonostante i cinque Oscar vinti e l'affetto della gente che in lui intravide un riscatto simbolico dell'Italia perbene. Ed è degno di Collodi il finale di Che strano chiamarsi Federico: durante l'estremo saluto dei romani, il morto risorge e scappa, inseguito da due carabinieri in alta uniforme fra le scenografie di Cinecittà.

Che strano chiamarsi Federico (2013)
Titolo originale: Che strano chiamarsi Federico
Regia: Ettore Scola
Genere: Biografico - Produzione: Italia - Durata: 90'
Cast: Tommaso Lazotti, Maurizio De Santis, Giacomo Lazotti, Giulio Forges Davanzati, Ernesto D'Argenio, Emiliano De Martino, Fabio Morici, Carlo Luca De Ruggieri, Andrea Salerno, Sergio Rubini

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Goffredo Fofi racconta: Il mio...» Interviste (n° 37/2013)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy