The Canyons di Paul Schrader - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 46/2013

The Canyons


Regia di Paul Schrader

Doppia coppia sul tavolo dello script: Christian & Tara, Gina & Ryan. Un produttore & la sua compagna, la segretaria & l'attore raccomandato nel nuovo film del producer. Il rapporto nascosto tra Tara e Ryan, scoperto da Christian, è la tessera che innesca l'effetto domino di delitti e castighi. Paul Schrader incontra Bret Easton Ellis sceneggiatore: un cinema di lacerato calvinismo, in cui l'immagine è sempre scissa tra la colpa e il desiderio, il peso della vergogna e l'ansia di redenzione, si ridimensiona agli streaming di Netflix (tramite cui il film è stato distribuito), al corpo sfatto di un'altra divetta maudit (Lindsay Lohan) e di un pornoattore (James Deen), mentre la scrittura di chi s'è sciolto nello status quo dell'immaginario continua a raccontarne il degrado, dopo che nelle pagine degli ultimi e incompresi Lunar Park e Imperial Bedrooms aveva narrato solo di detriti e paranoia, di identità frantumate ma superficiali, di sequel infedeli, incoerenti, fallimentari. Sono modi e frasi rituali quelli che abitano The Canyons, come se il cinema ricordasse solo i momenti elementari della sua storia e li riproducesse a stento; come se i generi, il noir soprattutto, fossero una forma evacuata, narrazione solo superficiale in cui i protagonisti non elaborano pensieri, ma reagiscono soltanto, attingendo a un dizionario di parole e gesti limitato, come automi per cui la memoria è solo materiale accumulato, privo di coscienza (è moralismo critico che si fa immagine: chi cerca profondità ritorni al romanzo ottocentesco). Anche il mélo s'arrende al primo ostacolo di crisi: l'amore è impossibile, perché finisce, soprattutto, per amore dei soldi. Il ritmo del dialogo è alienato, gli occhi sono vacui, affogati nei cristalli liquidi degli smartphone, il sesso e l'omicidio sono squarci nell'ovatta del reale, i cinema chiudono, i canyons sono le strade di L.A. al netto dei sogni un tempo fabbricati, quando le storie su pellicola erano i miti con cui raccontare e raccontarci. Oggi, quando la protagonista guarda film in tv, le immagini lasciano il posto a una chat: non è il cinema - da tempo - ciò che definisce l'immaginario, la paura e il desiderio, ma è la rete, la messaggistica istantanea, la memoria dei social network, lo schermo minuscolo di un tablet. Al posto dei film, qui, c'è il controllo della vita degli altri. The Canyons è una rovina, un'allucinazione di lucidità annichilente, come solo Cosmopolis di Cronenberg.

The Canyons (2013)
Titolo originale: The Canyons
Regia: Paul Schrader
Genere: Thriller - Produzione: Usa - Durata: 99'
Cast: Lindsay Lohan, James Deen, Nolan Gerard Funk, Amanda Brooks, Tenille Houston, Gus Van Sant, Jarod Einsohn, Chris Zeischegg, Victor of Aquitaine, Jim Boeven

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


The Canyons» Cineteca (n° 44/2019)
Paul Schrader - Autofocus» Servizi (n° 46/2013)
The Canyons» Cineteca (n° 10/2017)
The Canyons» Secondo Matteo (n° 49/2019)
The Canyons» streaming (n° 52/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy