Frankenweenie di Tim Burton - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 03/2013

Frankenweenie


Regia di Tim Burton

Mentre ritira dal proiettore la pellicola bruciata del suo monster movie amatoriale, Victor afferma convinto: «Posso aggiustarlo». Così oggi Tim Burton, autore riconosciuto e sfruttata griffe commerciale, può aggiustare il suo Frankenweenie (1984). Facendone un lungometraggio non in live action, ma in stop motion, come ai tempi avrebbe voluto, e prendendosi una rivincita con la Disney, che non aveva apprezzato la classificazione Parental Guidance. Storia di un novello Dr. Frankenstein la cui ossessione prometeica è resuscitare il proprio amatissimo cane, Frankenweenie 3D segue l'originale, mantenendo il b/n, ricordandone le ambientazioni, sviluppando le psicologie e arricchendo le linee narrative: un cenno di malinconico affaire amoroso con l'incarnazione animata della Winona Ryder di Beetlejuice. Spiritello porcello e, soprattutto, l'antagonismo con i compagni di scuola, gruppo di innate solitudini in corpi da imberbi classici horror Universal. Così la deprecabile caccia al (cane) diverso non è più frutto del fascioconformismo della comunità, ma, in primis, degenerazione di una competizione tra bimbi tristi. Scelta che ammorbidisce la satira, come innocenza del pubblico implicito Disney desidera. E che pone in luce chiaroscurale (unica vera idea di questa ulteriore buona conferma d'automatismo poetico) l'isolamento affettivo dei bambini: soli anche in gruppo, sono disinteressati all'umanità. E resuscitano solo creature non umane, non sociali. Nel 2012, oltre a Frankenweenie 3D, anche 7 psicopatici e l'inedito gioiello neosurrealista Wrong prendono il la dalla scomparsa di un cane e dalla conseguente ricerca del padrone. Sono sinossi da apocalisse sentimentale: non più il miglior, ma l'unico amico dell'uomo. Ovviamente la società è redenta, l'happy end coatto: Frankenweenie rimane una fiaba. Oggi, però, decisamente consapevole e (auto)celebrativa, vedi giochi metatestuali (i mostri del corto di Victor ritornano, il 3D è messo subito in abisso) e omaggi (a Vincent Price e La bambina che fissava, a Godzilla, ai Gremlins e Mars Attacks!). Un bel film, per i bimbi. E per chi non è stanco dell'eterno ripetersi dello schema Burton.

Frankenweenie (2012)
Titolo originale: Frankenweenie
Regia: Tim Burton
Genere: Animazione - Produzione: USA - Durata: 87'
Cast: Catherine O'Hara, Martin Short, Martin Landau, Charlie Tahan, Atticus Shaffer, Winona Ryder, Robert Capron, James Hiroyuki Liao, Conchata Ferrell, Tom Kenny

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Frankenweenie» Cineteca (n° 26/2016)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy