Il comandante e la cicogna di Silvio Soldini - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 43/2012

Il comandante e la cicogna


Regia di Silvio Soldini

È durissima da fare la commedia oggi in Italia, sia per lo forma sia per la sostanza. Forse è impossibile, perché si è sempre superati dalla realtà che è però solo farsa in «questo Paese» (come dicono nei momenti pensosi dei talk show) dove tutti sono innocenti: ma più gli inquisiti si dichiarano "sereni", meno lo siamo noi. Non lo sono neppure Garibaldi, Leopardi, Verdi, Da Vinci e altri padri della patria (ma anche l'anonimo liberal Cazzaniga dal cuore berlusconiano che dà del comunista all'eroe dei due mondi). Loro ci guardano dall'alto e vedono un'Italia popolata di malfattori squallidi, trafficanti di morale e commissioni e poi di povera gente (siamo a Torino, ma si può scegliere), strani moralizzatori clochard, minorenni in panne e gettati allo sbaraglio nella Rete in pose private. E nello studio d'un avvocato dedito al Milan e a manie di grandezza, pieno di clienti e assessori da galera, si trovano e si amano un idraulico con figli (la moglie, drogata di caffè aspirato dal barattolo, va e viene) e un'artista quasi graffitara dall'aria innocente che non sa come pagare l'affitto. E poi c'è la cicogna, è lei la leggerezza simbolica, il simbolo positivo di qualcosa che deve nascere e speriamo faccia in fretta. Soldini sta in equilibrio un po' precario, proprio come le gambe della sua cicogna prodigiosa, ma è umanamente ricco di un'amarezza da sempre sentita che si sforza, a volte riuscendoci, di tradurre in balletto grottesco, fino a rasentare la pochade delle mazzette e degli intrighi: si inizia rubando rane nel reparto surgelati, poi si va nel reparto immobiliare. Scegliendo uno stile démi surreale, il regista di Pane e tulipani tiene aperti i suoi bilanci, quello pessimista del come siamo ridotti (tanto lo dice Garibaldi, come aveva previsto Davide Ferrario) e quello che invece ci terrebbe a rendere, tra giorni e nuvole, le famiglie felici ma tutte in modo diverso. Attori non solo bravi ma complici, amici e amanti dell'idea originaria, da Valerio Mastan-drea a Giuseppe Battiston, da Alba Rohrwacher a Claudia Gerini, da Luca Zingaretti a Maria Paiato, non sottovalutando i due minorenni, e gli indovinati, originali titoli di testa alla Saul Bass.

Il comandante e la cicogna (2012)
Titolo originale: -
Regia: Silvio Soldini
Genere: Commedia - Produzione: Italia/Svizzera/Francia - Durata: 108'
Cast: Pierfrancesco Favino, Alba Rohrwacher, Luca Zingaretti, Claudia Gerini, Valerio Mastandrea, Giuseppe Battiston, Giuseppe Cederna, Neri Marcoré, Maria Paiato, Gigio Alberti

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il comandante e la cicogna» streaming (n° 46/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy