Benvenuti al Nord di Luca Miniero - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 04/2012

Benvenuti al Nord


Regia di Luca Miniero

A pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca quasi sempre. E magari non serviva tirare in ballo Andreotti per immaginare che dopo i 30 milioni di incasso piovuti dal cielo su Benvenuti al Sud, il sequel doveva arrivare anche senza una vera storia da raccontare. Ed è arrivato, con le situazioni che si ripetono uguali e contrarie. Altre barzellette, tic e manie. Per scoprire, dopo un incipit da musicarello anni 80 con i ballerini in Piazza Duomo, che all'ombra della Madonnina si lavora sodo. Anche alle Poste (che brandizzano tutto il brandizzabile, come in una televendita). Si fa il meeting e il pilates, ci vuole il brainstorming per mettersi d'accordo per la cena, si fa colazione con due fette biscottate. Al bar il caffè è un rosario di ristretto, moka choc, americano con l'acqua calda a parte. «Se svieni ti passano sopra» ma la battuta c'era già in F.F.S.S. cioè: "...che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?" di Arbore. Lecito aspettarsi il peggio quando il portalettere di Castellabate, Alessandro Siani, mollato dalla compagna perché non riesce a pronunciare «mutuo», decide di raggiungere l'amico e collega Claudio Bisio. A tavola gli offrono il sushi e lui si alza di scatto: «Ok, uscimm'». Anche l'impiegato meneghino non se la passa bene, vessato dalla moglie che vuole la seconda casa e poi lo molla. E dal manager Paolo Rossi: «Un Marchionne nel corpo di Brunetta» (copyright Bisio). Si procede per scenette, si ridacchia. Come quando Angela Finocchiaro (doppio ruolo, anche da nonnina) si lancia in un grammelot milanese con Salvatore Misticone, presenza scenica tra baffi e coppola, che gli risponde in dialetto stretto. Si va di repertorio comico: Bisio ciclista sulla Graziella fuori misura, le capocciate quando passa la modella, la partita alla Tv. Ancora citazioni da Totò, Peppino e la... malafemmina, con lo sbarco alla stazione e la pummarola in valigia. Si arriva in fondo con il fiato corto per far quadrare la favoletta, prima che Emma Marrone balli e canti Volare sui titoli di coda. Ma fra tante scorciatoie, anche un percorso alternativo alla scoperta della Milano in trasformazione, di cinesi bauscia e vecchi razzismi. E lo sguardo di Luca Miniero, regista, che spazia tra i nuovi grattacieli che incombono sulle antiche cascine. Tra la meraviglia e l'angoscia. Quasi da Neorealismo dell'Italia del Boom.

Benvenuti al Nord (2012)
Titolo originale: -
Regia: Luca Miniero
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 110'
Cast: Claudio Bisio, Alessandro Siani, Angela Finocchiaro, Valentina Lodovini, Paolo Rossi, Nunzia Schiano, Nando Paone, Giacomo Rizzo, Fulvio Falzarano, Francesco Brandi, Emma Marrone

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Caos calvo - Intervista a Claudio...» Interviste (n° 03/2012)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy