Enter the Void di Gaspar Noé - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 49/2011

Enter the Void


Regia di Gaspar Noé

Tokyo. Pusher immigrato 20enne vive con la sorella minore, spogliarellista. Muore, tradito, dopo avere tradito la fiducia di un amico. In punto di morte il suo sguardo (ri)percorre passato, presente, e un ipotetico futuro. Come un 2001: Odissea nello spazio a misura di ottusità adolescenziale, come un concentrato di suggestioni raggrumate nella mente di chi ha sentito parlare, una volta, del Libro tibetano dei morti: Gaspar Noé, al solito, propone un cinema regressivo, che faccia sperimentare allo spettatore i limiti, le semplificazioni, gli stereotipi di cui può cibarsi l'immaginario umano, dando forma a un pensiero ridotto ai minimi termini, a nessi causa/effetto che ne rivelano l'anima egoistica, la dinamica reazionaria, la logica capitalista dei sentimenti. In un tour de force sinestetico e sperimentale tecnicamente impressionante, Noé impone allo spettatore di confrontarsi (e farsi complice osceno) della visione del proprio (mediocre, meschino, umano troppo umano) protagonista, modulando la visione in tre differenti tipologie di soggettiva, passando dallo sposarne lo sguardo allo sposarne il pensiero: eppure non c'è fascinazione, in questo filmcervello dove non esiste mistero, tutto è letterale, sfacciato, The Void è un locale, prima che vuoto esistenziale. Il cinema di Noé (sotto l'egida di Agnès B.) coniuga linguaggi inconciliabili, ha il respiro provocatorio dell'arte contemporanea, è esperienza immersiva che affoga lo spettatore nei propri elementari luoghi oscuri, in rimossi in fondo familiari, stordendo i sensi, prendendosi gioco di forme precostituite di cinema e morale, perturbando. E, dunque, invitando a ripensarsi.

Enter the Void (2009)
Titolo originale: Enter the Void
Regia: Gaspar Noé
Genere: Drammatico - Produzione: Francia/Germania/Italia/Canada - Durata: 161'
Cast: Paz de la Huerta, Nathaniel Brown, Cyril Roy, Olly Alexander, Masato Tanno, Ed Spear, Emily Alyn Lind, Jesse Kuhn, Nobu Imai, Sakiko Fukuhara
Sceneggiatura: Gaspar Noé
Montaggio: Marc Boucrot, Gaspar Noé, Jerome Peznel
Fotografia: Benoît Debie

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il quinto elemento» Locandine (n° 19/2018)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy