Ai confini del Paradiso di Fatih Akin - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 46/2007

Ai confini del paradiso


Regia di Fatih Akin

Tra Germania e Turchia. Tra Turchia e Germania. Amburgo, Brema, Istanbul, Trabzon (Trebisonda). Un'Europa che si allarga e si unisce, che è ancora divisa e diversa, si integra e si scopre incerta e paurosa, attraversata e tagliata da confini ufficialmente invisibili, in realtà ancora profondi. A Brema, il vecchio turco Ali decide di vivere con una prostituta, Yeter, che fa il mestiere per aiutare negli studi la figlia Ayten, a Istanbul. Lui ha un figlio, Nejat, che insegna all'università. Quando, in un litigio, Ali uccide accidentalmente la donna, Nejat va in Turchia a cercare Ayten... E comincia un ininterrotto viaggio tra i due paesi: qualcuno/qualcuna si sposta a cercare un altro/un'altra che si è già spostato, in fuga o in cerca di qualcosa... Una ragnatela di percorsi lungo i quali si intrecciano motivi e domande, la diversità delle culture, lo sradicamento, la solitudine, la pietà, il cambiare patria e non trovarne un'altra adottiva. Anche il terrorismo e il fondamentalismo. Anche un amore lesbico. Fatih Akin, uno dei più interessanti nomi nuovi del cinema interetnico europeo, non ha paura di accumulare temi e questioni: questo è il suo mondo (e il nostro). Nato in Germania da una famiglia di turchi immigrati, è arrivato al quinto film. Da noi è conosciuto per l'energico La sposa turca, Orso d'oro a Berlino nel 2004, e per un bel documentario sulla musica turca, Crossing the Bridge - The Sound of Istanbul. Presentato a Cannes, Ai confini del paradiso ha vinto il premio per la sceneggiatura: che si fonda su un continuo andare e venire, un voler ritornare a casa non sapendo dove stiano le proprie radici, un passarsi accanto senza riconoscersi pur vivendo la stessa storia. Incastri mancati: Akin vuole che ci perdiamo, storditi, dentro questo labirinto come si perdono i protagonisti (per ritrovarsi, forse). Regia solida e matura. Vengono in mente il turco Güney e il tedesco Fassbinder (anche perché c'è Hanna Schygulla). Un bel melodramma romanzesco. Intimo, nonostante tutto.

Ai confini del paradiso (2007)
Titolo originale: Auf der anderen Seite
Regia: Fatih Akin
Genere: Drammatico - Produzione: Germania/Turchia/Italia - Durata: 122'
Cast: Baki Davrak, Hanna Schygulla, Patrycia Ziolkowska

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy