Civico zero di Francesco Maselli - la recensione di FilmTv

970x250.JPG

Recensione pubblicata su FilmTv 48/2007

Civico zero


Regia di Francesco Maselli

Ispirandosi al libro Il nome del barbone di Raffaele Bonadonna, Citto Maselli ha rimesso in scena le testimonianze di alcune persone finite fra gli homeless facendole interpretare ad attori. Il modello è quello del sottile equilibrio tra finzione e verità del Zavattini anni 50, de L'amore in città (dove Maselli era presente con il memorabile Storia di Caterina). Come risultato, invece, immaginate le ricostruzioni filmate di Chi l'ha visto? allungate per un'ora e venti. E a dispetto dell'ostentata immediatezza della messinscena, abbondano grevi infiorettature (ralenty, inquadrature "artistiche", abuso della musica). Fino al primo episodio (su un'immigrata etiope) ci si può anche arrabbiare per la disinvoltura iper-ideologica e iper-poeticistica, ma quando al secondo arriva la Muti afflitta che fa la clandestina rumena, il film scivola serenamente nel ridicolo. Nell'ultimo episodio, Massimo Ranieri è un fruttivendolo che finisce in disgrazia. Anziché mandare in sala questa roba, il Luce avrebbe potuto più utilmente distribuire qualcuno dei numerosi ottimi documentari di giovani registi che, loro sì, raccontano con umiltà e creatività il nostro paese, e che non avranno mai l'onore del grande schermo.

Civico zero (2007)
Titolo originale: -
Regia: Francesco Maselli
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 0'
Cast: Ornella Muti, Massimo Ranieri, Letizia Sedrick, Valeria Golino

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy