La fiera delle vanità di Mira Nair - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 11/2005

La fiera delle vanità


Regia di Mira Nair

William Makepeace Thackeray (1811-1863) è l'autore, oltre che delle Memorie di Barry Lyndon, anche di La fiera delle vanità, un librone di quasi mille pagine, uscito nel 1848. Difficile stringerlo fino a farlo stare in un film. Bisogna sfrondare e tagliare i rami laterali, col pericolo di ridurre l'affresco di un mondo a un rapido schizzo. Anche se il sottotitolo del romanzo è a novel without a hero, un romanzo senza protagonista, i protagonisti sono due. Due donne. La prima è Becky Sharp, orfana, intelligente, astuta e perfida, che vuole farsi strada a gomitate e colpi bassi nella società inglese del primo '800. L'altra è Amelia Sedley, virtuosa, carina e scioccherella. Mira Nair, in versione londinese, mette in scena la vicenda con puntigliosa applicazione, almeno nella prima metà del film. Poi, si deve mettere a correre per stipare troppi avvenimenti nel tempo che resta. Quel che manca qui, come spesso succede quando si ha a che fare con romanzi classici e corposi, è, non diciamo la lucidità kubrickiana, ma almeno un punto di vista su cui far leva per sollevare il film al di sopra della pura e semplice illustrazione della trama: che Mira Nair ci fa velocemente ripercorrere.

La fiera delle vanità (2004)
Titolo originale: Vanity Fair
Regia: Mira Nair
Genere: Drammatico - Produzione: Gran Bretagna/Usa - Durata: 141'
Cast: Reese Witherspoon, Romola Garai, Jonathan Rhys-Meyers, Gabriel Byrne, Jim Broadbent

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy